giovedì 14 giugno 2007

Catullo - Poesie (Carmina)

CATULLO _ CARMINA

I. ad Cornelium

Cui dono lepidum nouum libellum

arida modo pumice expolitum?

Corneli, tibi: namque tu solebas

meas esse aliquid putare nugas

iam tum, cum ausus es unus Italorum

omne aeuum tribus explicare cartis

doctis, Iuppiter, et laboriosis.

quare habe tibi quidquid hoc libelli

qualecumque; quod, patrona virgo

plus uno maneat perenne saeclo.

II. fletus passeris Lesbiae

PASSER, deliciae meae puellae,

quicum ludere, quem in sinu tenere,

cui primum digitum dare appetenti

et acris solet incitare morsus,

cum desiderio meo nitenti

carum nescio quid lubet iocari

et solaciolum sui doloris,

credo ut tum grauis acquiescat ardor:

tecum ludere sicut ipsa possem

et tristis animi leuare curas!

IIb.

TAM gratum est mihi quam ferunt puellae

pernici aureolum fuisse malum,

quod zonam soluit diu ligatam.

III. fletus passeris Lesbiae

LVGETE, o Veneres Cupidinesque,

et quantum est hominum uenustiorum:

passer mortuus est meae puellae,

passer, deliciae meae puellae,

quem plus illa oculis suis amabat.

nam mellitus erat suamque norat

ipsam tam bene quam puella matrem,

nec sese a gremio illius mouebat,

sed circumsiliens modo huc modo illuc

ad solam dominam usque pipiabat.

qui nunc it per iter tenebricosum

illuc, unde negant redire quemquam.

at uobis male sit, malae tenebrae

Orci, quae omnia bella deuoratis:

tam bellum mihi passerem abstulistis

o factum male! o miselle passer!

tua nunc opera meae puellae

flendo turgiduli rubent ocelli.

IV. de phasello

PHASELVS ille, quem uidetis, hospites,

ait fuisse nauium celerrimus,

neque ullius natantis impetum trabis

nequisse praeterire, siue palmulis

opus foret uolare siue linteo.

et hoc negat minacis Hadriatici

negare litus insulasue Cycladas

Rhodumque nobilem horridamque Thraciam

Propontida trucemue Ponticum sinum,

ubi iste post phaselus antea fuit

comata silua; nam Cytorio in iugo

loquente saepe sibilum edidit coma.

Amastri Pontica et Cytore buxifer,

tibi haec fuisse et esse cognitissima

ait phaselus: ultima ex origine

tuo stetisse dicit in cacumine,

tuo imbuisse palmulas in aequore,

et inde tot per impotentia freta

erum tulisse, laeua siue dextera

uocaret aura, siue utrumque Iuppiter

simul secundus incidisset in pedem;

neque ulla uota litoralibus deis

sibi esse facta, cum ueniret a mari

nouissimo hunc ad usque limpidum lacum.

sed haec prius fuere: nunc recondita

senet quiete seque dedicat tibi,

gemelle Castor et gemelle Castoris.

V. ad Lesbiam

VIVAMUS mea Lesbia, atque amemus,

rumoresque senum seueriorum

omnes unius aestimemus assis!

soles occidere et redire possunt:

nobis cum semel occidit breuis lux,

nox est perpetua una dormienda.

da mi basia mille, deinde centum,

dein mille altera, dein secunda centum,

deinde usque altera mille, deinde centum.

dein, cum milia multa fecerimus,

conturbabimus illa, ne sciamus,

aut ne quis malus inuidere possit,

cum tantum sciat esse basiorum.

VI. ad Flauium

FLAVI, delicias tuas Catullo,

ni sint illepidae atque inelegantes,

uelles dicere nec tacere posses.

uerum nescio quid febriculosi

scorti diligis: hoc pudet fateri.

nam te non uiduas iacere noctes

nequiquam tacitum cubile clamat

sertis ac Syrio fragrans oliuo,

puluinusque peraeque et hic et ille

attritus, tremulique quassa lecti

argutatio inambulatioque.

nam inista preualet nihil tacere.

cur? non tam latera ecfututa pandas,

ni tu quid facias ineptiarum.

quare, quidquid habes boni malique,

dic nobis. uolo te ac tuos amores

ad caelum lepido uocare uersu.

VII. ad Lesbiam

QVAERIS, quot mihi basiationes

tuae, Lesbia, sint satis superque.

quam magnus numerus Libyssae harenae

lasarpiciferis iacet Cyrenis

oraclum Iouis inter aestuosi

et Batti ueteris sacrum sepulcrum;

aut quam sidera multa, cum tacet nox,

furtiuos hominum uident amores:

tam te basia multa basiare

uesano satis et super Catullo est,

quae nec pernumerare curiosi

possint nec mala fascinare lingua.

VIII. ad se ipsum

MISER Catulle, desinas ineptire,

et quod uides perisse perditum ducas.

fulsere quondam candidi tibi soles,

cum uentitabas quo puella ducebat

amata nobis quantum amabitur nulla.

ibi illa multa cum iocosa fiebant,

quae tu uolebas nec puella nolebat,

fulsere uere candidi tibi soles.

nunc iam illa non uult: tu quoque impotens noli,

nec quae fugit sectare, nec miser uiue,

sed obstinata mente perfer, obdura.

uale puella, iam Catullus obdurat,

nec te requiret nec rogabit inuitam.

at tu dolebis, cum rogaberis nulla.

scelesta, uae te, quae tibi manet uita?

quis nunc te adibit? cui uideberis bella?

quem nunc amabis? cuius esse diceris?

quem basiabis? cui labella mordebis?

at tu, Catulle, destinatus obdura.

IX. ad Veranium

VERANI, omnibus e meis amicis

antistans mihi milibus trecentis,

uenistine domum ad tuos penates

fratresque unanimos anumque matrem?

uenisti. o mihi nuntii beati!

uisam te incolumem audiamque Hiberum

narrantem loca, facta nationes,

ut mos est tuus, applicansque collum

iucundum os oculosque suauiabor.

o quantum est hominum beatiorum,

quid me laetius est beatiusue?

X. ad Varum

VARVS me meus ad suos amores

uisum duxerat e foro otiosum,

scortillum, ut mihi tum repente uisum est,

non sane illepidum neque inuenustum,

huc ut uenimus, incidere nobis

sermones uarii, in quibus, quid esset

iam Bithynia, quo modo se haberet,

et quonam mihi profuisset aere.

respondi id quod erat, nihil neque ipsis

nec praetoribus esse nec cohorti,

cur quisquam caput unctius referret,

praesertim quibus esset irrumator

praetor, nec faceret pili cohortem.

'at certe tamen,' inquiunt 'quod illic

natum dicitur esse, comparasti

ad lecticam homines.' ego, ut puellae

unum me facerem beatiorem,

'non' inquam 'mihi tam fuit maligne

ut, prouincia quod mala incidisset,

non possem octo homines parare rectos.'

at mi nullus erat nec hic neque illic

fractum qui ueteris pedem grabati

in collo sibi collocare posset.

hic illa, ut decuit cinaediorem,

'quaeso' inquit 'mihi, mi Catulle, paulum

istos commoda: nam uolo ad Serapim

deferri.' 'mane' inquii puellae,

'istud quod modo dixeram me habere,

fugit me ratio: meus sodalis--

Cinna est Gaius-- is sibi parauit.

uerum, utrum illius an mei, quid ad me?

utor tam bene quam mihi pararim.

sed tu insulsa male et molesta uiuis,

per quam non licet esse neglegentem.'

XI. ad Furium et Aurelium

FVRI et Aureli comites Catulli,

siue in extremos penetrabit Indos,

litus ut longe resonante Eoa

tunditur unda,

siue in Hyrcanos Arabesue molles,

seu Sagas sagittiferosue Parthos,

siue quae septemgeminus colorat

aequora Nilus,

siue trans altas gradietur Alpes,

Caesaris uisens monimenta magni,

Gallicum Rhenum horribile aequor ulti-

mosque Britannos,

omnia haec, quaecumque feret uoluntas

caelitum, temptare simul parati,

pauca nuntiate meae puellae

non bona dicta.

cum suis uiuat ualeatque moechis,

quos simul complexa tenet trecentos,

nullum amans uere, sed identidem omnium

ilia rumpens;

nec meum respectet, ut ante, amorem,

qui illius culpa cecidit uelut prati

ultimi flos, praetereunte postquam

tactus aratro est.

XII. ad Matrucinum Asinium

MARRVCINE Asini, manu sinistra

non belle uteris: in ioco atque uino

tollis lintea neglegentiorum.

hoc salsum esse putas? fugit te, inepte:

quamuis sordida res et inuenusta est.

non credis mihi? crede Pollioni

fratri, qui tua furta uel talento

mutari uelit: est enim leporum

differtus puer ac facetiarum.

quare aut hendecasyllabos trecentos

exspecta, aut mihi linteum remitte,

quod me non mouet aestimatione,

uerum est mnemosynum mei sodalis.

nam sudaria Saetaba ex Hiberis

miserunt mihi muneri Fabullus

et Veranius: haec amem necesse est

ut Veraniolum meum et Fabullum.

XIII. ad Fabullum

CENABIS bene, mi Fabulle, apud me

paucis, si tibi di fauent, diebus,

si tecum attuleris bonam atque magnam

cenam, non sine candida puella

et uino et sale et omnibus cachinnis.

haec si, inquam, attuleris, uenuste noster,

cenabis bene; nam tui Catulli

plenus sacculus est aranearum.

sed contra accipies meros amores

seu quid suauius elegantiusue est:

nam unguentum dabo, quod meae puellae

donarunt Veneres Cupidinesque,

quod tu cum olfacies, deos rogabis,

totum ut te faciant, Fabulle, nasum.

XIV. ad Caluum poetam

NI te plus oculis meis amarem,

iucundissime Calue, munere isto

odissem te odio Vatiniano:

nam quid feci ego quidue sum locutus,

cur me tot male perderes poetis?

isti di mala multa dent clienti,

qui tantum tibi misit impiorum.

quod si, ut suspicor, hoc nouum ac repertum

munus dat tibi Sulla litterator,

non est mi male, sed bene ac beate,

quod non dispereunt tui labores.

di magni, horribilem et sacrum libellum!

quem tu scilicet ad tuum Catullum

misti, continuo ut die periret,

Saturnalibus, optimo dierum!

non non hoc tibi, false, sic abibit.

nam si luxerit ad librariorum

curram scrinia, Caesios, Aquinos,

Suffenum, omnia colligam uenena.

ac te his suppliciis remunerabor.

uos hinc interea ualete abite

illuc, unde malum pedem attulistis,

saecli incommoda, pessimi poetae.

XIVb.

SI qui forte mearum ineptiarum

lectores eritis manusque uestras

non horrebitis admouere nobis,

XV. ad Aurelium

COMMENDO tibi me ac meos amores,

Aureli. ueniam peto pudentem,

ut, si quicquam animo tuo cupisti,

quod castum expeteres et integellum,

conserues puerum mihi pudice,

non dico a populo-- nihil ueremur

istos, qui in platea modo huc modo illuc

in re praetereunt sua occupati--

uerum a te metuo tuoque pene

infesto pueris bonis malisque.

quem tu qua lubet, ut lubet moueto

quantum uis, ubi erit foris paratum:

hunc unum excipio, ut puto, pudenter.

quod si te mala mens furorque uecors

in tantam impulerit, sceleste, culpam,

ut nostrum insidiis caput lacessas.

a tum te miserum malique fati!

quem attractis pedibus patente porta

percurrent raphanique mugilesque.

XVI. ad Aurelium et Furium

PEDICABO ego uos et irrumabo,

Aureli pathice et cinaede Furi,

qui me ex uersiculis meis putastis,

quod sunt molliculi, parum pudicum.

nam castum esse decet pium poetam

ipsum, uersiculos nihil necesse est;

qui tum denique habent salem ac leporem,

si sunt molliculi ac parum pudici,

et quod pruriat incitare possunt,

non dico pueris, sed his pilosis

qui duros nequeunt mouere lumbos.

uos, quod milia multa basiorum

legistis, male me marem putatis?

pedicabo ego uos et irrumabo.

XVII.

O Colonia, quae cupis ponte ludere longo,

et salire paratum habes, sed uereris inepta

crura ponticuli axulis stantis in rediuiuis,

ne supinus eat cauaque in palude recumbat:

sic tibi bonus ex tua pons libidine fiat,

in quo uel Salisubsali sacra suscipiantur,

munus hoc mihi maximi da, Colonia, risus.

quendam municipem meum de tuo uolo ponte

ire praecipitem in lutum per caputque pedesque,

uerum totius ut lacus putidaeque paludis

liuidissima maximeque est profunda uorago.

insulsissimus est homo, nec sapit pueri instar

bimuli tremula patris dormientis in ulna.

cui cum sit uiridissimo nupta flore puella

et puella tenellulo delicatior haedo,

adseruanda nigerrimis diligentius uuis,

ludere hanc sinit ut lubet, nec pili facit uni,

nec se subleuat ex sua parte, sed uelut alnus

in fossa Liguri iacet suppernata securi,

tantundem omnia sentiens quam si nulla sit usquam;

talis iste meus stupor nil uidet, nihil audit,

ipse qui sit, utrum sit an non sit, id quoque nescit.

nunc eum uolo de tuo ponte mittere pronum,

si pote stolidum repente excitare ueternum,

et supinum animum in graui derelinquere caeno,

ferream ut soleam tenaci in uoragine mula.

XXI. ad Aurelium

AVRELI, pater esuritionum,

non harum modo, sed quot aut fuerunt

aut sunt aut aliis erunt in annis,

pedicare cupis meos amores.

nec clam: nam simul es, iocaris una,

haerens ad latus omnia experiris.

frustra: nam insidias mihi instruentem

tangam te prior irrumatione.

atque id si faceres satur, tacerem:

nunc ipsum id doleo, quod esurire

me me puer et sitire discet.

quare desine, dum licet pudico,

ne finem facias, sed irrumatus.

XXII. ad Varum

SVFFENVS iste, Vare, quem probe nosti,

homo est uenustus et dicax et urbanus,

idemque longe plurimos facit uersus.

puto esse ego illi milia aut decem aut plura

perscripta, nec sic ut fit in palimpsesto

relata: cartae regiae, noui libri,

noui umbilici, lora rubra membranae,

derecta plumbo et pumice omnia aequata.

haec cum legas tu, bellus ille et urbanus

Suffenus unus caprimulgus aut fossor

rursus uidetur: tantum abhorret ac mutat.

hoc quid putemus esse? qui modo scurra

aut si quid hac re scitius uidebatur,

idem infaceto est infacetior rure,

simul poemata attigit, neque idem umquam

aeque est beatus ac poema cum scribit:

tam gaudet in se tamque se ipse miratur.

nimirum idem omnes fallimur, neque est quisquam

quem non in aliqua re uidere Suffenum

possis. suus cuique attributus est error;

sed non uidemus manticae quod in tergo est.

XXIII. ad Furium

FVRI, cui neque seruus est neque arca

nec cimex neque araneus neque ignis,

uerum est et pater et nouerca, quorum

dentes uel silicem comesse possunt,

est pulcre tibi cum tuo parente

et cum coniuge lignea parentis.

nec mirum: bene nam ualetis omnes,

pulcre concoquitis, nihil timetis,

non incendia, non graues ruinas,

non facta impia, non dolos ueneni,

non casus alios periculorum.

atque corpora sicciora cornu

aut siquid magis aridum est habetis

sole et frigore et esuritione.

quare non tibi sit bene ac beate?

a te sudor abest, abest saliua,

mucusque et mala pituita nasi.

hanc ad munditiem adde mundiorem,

quod culus tibi purior salillo est,

nec toto decies cacas in anno;

atque id durius est faba et lapillis.

quod tu si manibus teras fricesque,

non umquam digitum inquinare posses

haec tu commoda tam beata, Furi,

noli spernere nec putare parui,

et sestertia quae soles precari

centum desine: nam sat es beatus.

XXIV. ad Iuuentium

O qui flosculus es Iuuentiorum,

non horum modo, sed quot aut fuerunt

aut posthac aliis erunt in annis,

mallem diuitias Midae dedisses

isti, cui neque seruus est neque arca,

quam sic te sineres ab illo amari.

'qui? non est homo bellus?' inquies. est:

sed bello huic neque seruus est neque arca.

hoc tu quam lubet abice eleuaque:

nec seruum tamen ille habet neque arcam.

XXV. ad Thallum

CINAEDE Thalle, mollior cuniculi capillo

uel anseris medullula uel imula oricilla

uel pene languido senis situque araneoso,

idemque, Thalle, turbida rapacior procella,

cum diua mulier aries ostendit oscitantes,

remitte pallium mihi meum, quod inuolasti,

sudariumque Saetabum catagraphosque Thynos,

inepte, quae palam soles habere tamquam auita.

quae nunc tuis ab unguibus reglutina et remitte,

ne laneum latusculum manusque mollicellas

inusta turpiter tibi flagella conscribillent,

et insolenter aestues, uelut minuta magno

deprensa nauis in mari, uesaniente uento.

XXVI. ad Furium

FVRI, uillula vestra non ad Austri

flatus opposita est neque ad Fauoni

nec saeui Boreae aut Apheliotae,

uerum ad milia quindecim et ducentos.

o uentum horribilem atque pestilentem!

XXVII. ad pincernam suum

MINISTER uetuli puer Falerni

inger mi calices amariores,

ut lex Postumiae iubet magistrae

ebriosa acina ebriosioris.

at uos quo lubet hinc abite, lymphae

uini pernicies, et ad seueros

migrate. hic merus est Thyonianus.

XXVIII. ad Verannium et Fabullum

PISONIS comites, cohors inanis,

aptis sarcinulis et expeditis,

Verani optime tuque mi Fabulle,

quid rerum geritis? satisne cum isto

uappa frigoraque et famem tulistis?

ecquidnam in tabulis patet lucelli

expensum, ut mihi, qui meum secutus

praetorem refero datum lucello?

o Memmi, bene me ac diu supinum

tota ista trabe lentus irrumasti.

sed, quantum uideo, pari fuistis

casu: nam nihilo minore uerpa

farti estis. pete nobiles amicos!

at uobis mala multa di deaeque

dent, opprobria Romuli Remique.

XXIX. in Romulum cathamitum

QVIS hoc potest uidere, quis potest pati,

nisi impudicus et uorax et aleo,

Mamurram habere quod Comata Gallia

habebat uncti et ultima Britannia?

cinaede Romule haec uidebis et feres?

et ille nunc superbus et superfluens

perambulabit omnium cubilia,

ut albulus columbus aut Adoneus?

cinaede Romule, haec uidebis et feres?

es impudicus et uorax et aleo.

eone nomine, imperator unice,

fuisti in ultima occidentis insula,

ut ista uestra diffututa mentula

ducenties comesset aut trecenties?

quid est alid sinistra liberalitas?

parum expatrauit an parum elluatus est?

paterna prima lancinata sunt bona,

secunda praeda Pontica, inde tertia

Hibera, quam scit amnis aurifer Tagus:

nunc Galliae timetur et Britanniae.

quid hunc malum fouetis? aut quid hic potest

nisi uncta deuorare patrimonia?

eone nomine urbis opulentissime

socer generque, perdidistis omnia?

XXX. ad Alphenum

ALFENE immemor atque unanimis false sodalibus,

iam te nil miseret, dure, tui dulcis amiculi?

iam me prodere, iam non dubitas fallere, perfide?

nec facta impia fallacum hominum caelicolis placent.

quae tu neglegis ac me miserum deseris in malis.

eheu quid faciant, dic, homines cuiue habeant fidem?

certe tute iubebas animam tradere, inique, me

inducens in amorem, quasi tuta omnia mi forent.

idem nunc retrahis te ac tua dicta omnia factaque

uentos irrita ferre ac nebulas aereas sinis.

si tu oblitus es, at di meminerunt, meminit Fides,

quae te ut paeniteat postmodo facti faciet tui.

XXXI. ad Sirmium insulam

PAENE insularum, Sirmio, insularumque

ocelle, quascumque in liquentibus stagnis

marique uasto fert uterque Neptunus,

quam te libenter quamque laetus inuiso,

uix mi ipse credens Thuniam atque Bithunos

liquisse campos et uidere te in tuto.

o quid solutis est beatius curis,

cum mens onus reponit, ac peregrino

labore fessi uenimus larem ad nostrum,

desideratoque acquiescimus lecto?

hoc est quod unum est pro laboribus tantis.

salue, o uenusta Sirmio, atque ero gaude

gaudente, uosque, o Lydiae lacus undae,

ridete quidquid est domi cachinnorum.

XXXII. ad Ipsicillam

AMABO, mea dulcis Ipsitilla,

meae deliciae, mei lepores,

iube ad te ueniam meridiatum.

et si iusseris, illud adiuuato,

ne quis liminis obseret tabellam,

neu tibi lubeat foras abire,

sed domi maneas paresque nobis

nouem continuas fututiones.

uerum si quid ages, statim iubeto:

nam pransus iaceo et satur supinus

pertundo tunicamque palliumque.

XXXIII. ad Vibennios

O FVRVM optime balneariorum

Vibenni pater et cinaede fili

(nam dextra pater inquinatiore,

culo filius est uoraciore),

cur non exilium malasque in oras

itis? quandoquidem patris rapinae

notae sunt populo, et natis pilosas,

fili, non potes asse uenditare.

XXXIV. carmen Dianae

DIANAE sumus in fide

puellae et pueri integri:

Dianam pueri integri

puellaeque canamus.

o Latonia, maximi

magna progenies Iouis,

quam mater prope Deliam

deposiuit oliuam,

montium domina ut fores

siluarumque uirentium

saltuumque reconditorum

amniumque sonantum:

tu Lucina dolentibus

Iuno dicta puerperis,

tu potens Triuia et notho es

dicta lumine Luna.

tu cursu, dea, menstruo

metiens iter annuum,

rustica agricolae bonis

tecta frugibus exples.

sis quocumque tibi placet

sancta nomine, Romulique,

antique ut solita es, bona

sospites ope gentem.

XXXV. ad Caecilium iubet libello loqui

POETAE tenero, meo sodali,

uelim Caecilio, papyre, dicas

Veronam ueniat, Noui relinquens

Comi moenia Lariumque litus.

nam quasdam uolo cogitationes

amici accipiat sui meique.

quare, si sapiet, uiam uorabit,

quamuis candida milies puella

euntem reuocet, manusque collo

ambas iniciens roget morari.

quae nunc, si mihi uera nuntiantur,

illum deperit impotente amore.

nam quo tempore legit incohatam

Dindymi dominam, ex eo misellae

ignes interiorem edunt medullam.

ignosco tibi, Sapphica puella

musa doctior; est enim uenuste

Magna Caecilio incohata Mater.

XXXVI. ad Lusi cacatam

ANNALES Volusi, cacata carta,

uotum soluite pro mea puella.

nam sanctae Veneri Cupidinique

uouit, si sibi restitutus essem

desissemque truces uibrare iambos,

electissima pessimi poetae

scripta tardipedi deo daturam

infelicibus ustulanda lignis.

et hoc pessima se puella uidit

iocose lepide uouere diuis.

nunc o caeruleo creata ponto,

quae sanctum Idalium Vriosque apertos

quaeque Ancona Cnidumque harundinosam

colis quaeque Amathunta quaeque Golgos

quaeque Durrachium Hadriae tabernam,

acceptum face redditumque uotum,

si non illepidum neque inuenustum est.

at uos interea uenite in ignem,

pleni ruris et inficetiarum.

annales Volusi, cacata carta.

XXXVII. ad contubernales et Egnatium

SALAX taberna uosque contubernales,

a pilleatis nona fratribus pila,

solis putatis esse mentulas uobis,

solis licere, quidquid est puellarum,

confutuere et putare ceteros hircos?

an, continenter quod sedetis insulsi

centum an ducenti, non putatis ausurum

me una ducentos irrumare sessores?

atqui putate: namque totius uobis

frontem tabernae sopionibus scribam.

puella nam mi, quae meo sinu fugit,

amata tantum quantum amabitur nulla,

pro qua mihi sunt magna bella pugnata,

consedit istic. hanc boni beatique

omnes amatis, et quidem, quod indignum est,

omnes pusilli et semitarii moechi;

tu praeter omnes une de capillatis,

cuniculosae Celtiberiae fili,

Egnati. opaca quem bonum facit barba

et dens Hibera defricatus urina.

XXXVIII. ad Cornificium

MALEST, Cornifici, tuo Catullo

malest, me hercule, et laboriose,

et magis magis in dies et horas.

quem tu, quod minimum facillimumque est,

qua solatus es allocutione?

irascor tibi. sic meos amores?

paulum quid lubet allocutionis,

maestius lacrimis Simonideis.

XXXIX. ad Egnatium

EGNATIVS, quod candidos habet dentes,

renidet usque quaque. si ad rei uentum est

subsellium, cum orator excitat fletum,

renidet ille; si ad pii rogum fili

lugetur, orba cum flet unicum mater,

renidet ille. quidquid est, ubicumque est,

quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum,

neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum.

quare monendum est te mihi, bone Egnati.

si urbanus esses aut Sabinus aut Tiburs

aut pinguis Vmber aut obesus Etruscus

aut Lanuuinus ater atque dentatus

aut Transpadanus, ut meos quoque attingam,

aut quilubet, qui puriter lauit dentes,

tamen renidere usque quaque te nollem:

nam risu inepto res ineptior nulla est.

nunc Celtiber es: Celtiberia in terra,

quod quisque minxit, hoc sibi solet mane

dentem atque russam defricare gingiuam,

ut quo iste uester expolitior dens est,

hoc te amplius bibisse praedicet loti.

XL. ad Rauidum

QVAENAM te mala mens, miselle Rauide,

agit praecipitem in meos iambos?

quis deus tibi non bene aduocatus

uecordem parat excitare rixam?

an ut peruenias in ora uulgi?

quid uis? qualubet esse notus optas?

eris, quandoquidem meos amores

cum longa uoluisti amare poena.

XLI. ad Ameanam

AMEANA puella defututa

tota milia me decem poposcit,

ista turpiculo puella naso,

decoctoris amica Formiani.

propinqui, quibus est puella curae,

amicos medicosque conuocate:

non est sana puella, nec rogare

qualis sit solet aes imaginosum.

XLII. ad hendecasyllabos

ADESTE, hendecasyllabi, quot estis

omnes undique, quotquot estis omnes.

iocum me putat esse moecha turpis,

et negat mihi nostra reddituram

pugillaria, si pati potestis.

persequamur eam et reflagitemus.

quae sit, quaeritis? illa, quam uidetis

turpe incedere, mimice ac moleste

ridentem catuli ore Gallicani.

circumsistite eam, et reflagitate,

'moecha putida, redde codicillos,

redde putida moecha, codicillos!'

non assis facis? o lutum, lupanar,

aut si perditius potes quid esse.

sed non est tamen hoc satis putandum.

quod si non aliud potest ruborem

ferreo canis exprimamus ore.

conclamate iterum altiore uoce.

'moecha putide, redde codicillos,

redde, putida moecha, codicillos!'

sed nil proficimus, nihil mouetur.

mutanda est ratio modusque uobis,

siquid proficere amplius potestis:

'pudica et proba, redde codicillos.'

XLIII. ad Ameanam

SALVE, nec minimo puella naso

nec bello pede nec nigris ocellis

nec longis digitis nec ore sicco

nec sane nimis elegante lingua,

decoctoris amica Formiani.

ten prouincia narrat esse bellam?

tecum Lesbia nostra comparatur?

o saeclum insapiens et infacetum!

XLIV. ad fundum

O FVNDE noster seu Sabine seu Tiburs

(nam te esse Tiburtem autumant, quibus non est

cordi Catullum laedere; at quibus cordi est,

quouis Sabinum pignore esse contendunt),

sed seu Sabine siue uerius Tiburs,

fui libenter in tua suburbana

uilla, malamque pectore expuli tussim,

non inmerenti quam mihi meus uenter,

dum sumptuosas appeto, dedit, cenas.

nam, Sestianus dum uolo esse conuiua,

orationem in Antium petitorem

plenam ueneni et pestilentiae legi.

hic me grauedo frigida et frequens tussis

quassauit usque, dum in tuum sinum fugi,

et me recuraui otioque et urtica.

quare refectus maximas tibi grates

ago, meum quod non es ulta peccatum.

nec deprecor iam, si nefaria scripta

Sesti recepso, quin grauedinem et tussim

non mihi, sed ipsi Sestio ferat frigus,

qui tunc uocat me, cum malum librum legi.

XLV. ad Septimium

ACMEN Septimius suos amores

tenens in gremio 'mea' inquit 'Acme,

ni te perdite amo atque amare porro

omnes sum assidue paratus annos,

quantum qui pote plurimum perire,

solus in Libya Indiaque tosta

caesio ueniam obuius leoni.'

hoc ut dixit, Amor sinistra ut ante

dextra sternuit approbationem.

at Acme leuiter caput reflectens

et dulcis pueri ebrios ocellos

illo purpureo ore suauiata,

'sic' inquit 'mea uita Septimille,

huic uni domino usque seruiamus,

ut multo mihi maior acriorque

ignis mollibus ardet in medullis.'

hoc ut dixit, Amor sinistra ut ante

dextra sternuit approbationem.

nunc ab auspicio bono profecti

mutuis animis amant amantur.

unam Septimius misellus Acmen

mauult quam Syrias Britanniasque:

uno in Septimio fidelis Acme

facit delicias libidinisque.

quis ullos homines beatiores

uidit, quis Venerem auspicatiorem?

XLVI.

IAM uer egelidos refert tepores,

iam caeli furor aequinoctialis

iucundis Zephyri silescit aureis.

linquantur Phrygii, Catulle, campi

Nicaeaeque ager uber aestuosae:

ad claras Asiae uolemus urbes.

iam mens praetrepidans auet uagari,

iam laeti studio pedes uigescunt.

o dulces comitum ualete coetus,

longe quos simul a domo profectos

diuersae uarie uiae reportant.

XLVII. ad Porcium et Socrationem

PORCI et Socration, duae sinistrae

Pisonis, scabies famesque mundi,

uos Veraniolo meo et Fabullo

uerpus praeposuit Priapus ille?

uos conuiuia lauta sumptuose

de die facitis, mei sodales

quaerunt in triuio uocationes?

XLVIII. ad Iuuentium

MELLITOS oculos tuos, Iuuenti,

si quis me sinat usque basiare,

usque ad milia basiem trecenta

nec numquam uidear satur futurus,

non si densior aridis aristis

sit nostrae seges osculationis.

IL. ad Marcum Tullium Ciceronem

DISERTISSIME Romuli nepotum,

quot sunt quotque fuere, Marce Tulli,

quotque post aliis erunt in annis,

gratias tibi maximas Catullus

agit pessimus omnium poeta,

tanto pessimus omnium poeta,

quanto tu optimus omnium patronus.

L. ad Lucinium

HESTERNO, Licini, die otiosi

multum lusimus in meis tabellis,

ut conuenerat esse delicatos:

scribens uersiculos uterque nostrum

ludebat numero modo hoc modo illoc,

reddens mutua per iocum atque uinum.

atque illinc abii tuo lepore

incensus, Licini, facetiisque,

ut nec me miserum cibus iuuaret

nec somnus tegeret quiete ocellos,

sed toto indomitus furore lecto

uersarer, cupiens uidere lucem,

ut tecum loquerer, simulque ut essem.

at defessa labore membra postquam

semimortua lectulo iacebant,

hoc, iucunde, tibi poema feci,

ex quo perspiceres meum dolorem.

nunc audax caue sis, precesque nostras,

oramus, caue despuas, ocelle,

ne poenas Nemesis reposcat a te.

est uehemens dea: laedere hanc caueto.

LI. ad Lesbiam

ILLE mi par esse deo uidetur,

ille, si fas est, superare diuos,

qui sedens aduersus identidem te

spectat et audit

dulce ridentem, misero quod omnis

eripit sensus mihi: nam simul te,

Lesbia, aspexi, nihil est super mi

* * * * * * * *

lingua sed torpet, tenuis sub artus

flamma demanat, sonitu suopte

tintinant aures gemina, teguntur

lumina nocte.

LIb. ad se ipsum

Otium, Catulle, tibi molestum est:

otio exsultas nimiumque gestis:

otium et reges prius et beatas

perdidit urbes.

LII. in Nouium

QVID est, Catulle? quid moraris emori?

sella in curuli struma Nonius sedet,

per consulatum peierat Vatinius:

quid est, Catulle? quid moraris emori?

LIII. ad Gaium Licinium Caluum

RISI nescio quem modo e corona,

qui, cum mirifice Vatiniana

meus crimina Caluos explicasset

admirans ait haec manusque tollens,

'di magni, salaputium disertum!'

LIV. de Octonis capite

OTHONIS caput oppido est pusillum,

et eri rustice semilauta crura,

subtile et leue peditum Libonis,

si non omnia, displicere uellem

tibi et Sufficio seni recocto...

irascere iterum meis iambis

inmerentibus, unice imperator.

LV. ad Camerium

ORAMVS, si forte non molestum est,

demonstres ubi sint tuae tenebrae.

te Campo quaesiuimus minore,

te in Circo, te in omnibus libellis,

te in templo summi Iouis sacrato.

in Magni simul ambulatione

femellas omnes, amice, prendi,

quas uultu uidi tamen sereno.

auelte, sic ipse flagitabam,

Camerium mihi pessimae puellae.

quaedam inquit, nudum reduc...

'en hic in roseis latet papillis.'

sed te iam ferre Herculi labos est;

tanto te in fastu negas, amice.

dic nobis ubi sis futurus, ede

audacter, committe, crede luci.

nunc te lacteolae tenent puellae?

si linguam clauso tenes in ore,

fructus proicies amoris omnes.

uerbosa gaudet Venus loquella.

uel, si uis, licet obseres palatum,

dum uestri sim particeps amoris.

LVI. ad Catonem

O REM ridiculam, Cato, et iocosam,

dignamque auribus et tuo cachinno!

ride quidquid amas, Cato, Catullum:

res est ridicula et nimis iocosa.

deprendi modo pupulum puellae

trusantem; hunc ego, si placet Dionae,

protelo rigida mea cecidi.

LVII. ad Gaium Iulium Caesarem

PVLCRE conuenit improbis cinaedis,

Mamurrae pathicoque Caesarique.

nec mirum: maculae pares utrisque,

urbana altera et illa Formiana,

impressae resident nec eluentur:

morbosi pariter, gemelli utrique,

uno in lecticulo erudituli ambo,

non hic quam ille magis uorax adulter,

riuales socii puellularum.

pulcre conuenit improbis cinaedis.

LVIII. ad Marcum Caelium Rufum

CAELI, Lesbia nostra, Lesbia illa.

illa Lesbia, quam Catullus unam

plus quam se atque suos amauit omnes,

nunc in quadriuiis et angiportis

glubit magnanimi Remi nepotes.

LVIIIb. ad Camerium

NON custos si fingar ille Cretum,

non Ladas ego pinnipesue Perseus,

non si Pegaseo ferar uolatu,

non Rhesi niueae citaeque bigae;

adde huc plumipedas uolatilesque,

uentorumque simul require cursum,

quos iunctos, Cameri, mihi dicares:

defessus tamen omnibus medullis

et multis languoribus peresus

essem te mihi, amice, quaeritando.

LIX. in Rufum

BONONIENSIS Rufa Rufulum fellat,

uxor Meneni, saepe quam in sepulcretis

uidistis ipso rapere de rogo cenam,

cum deuolutum ex igne prosequens panem

ab semiraso tunderetur ustore.

LX.

NVM te leaena montibus Libystinis

aut Scylla latrans infima inguinum parte

tam mente dura procreauit ac taetra,

ut supplicis uocem in nouissimo casu

contemptam haberes, a nimis fero corde?

LXI. epythalamius Iunie et Mallii

COLLIS o Heliconii

cultor, Vraniae genus,

qui rapis teneram ad uirum

uirginem, o Hymenaee Hymen,

o Hymen Hymenaee;

cinge tempora floribus

suaue olentis amaraci,

flammeum cape laetus, huc

huc ueni, niueo gerens

luteum pede soccum;

excitusque hilari die,

nuptialia concinens

uoce carmina tinnula,

pelle humum pedibus, manu

pineam quate taedam.

namque Iunia Manlio,

qualis Idalium colens

uenit ad Phrygium Venus

iudicem, bona cum bona

nubet alite uirgo,

floridis uelut enitens

myrtus Asia ramulis

quos Hamadryades deae

ludicrum sibi roscido

nutriunt umore.

quare age, huc aditum ferens,

perge linquere Thespiae

rupis Aonios specus,

nympha quos super irrigat

frigerans Aganippe.

ac domum dominam uoca

coniugis cupidam noui,

mentem amore reuinciens,

ut tenax hedera huc et huc

arborem implicat errans.

uosque item simul, integrae

uirgines, quibus aduenit

par dies, agite in modum

dicite, o Hymenaee Hymen,

o Hymen Hymenaee.

ut libentius, audiens

se citarier ad suum

munus, huc aditum ferat

dux bonae Veneris, boni

coniugator amoris.

quis deus magis est ama-

tis petendus amantibus?

quem colent homines magis

caelitum, o Hymenaee Hymen,

o Hymen Hymenaee?

te suis tremulus parens

inuocat, tibi uirgines

zonula soluunt sinus,

te timens cupida nouos

captat aure maritus.

tu fero iuueni in manus

floridam ipse puellulam

dedis a gremio suae

matris, o Hymenaee Hymen,

o Hymen Hymenaee.

nil potest sine te Venus,

fama quod bona comprobet,

commodi capere, at potest

te uolente. quis huic deo

compararier ausit?

nulla quit sine te domus

liberos dare, nec parens

stirpe nitier; ac potest

te uolente. quis huic deo

compararier ausit?

quae tuis careat sacris,

non queat dare praesides

terra finibus: at queat

te uolente. quis huic deo

compararier ausit?

claustra pandite ianuae.

uirgo adest. uiden ut faces

splendidas quatiunt comas?

* * * * * * * *

* * * * * * * *

* * * * * * * *

* * * * * * * *

tardet ingenuus pudor.

quem tamen magis audiens,

flet quod ire necesse est.

flere desine. non tibi Au-

runculeia periculum est,

ne qua femina pulcrior

clarum ab Oceano diem

uiderit uenientem.

talis in uario solet

diuitis domini hortulo

stare flos hyacinthinus.

sed moraris, abit dies.

prodeas noua nupta.

prodeas noua nupta, si

iam uidetur, et audias

nostra uerba. uiden? faces

aureas quatiunt comas:

prodeas noua nupta.

non tuus leuis in mala

deditus uir adultera,

probra turpia persequens,

a tuis teneris uolet

secubare papillis,

lenta sed uelut adsitas

uitis implicat arbores,

implicabitur in tuum

complexum. sed abit dies:

prodeas noua nupta.

o cubile, quod omnibus

* * * * * * * *

* * * * * * * *

* * * * * * * *

candido pede lecti,

quae tuo ueniunt ero,

quanta gaudia, quae uaga

nocte, quae medio die

gaudeat! sed abit dies:

prodeas noua nupta.

tollite, o pueri, faces:

flammeum uideo uenire.

ite concinite in modum

'io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.'

ne diu taceat procax

Fescennina iocatio,

nec nuces pueris neget

desertum domini audiens

concubinus amorem.

da nuces pueris, iners

concubine! satis diu

lusisti nucibus: lubet

iam seruire Talasio.

concubine, nuces da.

sordebant tibi uillicae,

concubine, hodie atque heri:

nunc tuum cinerarius

tondet os. miser a miser

concubine, nuces da.

diceris male te a tuis

unguentate glabris marite

abstinere, sed abstine.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

scimus haec tibi quae licent

sola cognita, sed marito

ista non eadem licent.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

nupta, tu quoque quae tuus

uir petet caue ne neges,

ni petitum aliunde eat.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

en tibi domus ut potens

et beata uiri tui,

quae tibi sine seruiat

(io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee)

usque dum tremulum mouens

cana tempus anilitas

omnia omnibus annuit.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

transfer omine cum bono

limen aureolos pedes,

rasilemque subi forem.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

aspice intus ut accubans

uir tuus Tyrio in toro

totus immineat tibi.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

illi non minus ac tibi

pectore uritur intimo

flamma, sed penite magis.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

mitte brachiolum teres,

praetextate, puellulae:

iam cubile adeat uiri.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

uos bonae senibus uiris

cognitae bene feminae,

collocate puellulam.

io Hymen Hymenaee io,

io Hymen Hymenaee.

iam licet uenias, marite:

uxor in thalamo tibi est,

ore floridulo nitens,

alba parthenice uelut

luteumue papauer.

at, marite, ita me iuuent

caelites, nihilo minus

pulcer es, neque te Venus

neglegit. sed abit dies:

perge, ne remorare.

non diu remoratus es:

iam uenis. bona te Venus

iuuerit, quoniam palam

quod cupis cupis, et bonum

non abscondis amorem.

ille pulueris Africi

siderumque micantium

subducat numerum prius,

qui uestri numerare uolt

multa milia ludi.

ludite ut lubet, et breui

liberos date. non decet

tam uetus sine liberis

nomen esse, sed indidem

semper ingenerari.

Torquatus uolo paruulus

matris e gremio suae

porrigens teneras manus

dulce rideat ad patrem

semihiante labello.

sit suo similis patri

Manlio et facile insciis

noscitetur ab omnibus,

et pudicitiam suae

matris indicet ore.

talis illius a bona

matre laus genus approbet,

qualis unica ab optima

matre Telemacho manet

fama Penelopeo.

claudite ostia, uirgines:

lusimus satis. at boni

coniuges, bene uiuite et

munere assiduo ualentem

exercete iuuentam.

LXII. exametrum carmen nuptiale

VESPER adest, iuuenes, consurgite: Vesper Olympo

exspectata diu uix tandem lumina tollit.

surgere iam tempus, iam pinguis linquere mensas,

iam ueniet uirgo, iam dicetur hymenaeus.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Cernitis, innuptae, iuuenes? consurgite contra;

nimirum Oetaeos ostendit Noctifer ignes.

sic certest; uiden ut perniciter exsiluere?

non temere exsiluere, canent quod uincere par est.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

non facilis nobis, aequales, palma parata est:

aspicite, innuptae secum ut meditata requirunt.

non frustra meditantur: habent memorabile quod sit;

nec mirum, penitus quae tota mente laborant.

nos alio mentes, alio diuisimus aures;

iure igitur uincemur: amat uictoria curam.

quare nunc animos saltem conuertite uestros;

dicere iam incipient, iam respondere decebit.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Hespere, quis caelo fertur crudelior ignis?

qui natam possis complexu auellere matris,

complexu matris retinentem auellere natam,

et iuueni ardenti castam donare puellam.

quid faciunt hostes capta crudelius urbe?

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Hespere, quis caelo lucet iucundior ignis?

qui desponsa tua firmes conubia flamma,

quae pepigere uiri, pepigerunt ante parentes,

nec iunxere prius quam se tuus extulit ardor.

quid datur a diuis felici optatius hora?

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Hesperus e nobis, aequales, abstulit unam.

* * * * * * * *

* * * * * * * *

namque tuo aduentu uigilat custodia semper,

nocte latent fures, quos idem saepe reuertens,

Hespere, mutato comprendis nomine Eous

at lubet innuptis ficto te carpere questu.

quid tum, si carpunt, tacita quem mente requirunt?

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Vt flos in saeptis secretus nascitur hortis,

ignotus pecori, nullo conuolsus aratro,

quem mulcent aurae, firmat sol, educat imber;

multi illum pueri, multae optauere puellae:

idem cum tenui carptus defloruit ungui,

nulli illum pueri, nullae optauere puellae:

sic uirgo, dum intacta manet, dum cara suis est;

cum castum amisit polluto corpore florem,

nec pueris iucunda manet, nec cara puellis.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Vt uidua in nudo uitis quae nascitur aruo,

numquam se extollit, numquam mitem educat uuam,

sed tenerum prono deflectens pondere corpus

iam iam contingit summum radice flagellum;

hanc nulli agricolae, nulli coluere iuuenci:

at si forte eadem est ulmo coniuncta marito,

multi illam agricolae, multi coluere iuuenci:

sic uirgo dum intacta manet, dum inculta senescit;

cum par conubium maturo tempore adepta est,

cara uiro magis et minus est inuisa parenti.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

Et tu ne pugna cum tali coniuge uirgo.

non aequom est pugnare, pater cui tradidit ipse,

ipse pater cum matre, quibus parere necesse est.

uirginitas non tota tua est, ex parte parentum est,

tertia pars patrest, pars est data tertia matri,

tertia sola tua est: noli pugnare duobus,

qui genero suo iura simul cum dote dederunt.

Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee!

LXIII. de Berecinthia et Athi

SVPER alta uectus Attis celeri rate maria,

Phrygium ut nemus citato cupide pede tetigit,

adiitque opaca siluis redimita loca deae,

stimulatus ibi furenti rabie, uagus animis,

deuolsit ili acuto sibi pondera silice,

itaque ut relicta sensit sibi membra sine uiro,

etiam recente terrae sola sanguine maculans,

niueis citata cepit manibus leue typanum,

typanum tuum, Cybebe, tua, mater initia,

quatiensque terga tauri teneris caua digitis

canere haec suis adorta est tremebunda comitibus.

'agite ite ad alta, Gallae, Cybeles nemora simul,

simul ite, Dindymenae dominae uaga pecora,

aliena quae petentes uelut exules loca

sectam meam exsecutae duce me mihi comites

rapidum salum tulistis truculentaque pelagi

et corpus euirastis Veneris nimio odio;

hilarate erae citatis erroribus animum.

mora tarda mente cedat: simul ite, sequimini

Phrygiam ad domum Cybebes, Phrygia ad nemora deae,

ubi cymbalum sonat uox, ubi tympana reboant,

tibicen ubi canit Phryx curuo graue calamo,

ubi capita Maenades ui iaciunt hederigerae,

ubi sacra sancta acutis ululatibus agitant,

ubi sueuit illa diuae uolitare uaga cohors,

quo nos decet citatis celerare tripudiis.'

simul haec comitibus Attis cecinit notha mulier,

thiasus repente linguis trepidantibus ululat,

leue tympanum remugit, caua cymbala recrepant.

uiridem citus adit Idam properante pede chorus.

furibunda simul anhelans uaga uadit animam agens

comitata tympano Attis per opaca nemora dux,

ueluti iuuenca uitans onus indomita iugi;

rapidae ducem sequuntur Gallae properipedem.

itaque, ut domum Cybebes tetigere lassulae,

nimio e labore somnum capiunt sine Cerere.

piger his labante languore oculos sopor operit;

abit in quiete molli rabidus furor animi.

sed ubi oris aurei Sol radiantibus oculis

lustrauit aethera album, sola dura, mare ferum,

pepulitque noctis umbras uegetis sonipedibus,

ibi Somnus excitam Attin fugiens citus abiit;

trepidante eum recepit dea Pasithea sinu.

ita de quiete molli rapida sine rabie

simul ipsa pectore Attis sua facta recoluit,

liquidaque mente uidit sine quis ubique foret,

animo aestuante rusum reditum ad uada tetulit.

ibi maria uasta uisens lacrimantibus oculis,

patriam allocuta maestast ita uoce miseriter.

'patria o mei creatrix, patria o mea genetrix,

ego quam miser relinquens, dominos ut erifugae

famuli solent, ad Idae tetuli nemora pedem,

ut aput niuem et ferarum gelida stabula forem,

et earum omnia adirem furibunda latibula,

ubinam aut quibus locis te positam, patria, reor?

cupit ipsa pupula ad te sibi derigere aciem,

rabie fera carens dum breue tempus animus est.

egone a mea remota haec ferar in nemora domo?

patria, bonis, amicis, genitoribus abero?

abero foro, palaestra, stadio et gyminasiis?

miser a miser, querendum est etiam atque etiam, anime.

quod enim genus figurast, ego non quod obierim?

ego mulier, ego adulescens, ego ephebus, ego puer,

ego gymnasi fui flos, ego eram decus olei:

mihi ianuae frequentes, mihi limina tepida,

mihi floridis corollis redimita domus erat,

linquendum ubi esset orto mihi Sole cubiculum.

ego nunc deum ministra et Cybeles famula ferar?

ego Maenas, ego mei pars, ego uir sterilis ero?

ego uiridis algida Idae niue amicta loca colam?

ego uitam agam sub altis Phrygiae columinibus,

ubi cerua siluicultrix, ubi aper nemoriuagus?

iam iam dolet quod egi, iam iamque paenitet.'

roseis ut huic labellis sonitus citus abiit

geminas deorum ad aures noua nuntia referens,

ibi iuncta iuga resoluens Cybele leonibus

laeuumque pecoris hostem stimulans ita loquitur.

'agedum,' inquit 'age ferox i> fac ut hunc furor

fac uti furoris ictu reditum in nemora ferat,

mea libere nimis qui fugere imperia cupit.

age caede terga cauda, tua uerbera patere,

fac cuncta mugienti fremitu loca retonent,

rutilam ferox torosa ceruice quate iubam.'

ait haec minax Cybebe religatque iuga manu.

ferus ipse sese adhortans rapidum incitat animo,

uadit, fremit, refringit uirgulta pede uago.

at ubi umida albicantis loca litoris adiit,

teneramque uidit Attin prope marmora pelagi,

facit impetum. illa demens fugit in nemora fera;

ibi semper omne uitae spatium famula fuit.

dea, magna dea, Cybebe, dea domina Dindymi,

procul a mea tuos sit furor omnis, era, domo:

alios age incitatos, alios age rabidos.

LXIV. Argonautia et epythalamium Thetidis et Pelei

PELIACO quondam prognatae uertice pinus

dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas

Phasidos ad fluctus et fines Aeetaeos,

cum lecti iuuenes, Argiuae robora pubis,

auratam optantes Colchis auertere pellem

ausi sunt uada salsa cita decurrere puppi,

caerula uerrentes abiegnis aequora palmis.

diua quibus retinens in summis urbibus arces

ipsa leui fecit uolitantem flamine currum,

pinea coniungens inflexae texta carinae.

illa rudem cursu prima imbuit Amphitriten;

quae simul ac rostro uentosum proscidit aequor

tortaque remigio spumis incanuit unda,

emersere freti candenti e gurgite uultus

aequoreae monstrum Nereides admirantes.

illa, atque alia, uiderunt luce marinas

mortales oculis nudato corpore Nymphas

nutricum tenus exstantes e gurgite cano.

tum Thetidis Peleus incensus fertur amore,

tum Thetis humanos non despexit hymenaeos,

tum Thetidi pater ipse iugandum Pelea sensit.

o nimis optato saeclorum tempore nati

heroes, saluete, deum genus! o bona matrum

progenies, saluete iter...

uos ego saepe, meo uos carmine compellabo.

teque adeo eximie taedis felicibus aucte,

Thessaliae columen Peleu, cui Iuppiter ipse,

ipse suos diuum genitor concessit amores;

tene Thetis tenuit pulcerrima Nereine?

tene suam Tethys concessit ducere neptem,

Oceanusque, mari totum qui amplectitur orbem?

quae simul optatae finito tempore luces

aduenere, domum conuentu tota frequentat

Thessalia, oppletur laetanti regia coetu:

dona ferunt prae se, declarant gaudia uultu.

deseritur Cieros, linquunt Pthiotica Tempe

Crannonisque domos ac moenia Larisaea,

Pharsalum coeunt, Pharsalia tecta frequentant.

rura colit nemo, mollescunt colla iuuencis,

non humilis curuis purgatur uinea rastris,

non glebam prono conuellit uomere taurus,

non falx attenuat frondatorum arboris umbram,

squalida desertis rubigo infertur aratris.

ipsius at sedes, quacumque opulenta recessit

regia, fulgenti splendent auro atque argento.

candet ebur soliis, collucent pocula mensae,

tota domus gaudet regali splendida gaza.

puluinar uero diuae geniale locatur

sedibus in mediis, Indo quod dente politum

tincta tegit roseo conchyli purpura fuco.

haec uestis priscis hominum uariata figuris

heroum mira uirtutes indicat arte.

namque fluentisono prospectans litore Diae,

Thesea cedentem celeri cum classe tuetur

indomitos in corde gerens Ariadna furores,

necdum etiam sese quae uisit uisere credit,

utpote fallaci quae tum primum excita somno

desertam in sola miseram se cernat harena.

immemor at iuuenis fugiens pellit uada remis,

irrita uentosae linquens promissa procellae.

quem procul ex alga maestis Minois ocellis,

saxea ut effigies bacchantis, prospicit, eheu,

prospicit et magnis curarum fluctuat undis,

non flauo retinens subtilem uertice mitram,

non contecta leui uelatum pectus amictu,

non tereti strophio lactentis uincta papillas,

omnia quae toto delapsa e corpore passim

ipsius ante pedes fluctus salis alludebant.

sed neque tum mitrae neque tum fluitantis amictus

illa uicem curans toto ex te pectore, Theseu,

toto animo, tota pendebat perdita mente.

misera, assiduis quam luctibus externauit

spinosas Erycina serens in pectore curas,

illa tempestate, ferox quo ex tempore Theseus

egressus curuis e litoribus Piraei

attigit iniusti regis Gortynia templa.

nam perhibent olim crudeli peste coactam

Androgeoneae poenas exsoluere caedis

electos iuuenes simul et decus innuptarum

Cecropiam solitam esse dapem dare Minotauro.

quis angusta malis cum moenia uexarentur,

ipse suum Theseus pro caris corpus Athenis

proicere optauit potius quam talia Cretam

funera Cecropiae nec funera portarentur.

atque ita naue leui nitens ac lenibus auris

magnanimum ad Minoa uenit sedesque superbas.

hunc simul ac cupido conspexit lumine uirgo

regia, quam suauis exspirans castus odores

lectulus in molli complexu matris alebat,

quales Eurotae praecingunt flumina myrtus

auraue distinctos educit uerna colores,

non prius ex illo flagrantia declinauit

lumina, quam cuncto concepit corpore flammam

funditus atque imis exarsit tota medullis.

heu misere exagitans immiti corde furores

sancte puer, curis hominum qui gaudia misces,

quaeque regis Golgos quaeque Idalium frondosum,

qualibus incensam iactastis mente puellam

fluctibus, in flauo saepe hospite suspirantem!

quantos illa tulit languenti corde timores!

quanto saepe magis fulgore expalluit auri,

cum saeuum cupiens contra contendere monstrum

aut mortem appeteret Theseus aut praemia laudis!

non ingrata tamen frustra munuscula diuis

promittens tacito succepit uota labello.

nam uelut in summo quatientem brachia Tauro

quercum aut conigeram sudanti cortice pinum

indomitus turbo contorquens flamine robur,

eruit (illa procul radicitus exturbata

prona cadit, late quaeuis cumque obuia frangens,)

sic domito saeuum prostrauit corpore Theseus

nequiquam uanis iactantem cornua uentis.

inde pedem sospes multa cum laude reflexit

errabunda regens tenui uestigia filo,

ne labyrintheis e flexibus egredientem

tecti frustraretur inobseruabilis error.

sed quid ego a primo digressus carmine plura

commemorem, ut linquens genitoris filia uultum,

ut consanguineae complexum, ut denique matris,

quae misera in gnata deperdita laeta

omnibus his Thesei dulcem praeoptarit amorem:

aut ut uecta rati spumosa ad litora Diae

aut ut eam deuinctam lumina somno

liquerit immemori discedens pectore coniunx?

saepe illam perhibent ardenti corde furentem

clarisonas imo fudisse e pectore uoces,

ac tum praeruptos tristem conscendere montes,

unde aciem pelagi uastos protenderet aestus,

tum tremuli salis aduersas procurrere in undas

mollia nudatae tollentem tegmina surae,

atque haec extremis maestam dixisse querellis,

frigidulos udo singultus ore cientem:

'sicine me patriis auectam, perfide, ab aris

perfide, deserto liquisti in litore, Theseu?

sicine discedens neglecto numine diuum,

immemor a! deuota domum periuria portas?

nullane res potuit crudelis flectere mentis

consilium? tibi nulla fuit clementia praesto,

immite ut nostri uellet miserescere pectus?

at non haec quondam blanda promissa dedisti

uoce mihi, non haec miserae sperare iubebas,

sed conubia laeta, sed optatos hymenaeos,

quae cuncta aereii discerpunt irrita uenti.

nunc iam nulla uiro iuranti femina credat,

nulla uiri speret sermones esse fideles;

quis dum aliquid cupiens animus praegestit apisci,

nil metuunt iurare, nihil promittere parcunt:

sed simul ac cupidae mentis satiata libido est,

dicta nihil metuere, nihil periuria curant.

certe ego te in medio uersantem turbine leti

eripui, et potius germanum amittere creui,

quam tibi fallaci supremo in tempore dessem.

pro quo dilaceranda feris dabor alitibusque

praeda, neque iniacta tumulabor mortua terra.

quaenam te genuit sola sub rupe leaena,

quod mare conceptum spumantibus exspuit undis,

quae Syrtis, quae Scylla rapax, quae uasta Carybdis,

talia qui reddis pro dulci praemia uita?

si tibi non cordi fuerant conubia nostra,

saeua quod horrebas prisci praecepta parentis,

attamen in uestras potuisti ducere sedes,

quae tibi iucundo famularer serua labore,

candida permulcens liquidis uestigia lymphis,

purpureaue tuum consternens ueste cubile.

sed quid ego ignaris nequiquam conquerar auris,

externata malo, quae nullis sensibus auctae

nec missas audire queunt nec reddere uoces?

ille autem prope iam mediis uersatur in undis,

nec quisquam apparet uacua mortalis in alga.

sic nimis insultans extremo tempore saeua

fors etiam nostris inuidit questibus auris.

Iuppiter omnipotens, utinam ne tempore primo

Gnosia Cecropiae tetigissent litora puppes,

indomito nec dira ferens stipendia tauro

perfidus in Cretam religasset nauita funem,

nec malus hic celans dulci crudelia forma

consilia in nostris requiesset sedibus hospes!

nam quo me referam? quali spe perdita nitor?

Idaeosne petam montes? at gurgite lato

discernens ponti truculentum diuidit aequor.

an patris auxilium sperem? quemne ipsa reliqui

respersum iuuenem fraterna caede secuta?

coniugis an fido consoler memet amore?

quine fugit lentos incuruans gurgite remos?

praeterea nullo colitur sola insula tecto,

nec patet egressus pelagi cingentibus undis.

nulla fugae ratio, nulla spes: omnia muta,

omnia sunt deserta, ostentant omnia letum.

non tamen ante mihi languescent lumina morte,

nec prius a fesso secedent corpore sensus,

quam iustam a diuis ecam prodita multam

caelestumque fidem postrema comprecer hora.

quare facta uirum multantes uindice poena

Eumenides, quibus anguino redimita capillo

frons exspirantis praeportat pectoris iras,

huc huc aduentate, meas audite querellas,

quas ego, uae misera, extremis proferre medullis

cogor inops, ardens, amenti caeca furore.

quae quoniam uerae nascuntur pectore ab imo,

uos nolite pati nostrum uanescere luctum,

sed quali solam Theseus me mente reliquit,

tali mente, deae, funestet seque suosque.'

has postquam maesto profudit pectore uoces,

supplicium saeuis ecens anxia factis,

annuit inuicto caelestum numine rector;

quo motu tellus atque horrida contremuerunt

aequora concussitque micantia sidera mundus.

ipse autem caeca mentem caligine Theseus

consitus oblito dimisit pectore cuncta,

quae mandata prius constanti mente tenebat,

dulcia nec maesto sustollens signa parenti

sospitem Erechtheum se ostendit uisere portum.

namque ferunt olim, classi cum moenia diuae

linquentem gnatum uentis concrederet Aegeus,

talia complexum iuueni mandata dedisse:

'gnate mihi longa iucundior unice uita,

gnate, ego quem in dubios cogor dimittere casus,

reddite in extrema nuper mihi fine senectae,

quandoquidem fortuna mea ac tua feruida uirtus

eripit inuito mihi te, cui languida nondum

lumina sunt gnati cara saturata figura,

non ego te gaudens laetanti pectore mittam,

nec te ferre sinam fortunae signa secundae,

sed primum multas expromam mente querellas,

canitiem terra atque infuso puluere foedans,

inde infecta uago suspendam lintea malo,

nostros ut luctus nostraeque incendia mentis

carbasus obscurata dicet ferrugine Hibera.

quod tibi si sancti concesserit incola Itoni,

quae nostrum genus ac sedes defendere Erecthei

annuit, ut tauri respergas sanguine dextram,

tum uero facito ut memori tibi condita corde

haec uigeant mandata, nec ulla oblitteret aetas;

ut simul ac nostros inuisent lumina collis,

funestam antennae deponant undique uestem,

candidaque intorti sustollant uela rudentes,

quam primum cernens ut laeta gaudia mente

agnoscam, cum te reducem aetas prospera sistet.'

haec mandata prius constanti mente tenentem

Thesea ceu pulsae uentorum flamine nubes

aereum niuei montis liquere cacumen.

at pater, ut summa prospectum ex arce petebat,

anxia in assiduos absumens lumina fletus,

cum primum infecti conspexit lintea ueli,

praecipitem sese scopulorum e uertice iecit,

amissum credens immiti Thesea fato.

sic funesta domus ingressus tecta paterna

morte ferox Theseus, qualem Minoidi luctum

obtulerat mente immemori, talem ipse recepit.

quae tum prospectans cedentem maesta carinam

multiplices animo uoluebat saucia curas.

at parte ex alia florens uolitabat Iacchus

cum thiaso Satyrorum et Nysigenis Silenis,

te quaerens, Ariadna, tuoque incensus amore.

* * * * * * * *

quae tum alacres passim lymphata mente furebant

euhoe bacchantes, euhoe capita inflectentes.

harum pars tecta quatiebant cuspide thyrsos,

pars e diuolso iactabant membra iuuenco,

pars sese tortis serpentibus incingebant,

pars obscura cauis celebrabant orgia cistis,

orgia quae frustra cupiunt audire profani;

plangebant aliae proceris tympana palmis,

aut tereti tenuis tinnitus aere ciebant;

multis raucisonos efflabant cornua bombos

barbaraque horribili stridebat tibia cantu.

talibus amplifice uestis decorata figuris

puluinar complexa suo uelabat amictu.

quae postquam cupide spectando Thessala pubes

expleta est, sanctis coepit decedere diuis.

hic, qualis flatu placidum mare matutino

horrificans Zephyrus procliuas incitat undas,

Aurora exoriente uagi sub limina Solis,

quae tarde primum clementi flamine pulsae

procedunt leuiterque sonant plangore cachinni,

post uento crescente magis magis increbescunt,

purpureaque procul nantes ab luce refulgent:

sic tum uestibuli linquentes regia tecta

ad se quisque uago passim pede discedebant.

quorum post abitum princeps e uertice Pelei

aduenit Chiron portans siluestria dona:

nam quoscumque ferunt campi, quos Thessala magnis

montibus ora creat, quos propter fluminis undas

aura parit flores tepidi fecunda Fauoni,

hos indistinctis plexos tulit ipse corollis,

quo permulsa domus iucundo risit odore.

confestim Penios adest, uiridantia Tempe,

Tempe, quae siluae cingunt super impendentes,

Minosim linquens doris celebranda choreis,

non uacuos: namque ille tulit radicitus altas

fagos ac recto proceras stipite laurus,

non sine nutanti platano lentaque sorore

flammati Phaethontis et aerea cupressu.

haec circum sedes late contexta locauit,

uestibulum ut molli uelatum fronde uireret.

post hunc consequitur sollerti corde Prometheus,

extenuata gerens ueteris uestigia poenae,

quam quondam silici restrictus membra catena

persoluit pendens e uerticibus praeruptis.

inde pater diuum sancta cum coniuge natisque

aduenit caelo, te solum, Phoebe, relinquens

unigenamque simul cultricem montibus Idri:

Pelea nam tecum pariter soror aspernata est,

nec Thetidis taedas uoluit celebrare iugales.

qui postquam niueis flexerunt sedibus artus

large multiplici constructae sunt dape mensae,

cum interea infirmo quatientes corpora motu

ueridicos Parcae coeperunt edere cantus.

his corpus tremulum complectens undique uestis

candida purpurea talos incinxerat ora,

at roseae niueo residebant uertice uittae,

aeternumque manus carpebant rite laborem.

laeua colum molli lana retinebat amictum,

dextera tum leuiter deducens fila supinis

formabat digitis, tum prono in pollice torquens

libratum tereti uersabat turbine fusum,

atque ita decerpens aequabat semper opus dens,

laneaque aridulis haerebant morsa labellis,

quae prius in leui fuerant exstantia filo:

ante pedes autem candentis mollia lanae

uellera uirgati custodibant calathisci.

haec tum clarisona pellentes uellera uoce

talia diuino fuderunt carmine fata,

carmine, perfidiae quod post nulla arguet aetas.

o decus eximium magnis uirtutibus augens,

Emathiae tutamen, Opis carissime nato,

accipe, quod laeta tibi pandunt luce sorores,

ueridicum oraclum: sed uos, quae fata sequuntur,

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

adueniet tibi iam portans optata maritis

Hesperus, adueniet fausto cum sidere coniunx,

quae tibi flexanimo mentem perfundat amore,

languidulosque paret tecum coniungere somnos,

leuia substernens robusto bracchia collo.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

nulla domus tales umquam contexit amores,

nullus amor tali coniunxit foedere amantes,

qualis adest Thetidi, qualis concordia Peleo.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

nascetur uobis expers terroris Achilles,

hostibus haud tergo, sed forti pectore notus,

qui persaepe uago uictor certamine cursus

flammea praeuertet celeris uestigia ceruae.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

non illi quisquam bello se conferet heros,

cum Phrygii Teucro manabunt sanguine

Troicaque obsidens longinquo moenia bello,

periuri Pelopis uastabit tertius heres.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

illius egregias uirtutes claraque facta

saepe fatebuntur gnatorum in funere matres,

cum incultum cano soluent a uertice crinem,

putridaque infirmis uariabunt pectora palmis.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

namque uelut densas praecerpens messor aristas

sole sub ardenti flauentia demetit arua,

Troiugenum infesto prosternet corpora ferro.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

testis erit magnis uirtutibus unda Scamandri,

quae passim rapido diffunditur Hellesponto,

cuius iter caesis angustans corporum aceruis

alta tepefaciet permixta flumina caede.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

denique testis erit morti quoque reddita praeda,

cum teres excelso coaceruatum aggere bustum

excipiet niueos perculsae uirginis artus.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

nam simul ac fessis dederit fors copiam Achiuis

urbis Dardaniae Neptunia soluere uincla,

alta Polyxenia madefient caede sepulcra;

quae, uelut ancipiti succumbens uictima ferro,

proiciet truncum summisso poplite corpus.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

quare agite optatos animi coniungite amores.

accipiat coniunx felici foedere diuam,

dedatur cupido iam dudum nupta marito.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

non illam nutrix orienti luce reuisens

hesterno collum poterit circumdare filo,

anxia nec mater discordis maesta puellae

secubitu caros mittet sperare nepotes.

currite ducentes subtegmina, currite, fusi.

talia praefantes quondam felicia Pelei

carmina diuino cecinerunt pectore Parcae.

praesentes namque ante domos inuisere castas

heroum, et sese mortali ostendere coetu,

caelicolae nondum spreta pietate solebant.

saepe pater diuum templo in fulgente reuisens,

annua cum festis uenissent sacra diebus,

conspexit terra centum procumbere tauros.

saepe uagus Liber Parnasi uertice summo

Thyiadas effusis euantis crinibus egit,

cum Delphi tota certatim ex urbe ruentes

acciperent laeti diuum fumantibus aris.

saepe in letifero belli certamine Mauors

aut rapidi Tritonis era aut Amarunsia uirgo

armatas hominum est praesens hortata cateruas.

sed postquam tellus scelere est imbuta nefando

iustitiamque omnes cupida de mente fugarunt,

perfudere manus fraterno sanguine fratres,

destitit extinctos gnatus lugere parentes,

optauit genitor primaeui funera nati,

liber ut innuptae poteretur flore nouercae,

ignaro mater substernens se impia nato

impia non uerita est diuos scelerare penates.

omnia fanda nefanda malo permixta furore

iustificam nobis mentem auertere deorum.

quare nec talis dignantur uisere coetus,

nec se contingi patiuntur lumine claro.

LXV. ad Ortalum

ETSI me assiduo confectum cura dolore

seuocat a doctis, Ortale, uirginibus,

nec potis est dulcis Musarum expromere fetus

mens animi, tantis fluctuat ipsa malis--

namque mei nuper Lethaeo in gurgite fratris

pallidulum manans alluit unda pedem,

Troia Rhoeteo quem subter litore tellus

ereptum nostris obterit ex oculis.

* * * * * * * *

numquam ego te, uita frater amabilior,

aspiciam posthac? at certe semper amabo,

semper maesta tua carmina morte canam,

qualia sub densis ramorum concinit umbris

Daulias, absumpti fata gemens Ityli--

sed tamen in tantis maeroribus, Ortale, mitto

haec expressa tibi carmina Battiadae,

ne tua dicta uagis nequiquam credita uentis

effluxisse meo forte putes animo,

ut missum sponsi furtiuo munere malum

procurrit casto uirginis e gremio,

quod miserae oblitae molli sub ueste locatum,

dum aduentu matris prosilit, excutitur,

atque illud prono praeceps agitur decursu,

huic manat tristi conscius ore rubor.

LXVI.

OMNIA qui magni dispexit lumina mundi,

qui stellarum ortus comperit atque obitus,

flammeus ut rapidi solis nitor obscuretur,

ut cedant certis sidera temporibus,

ut Triuiam furtim sub Latmia saxa relegans

dulcis amor gyro deuocet aereo:

idem me ille Conon caelesti in limine uidit

e Beroniceo uertice caesariem

fulgentem clare, quam multis illa dearum

leuia protendens brachia pollicita est,

qua rex tempestate nouo auctus hymenaeo

uastatum finis iuerat Assyrios,

dulcia nocturnae portans uestigia rixae,

quam de uirgineis gesserat exuuiis.

estne nouis nuptis odio Venus? anne parentum

frustrantur falsis gaudia lacrimulis,

ubertim thalami quas intra limina fundunt?

non, ita me diui, uera gemunt, iuerint.

id mea me multis docuit regina querellis

inuisente nouo proelia torua uiro.

et tu non orbum luxti deserta cubile,

sed fratris cari flebile discidium?

quam penitus maestas exedit cura medullas!

ut tibi tunc toto pectore sollicitae

sensibus ereptis mens excidit! at ego certe

cognoram a parua uirgine magnanimam.

anne bonum oblita es facinus, quo regium adepta es

coniugium, quod non fortior ausit alis?

sed tum maesta uirum mittens quae uerba locuta est!

Iuppiter, ut tristi lumina saepe manu!

quis te mutauit tantus deus? an quod amantes

non longe a caro corpore abesse uolunt?

atque ibi me cunctis pro dulci coniuge diuis

non sine taurino sanguine pollicita es,

si reditum tetulisset. is haut in tempore longo

captam Asiam Aegypti finibus addiderat.

quis ego pro factis caelesti reddita coetu

pristina uota nouo munere dissoluo.

inuita, o regina, tuo de uertice cessi,

inuita: adiuro teque tuumque caput,

digna ferat quod si quis inaniter adiurarit:

sed qui se ferro postulet esse parem?

ille quoque euersus mons est, quem maximum in oris

progenies Thiae clara superuehitur,

cum Medi peperere nouum mare, cumque iuuentus

per medium classi barbara nauit Athon.

quid facient crines, cum ferro talia cedant?

Iuppiter, ut Chalybon omne genus pereat,

et qui principio sub terra quaerere uenas

institit ac ferri stringere duritiem!

abiunctae paulo ante comae mea fata sorores

lugebant, cum se Memnonis Aethiopis

unigena impellens nutantibus aera pennis

obtulit Arsinoes Locridis ales equos,

isque per aetherias me tollens auolat umbras

et Veneris casto collocat in gremio.

ipsa suum Zephyritis eo famulum legarat

Graiia Canopitis incola litoribus.

hi dii uen ibi uario ne solum in lumine caeli

ex Ariadnaeis aurea temporibus

fixa corona foret, sed nos quoque fulgeremus

deuotae flaui uerticis exuuiae,

uuidulam a fluctu cedentem ad templa deum me

sidus in antiquis diua nouum posuit.

Virginis et saeui contingens namque Leonis

lumina, Callisto iuncta Lycaoniae,

uertor in occasum, tardum dux ante Booten,

qui uix sero alto mergitur Oceano.

sed quamquam me nocte premunt uestigia diuum,

lux autem canae Tethyi restituit

(pace tua fari hic liceat, Ramnusia uirgo,

namque ego non ullo uera timore tegam,

nec si me infestis discerpent sidera dictis,

condita quin ueri pectoris euoluam),

non his tam laetor rebus, quam me afore semper,

afore me a dominae uertice discrucior,

quicum ego, dum uirgo quondam fuit omnibus expers

unguentis, una milia multa bibi.

nunc uos, optato quas iunxit lumine taeda,

non prius unanimis corpora coniugibus

tradite nudantes reiecta ueste papillas,

quam iucunda mihi munera libet onyx,

uester onyx, casto colitis quae iura cubili.

sed quae se impuro dedit adulterio,

illius a mala dona leuis bibat irrita puluis:

namque ego ab indignis praemia nulla peto.

sed magis, o nuptae, semper concordia uestras,

semper amor sedes incolat assiduus.

tu uero, regina, tuens cum sidera diuam

placabis festis luminibus Venerem,

unguinis expertem non siris esse tuam me,

sed potius largis affice muneribus.

sidera corruerint utinam! coma regia fiam,

proximus Hydrochoi fulgeret Oarion!

LXVII. de ianua moechae cuiusdam

O DVLCI iucunda uiro, iucunda parenti,

salue, teque bona Iuppiter auctet ope,

ianua, quam Balbo dicunt seruisse benigne

olim, cum sedes ipse senex tenuit,

quamque ferunt rursus gnato seruisse maligne,

postquam es porrecto facta marita sene.

dic agedum nobis, quare mutata feraris

in dominum ueterem deseruisse fidem.

'Non (ita Caecilio placeam, cui tradita nunc sum)

culpa mea est, quamquam dicitur esse mea,

nec peccatum a me quisquam pote dicere quicquam:

uerum istius populi ianua qui te facit,

qui quacumque aliquid reperitur non bene factum

ad me omnes clamant: ianua, culpa tua est.'

Non istuc satis est uno te dicere uerbo.

sed facere ut quiuis sentiat et uideat.

'Qui possum? nemo quaerit nec scire laborat?'

Nos uolumus: nobis dicere ne dubita.

'Primum igitur, uirgo quod fertur tradita nobis,

falsum est. non illam uir prior attigerit,

languidior tenera cui pendens sicula beta.

numquam se mediam sustulit ad tunicam;

sed pater illius gnati uiolasse cubile

dicitur et miseram conscelerasse domum,

siue quod impia mens caeco flagrabat amore,

seu quod iners sterili semine natus erat,

ut quaerendum unde foret neruosius illud,

quod posset zonam soluere uirgineam.'

Egregium narras mira pietate parentem.

qui ipse sui gnati minxerit in gremium.

Atqui non solum hoc dicit se cognitum habere

Brixia Cycneae supposita speculae,

flauus quam molli praecurrit flumine Mella,

Brixia Veronae mater amata meae,

sed de Postumio et Corneli narrat amore,

cum quibus illa malum fecit adulterium.

dixerit hic aliquis: quid? tu istaec, ianua, nosti,

cui numquam domini limine abesse licet,

nec populum auscultare, sed hic suffixa tigillo

tantum operire soles aut aperire domum?

saepe illam audiui furtiua uoce loquentem

solam cum ancillis haec sua flagitia,

nomine dicentem quos diximus, utpote quae mi

speraret nec linguam esse nec auriculam.

praeterea addebat quendam, quem dicere nolo

nomine, ne tollat rubra supercilia.

longus homo est, magnas cui lites intulit olim

falsum mendaci uentre puerperium.'

LXVIII. ad Mallium

QVOD mihi fortuna casuque oppressus acerbo

conscriptum hoc lacrimis mittis epistolium,

naufragum ut eiectum spumantibus aequoris undis

subleuem et a mortis limine restituam,

quem neque sancta Venus molli requiescere somno

desertum in lecto caelibe perpetitur,

nec ueterum dulci scriptorum carmine Musae

oblectant, cum mens anxia peruigilat:

id gratum est mihi, me quoniam tibi dicis amicum,

muneraque et Musarum hinc petis et Veneris.

sed tibi ne mea sint ignota incommoda, Mani,

neu me odisse putes hospitis officium,

accipe, quis merser fortunae fluctibus ipse,

ne amplius a misero dona beata petas.

tempore quo primum uestis mihi tradita pura est,

iucundum cum aetas florida uer ageret,

multa satis lusi: non est dea nescia nostri,

quae dulcem curis miscet amaritiem.

sed totum hoc studium luctu fraterna mihi mors

abstulit. o misero frater adempte mihi,

tu mea tu moriens fregisti commoda, frater,

tecum una tota est nostra sepulta domus,

omnia tecum una perierunt gaudia nostra,

quae tuus in uita dulcis alebat amor.

cuius ego interitu tota de mente fugaui

haec studia atque omnes delicias animi.

quare, quod scribis Veronae turpe Catullo

esse, quod hic quisquis de meliore nota

frigida deserto tepefactet membra cubili,

id, Mani, non est turpe, magis miserum est.

ignosces igitur si, quae mihi luctus ademit,

haec tibi non tribuo munera, cum nequeo.

nam, quod scriptorum non magna est copia apud me,

hoc fit, quod Romae uiuimus: illa domus,

illa mihi sedes, illic mea carpitur aetas;

huc una ex multis capsula me sequitur.

quod cum ita sit, nolim statuas nos mente maligna

id facere aut animo non satis ingenuo,

quod tibi non utriusque petenti copia posta est:

ultro ego deferrem, copia siqua foret.

Non possum reticere, deae, qua me Allius in re

iuuerit aut quantis iuuerit officiis,

ne fugiens saeclis obliuiscentibus aetas

illius hoc caeca nocte tegat studium:

sed dicam uobis, uos porro dicite multis

milibus et facite haec carta loquatur anus.

* * * * * * * *

notescatque magis mortuus atque magis,

nec tenuem texens sublimis aranea telam

in deserto Alli nomine opus faciat.

nam, mihi quam dederit duplex Amathusia curam,

scitis, et in quo me torruerit genere,

cum tantum arderem quantum Trinacria rupes

lymphaque in Oetaeis Malia Thermopylis,

maesta neque assiduo tabescere lumina fletu

cessarent. tristique imbre madere genae.

qualis in aerii perlucens uertice montis

riuus muscoso prosilit e lapide,

qui cum de prona praeceps est ualle uolutus,

per medium densi transit iter populi,

dulce uiatori lasso in sudore leuamen,

cum grauis exustos aestus hiulcat agros:

hic, uelut in nigro iactatis turbine nautis

lenius aspirans aura secunda uenit

iam prece Pollucis, iam Castoris implorata,

tale fuit nobis Allius auxilium.

is clausum lato patefecit limite campum,

isque domum nobis isque dedit dominae,

ad quam communes exerceremus amores.

quo mea se molli candida diua pede

intulit et trito fulgentem in limine plantam

innixa arguta constituit solea,

coniugis ut quondam flagrans aduenit amore

Protesilaeam Laodamia domum

inceptam frustra, nondum cum sanguine sacro

hostia caelestis pacificasset eros.

nil mihi tam ualde placeat, Ramnusia uirgo,

quod temere inuitis suscipiatur eris.

quam ieiuna pium desiderat ara cruorem,

docta est amisso Laudamia uiro,

coniugis ante coacta noui dimittere collum,

quam ueniens una atque altera rursus hiems

noctibus in longis auidum saturasset amorem,

posset ut abrupto uiuere coniugio,

quod scibant Parcae non longo tempore abesse,

si miles muros isset ad Iliacos.

nam tum Helenae raptu primores Argiuorum

coeperat ad sese Troia ciere uiros,

Troia (nefas!) commune sepulcrum Asiae Europaeque,

Troia uirum et uirtutum omnium acerba cinis,

quaene etiam nostro letum miserabile fratri

attulit. ei misero frater adempte mihi

ei misero fratri iucundum lumen ademptum,

tecum una tota est nostra sepulta domus,

omnia tecum una perierunt gaudia nostra,

quae tuus in uita dulcis alebat amor.

quem nunc tam longe non inter nota sepulcra

nec prope cognatos compositum cineres,

sed Troia obscena, Troia infelice sepultum

detinet extremo terra aliena solo.

ad quam tum properans fertur undique pubes

Graecae penetralis deseruisse focos,

ne Paris abducta gauisus libera moecha

otia pacato degeret in thalamo.

quo tibi tum casu, pulcerrima Laudamia,

ereptum est uita dulcius atque anima

coniugium: tanto te absorbens uertice amoris

aestus in abruptum detulerat barathrum,

quale ferunt Grai Pheneum prope Cylleneum

siccare emulsa pingue palude solum,

quod quondam caesis montis fodisse medullis

audit falsiparens Amphitryoniades,

tempore quo certa Stymphalia monstra sagitta

perculit imperio deterioris eri,

pluribus ut caeli tereretur ianua diuis,

Hebe nec longa uirginitate foret.

sed tuus altus amor barathro fuit altior illo,

qui tamen indomitam ferre iugum docuit.

nam nec tam carum confecto aetate parenti

una caput seri nata nepotis alit,

qui cum diuitiis uix tandem iuuentus auitis

nomen testatas intulit in tabulas,

impia derisi gentilis gaudia tollens,

suscitat a cano uolturium capiti:

nec tantum niueo gauisa est ulla columbo

compar, quae multo dicitur improbius

oscula mordenti semper decerpere rostro,

quam quae praecipue multiuola est mulier.

sed tu horum magnos uicisti sola furores,

ut semel es flauo conciliata uiro.

aut nihil aut paulum cui tum concedere digna

lux mea se nostrum contulit in gremium,

quam circumcursans hinc illinc saepe Cupido

fulgebat crocina candidus in tunica.

quae tamen etsi uno non est contenta Catullo,

rara uerecundae furta feremus erae

ne nimium simus stultorum more molesti.

saepe etiam Iuno, maxima caelicolum,

coniugis in culpa flagrantem concoquit iram,

noscens omniuoli plurima furta Iouis.

atqui nec diuis homines componier aequum est,

* * * * * * * *

* * * * * * * *

ingratum tremuli tolle parentis onus.

nec tamen illa mihi dextra deducta paterna

fragrantem Assyrio uenit odore domum,

sed furtiua dedit mira munuscula nocte,

ipsius ex ipso dempta uiri gremio.

quare illud satis est, si nobis is datur unis

quem lapide illa dies candidiore notat.

hoc tibi, quod potui, confectum carmine munus

pro multis, Alli, redditur officiis,

ne uestrum scabra tangat rubigine nomen

haec atque illa dies atque alia atque alia.

huc addent diui quam plurima, quae Themis olim

antiquis solita est munera ferre piis.

sitis felices et tu simul et tua uita,

et domus in qua lusimus et domina,

et qui principio nobis terram dedit aufert,

a quo sunt primo omnia nata bona,

et longe ante omnes mihi quae me carior ipso est,

lux mea, qua uiua uiuere dulce mihi est.

LXIX. ad Rufum

NOLI admirari, quare tibi femina nulla,

Rufe, uelit tenerum supposuisse femur,

non si illam rarae labefactes munere uestis

aut perluciduli deliciis lapidis.

laedit te quaedam mala fabula, qua tibi fertur

ualle sub alarum trux habitare caper.

hunc metuunt omnes, neque mirum: nam mala ualde est

bestia, nec quicum bella puella cubet.

quare aut crudelem nasorum interfice pestem,

aut admirari desine cur fugiunt.

LXX.

NVLLI se dicit mulier mea nubere malle

quam mihi, non si se Iuppiter ipse petat.

dicit: sed mulier cupido quod dicit amanti,

in uento et rapida scribere oportet aqua.

LXXI.

SI cui iure bono sacer alarum obstitit hircus,

aut si quem merito tarda podagra secat.

aemulus iste tuus, qui uestrem exercet amorem,

mirifice est a te nactus utrumque malum.

nam quotiens futuit, totiens ulciscitur ambos:

illam affligit odore, ipse perit podagra.

LXXII. ad Lesbiam

DICEBAS quondam solum te nosse Catullum,

Lesbia, nec prae me uelle tenere Iouem.

dilexi tum te non tantum ut uulgus amicam,

sed pater ut gnatos diligit et generos.

nunc te cognoui: quare etsi impensius uror,

multo mi tamen es uilior et leuior.

qui potis est, inquis? quod amantem iniuria talis

cogit amare magis, sed bene uelle minus.

LXXIII.

DESINE de quoquam quicquam bene uelle mereri

aut aliquem fieri posse putare pium.

omnia sunt ingrata, nihil fecisse benigne

immo etiam taedet obestque magis;

ut mihi, quem nemo grauius nec acerbius urget,

quam modo qui me unum atque unicum amicum habuit.

LXXIV. ad Gellium

GELLIVS audierat patruum obiurgare solere,

si quis delicias diceret aut faceret.

hoc ne ipsi accideret, patrui perdepsuit ipsam

uxorem, et patruum reddidit Arpocratem.

quod uoluit fecit: nam, quamuis irrumet ipsum

nunc patruum, uerbum non faciet patruus.

LXXV. ad Lesbiam

HVC est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa

atque ita se officio perdidit ipsa suo,

ut iam nec bene uelle queat tibi, si optima fias,

nec desistere amare, omnia si facias.

LXXVI. ad deos

SIQVA recordanti benefacta priora uoluptas

est homini, cum se cogitat esse pium,

nec sanctam uiolasse fidem, nec foedere nullo

diuum ad fallendos numine abusum homines,

multa parata manent in longa aetate, Catulle,

ex hoc ingrato gaudia amore tibi.

nam quaecumque homines bene cuiquam aut dicere possunt

aut facere, haec a te dictaque factaque sunt.

omnia quae ingratae perierunt credita menti.

quare iam te cur amplius excrucies?

quin tu animo offirmas atque istinc teque reducis,

et dis inuitis desinis esse miser?

difficile est longum subito deponere amorem,

difficile est, uerum hoc qua lubet efficias:

una salus haec est. hoc est tibi peruincendum,

hoc facias, siue id non pote siue pote.

o di, si uestrum est misereri, aut si quibus umquam

extremam iam ipsa in morte tulistis opem,

me miserum aspicite et, si uitam puriter egi,

eripite hanc pestem perniciemque mihi,

quae mihi subrepens imos ut torpor in artus

expulit ex omni pectore laetitias.

non iam illud quaero, contra me ut diligat illa,

aut, quod non potis est, esse pudica uelit:

ipse ualere opto et taetrum hunc deponere morbum.

o di, reddite mi hoc pro pietate mea.

LXXVII. ad Rufum

RVFE mihi frustra ac nequiquam credite amice

(frustra? immo magno cum pretio atque malo),

sicine subrepsti mi, atque intestina perurens

ei misero eripuisti omnia nostra bona?

eripuisti, heu heu nostrae crudele uenenum

uitae, heu heu nostrae pestis amicitiae.

LXXVIII. ad Gallum

GALLVS habet fratres, quorum est lepidissima coniunx

alterius, lepidus filius alterius.

Gallus homo est bellus: nam dulces iungit amores,

cum puero ut bello bella puella cubet.

Gallus homo est stultus, nec se uidet esse maritum,

qui patruus patrui monstret adulterium.

LXXVIIIb.

* * * * * * *

sed nunc id doleo, quod purae pura puellae

suauia comminxit spurca saliua tua.

uerum id non impune feres: nam te omnia saecla

noscent et, qui sis, fama loquetur anus.

LXXIX. ad Lesbium

LESBIVS est pulcer. quid ni? quem Lesbia malit

quam te cum tota gente, Catulle, tua.

sed tamen hic pulcer uendat cum gente Catullum,

si tria natorum suauia reppererit.

LXXX. ad Gellium

QVID dicam, Gelli, quare rosea ista labella

hiberna fiant candidiora niue,

mane domo cum exis et cum te octaua quiete

e molli longo suscitat hora die?

nescio quid certe est: an uere fama susurrat

grandia te medii tenta uorare uiri?

sic certe est: clamant Victoris rupta miselli

ilia, et emulso labra notata sero.

LXXXI. ad Iuuentium

NEMONE in tanto potuit populo esse, Iuuenti,

bellus homo, quem tu diligere inciperes.

praeterquam iste tuus moribunda ab sede Pisauri

hospes inaurata palladior statua,

qui tibi nunc cordi est, quem tu praeponere nobis

audes, et nescis quod facinus facias?

LXXXII. ad Quintium

QVINTI, si tibi uis oculos debere Catullum

aut aliud si quid carius est oculis,

eripere ei noli, multo quod carius illi

est oculis seu quid carius est oculis.

LXXXIII. ad Lesbiam

LESBIA mi praesente uiro mala plurima dicit:

haec illi fatuo maxima laetitia est.

mule, nihil sentis? si nostri oblita taceret,

sana esset: nunc quod gannit et obloquitur,

non solum meminit, sed, quae multo acrior est res,

irata est. hoc est, uritur et loquitur.

LXXXIV. ad Arrium

CHOMMODA dicebat, si quando commoda uellet

dicere, et insidias Arrius hinsidias,

et tum mirifice sperabat se esse locutum,

cum quantum poterat dixerat hinsidias.

credo, sic mater, sic liber auunculus eius.

sic maternus auus dixerat atque auia.

hoc misso in Syriam requierant omnibus aures

audibant eadem haec leniter et leuiter,

nec sibi postilla metuebant talia uerba,

cum subito affertur nuntius horribilis,

Ionios fluctus, postquam illuc Arrius isset,

iam non Ionios esse sed Hionios.

LXXXV.

ODI et amo. quare id faciam, fortasse requiris.

nescio, sed fieri sentio et excrucior.

LXXXVI. ad Lesbiam

QVINTIA formosa est multis. mihi candida, longa,

recta est: haec ego sic singula confiteor.

totum illud formosa nego: nam nulla uenustas,

nulla in tam magno est corpore mica salis.

Lesbia formosa est, quae cum pulcerrima tota est,

tum omnibus una omnis surripuit Veneres.

LXXXVII. ad Lesbiam

NVLLA potest mulier tantum se dicere amatam

uere, quantum a me Lesbia amata mea est.

nulla fides ullo fuit umquam foedere tanta,

quanta in amore tuo ex parte reperta mea est.

LXXXVIII. ad Gellium

QVID facit is, Gelli, qui cum matre atque sorore

prurit, et abiectis peruigilat tunicis?

quid facit is, patruum qui non sinit esse maritum?

ecquid scis quantum suscipiat sceleris?

suscipit, o Gelli, quantum non ultima Tethys

nec genitor Nympharum abluit Oceanus:

nam nihil est quicquam sceleris, quo prodeat ultra,

non si demisso se ipse uoret capite.

LXXXIX. ad Gellium

GELLIVS est tenuis: quid ni? cui tam bona mater

tamque ualens uiuat tamque uenusta soror

tamque bonus patruus tamque omnia plena puellis

cognatis, quare is desinat esse macer?

qui ut nihil attingat, nisi quod fas tangere non est,

quantumuis quare sit macer inuenies.

XC. ad Gellium

NASCATVR magus ex Gelli matrisque nefando

coniugio et discat Persicum aruspicium:

nam magus ex matre et gnato gignatur oportet,

si uera est Persarum impia religio,

gratus ut accepto ueneretur carmine diuos

omentum in flamma pingue liquefaciens.

XCI. ad Gellium

NON ideo, Gelli, sperabam te mihi fidum

in misero hoc nostro, hoc perdito amore fore,

quod te cognossem bene constantemue putarem

aut posse a turpi mentem inhibere probro;

sed neque quod matrem nec germanam esse uidebam

hanc tibi, cuius me magnus edebat amor.

et quamuis tecum multo coniungerer usu,

non satis id causae credideram esse tibi.

tu satis id duxti: tantum tibi gaudium in omni

culpa est, in quacumque est aliquid sceleris.

XCII. ad Lesbia

LESBIA mi dicit semper male nec tacet umquam

de me: Lesbia me dispeream nisi amat.

quo signo? quia sunt totidem mea: deprecor illam

assidue, uerum dispeream nisi amo.

XCIII. ad Gaium Iulium Caesarem

NIL nimium studeo, Caesar, tibi uelle placere,

nec scire utrum sis albus an ater homo.

XCIV. ad Mentulam

MENTVLA moechatur. Moechatur mentula? Certe.

Hoc est quod dicunt: ipsa olera olla legit.

XCV. ad Gaium Heluium Cinnam

ZMYRNA mei Cinnae nonam post denique messem

quam coepta est nonamque edita post hiemem,

milia cum interea quingenta Hortensius uno

* * * * * * * *

Zmyrna cauas Satrachi penitus mittetur ad undas,

Zmyrnam cana diu saecula peruoluent.

at Volusi annales Paduam morientur ad ipsam

et laxas scombris saepe dabunt tunicas.

XCVb.

PARVA mei mihi sint cordi monimenta ...,

at populus tumido gaudeat Antimacho.

XCVI. ad Gaium Licinium Caluum

SI quicquam mutis gratum acceptumque sepulcris

accidere a nostro, Calue, dolore potest,

quo desiderio ueteres renouamus amores

atque olim missas flemus amicitias,

certe non tanto mors immatura dolori est

Quintiliae, quantum gaudet amore tuo.

XCVII. ad Aemilium

NON (ita me di ament) quicquam referre putaui,

utrumne os an culum olfacerem Aemilio.

nilo mundius hoc, nihiloque immundius illud,

uerum etiam culus mundior et melior:

nam sine dentibus est. hic dentis sesquipedalis,

gingiuas uero ploxeni habet ueteris,

praeterea rictum qualem diffissus in aestu

meientis mulae cunnus habere solet.

hic futuit multas et se facit esse uenustum,

et non pistrino traditur atque asino?

quem siqua attingit, non illam posse putemus

aegroti culum lingere carnificis?

XCVIII. ad Victium

IN te, si in quemquam, dici pote, putide Victi,

id quod uerbosis dicitur et fatuis.

ista cum lingua, si usus ueniat tibi, possis

culos et crepidas lingere carpatinas.

si nos omnino uis omnes perdere, Victi,

hiscas: omnino quod cupis efficies.

XCIX. ad Iuuentium

SVRRIPVI tibi, dum ludis, mellite Iuuenti,

suauiolum dulci dulcius ambrosia.

uerum id non impune tuli: namque amplius horam

suffixum in summa me memini esse cruce,

dum tibi me purgo nec possum fletibus ullis

tantillum uestrae demere saeuitiae.

nam simul id factum est, multis diluta labella

guttis abstersisti omnibus articulis,

ne quicquam nostro contractum ex ore maneret,

tamquam commictae spurca saliua lupae.

praeterea infesto miserum me tradere amori

non cessasti omnique excruciare modo,

ut mi ex ambrosia mutatum iam foret illud

suauiolum tristi tristius elleboro.

quam quoniam poenam misero proponis amori,

numquam iam posthac basia surripiam.

C. ad Marcum Caelium furum

CAELIVS Aufillenum et Quintius Aufillenam

flos Veronensum depereunt iuuenum,

hic fratrem, ille sororem. hoc est, quod dicitur, illud

fraternum uere dulce sodalicium.

cui faueam potius? Caeli, tibi: nam tua nobis

perspecta ex igni est unica amicitia,

cum uesana meas torreret flamma medullas.

sis felix, Caeli, sis in amore potens.

CI. ad inferias

MVLTAS per gentes et multa per aequora uectus

aduenio has miseras, frater, ad inferias,

ut te postremo donarem munere mortis

et mutam nequiquam alloquerer cinerem.

quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum.

heu miser indigne frater adempte mihi,

nunc tamen interea haec, prisco quae more parentum

tradita sunt tristi munere ad inferias,

accipe fraterno multum manantia fletu,

atque in perpetuum, frater, aue atque uale.

CII. ad Cornelium Nepotem

SI quicquam tacito commissum est fido ab amico,

cuius sit penitus nota fides animi,

meque esse inuenies illorum iure sacratum,

Corneli, et factum me esse puta Arpocratem.

CIII. ad Silonem

AVT sodes mihi redde decem sestertia, Silo,

deinde esto quamuis saeuus et indomitus:

aut, si te nummi delectant, desine quaeso

leno esse atque idem saeuus et indomitus.

CIV.

CREDIS me potuisse meae maledicere uitae,

ambobus mihi quae carior est oculis?

non potui, nec, si possem, tam perdite amarem:

sed tu cum Tappone omnia monstra facis.

CV. ad Mentulam

MENTVLA conatur Pipleium scandere montem:

Musae furcillis praecipitem eiciunt.

CVI.

CVM puero bello praeconem qui uidet esse,

quid credat, nisi se uendere discupere?

CVII. ad Lesbiam

SI quicquam cupido optantique optigit umquam

insperanti, hoc est gratum animo proprie.

quare hoc est gratum nobis quoque carius auro

quod te restituis, Lesbia, mi cupido.

restituis cupido atque insperanti, ipsa refers te

nobis. o lucem candidiore nota!

quis me uno uiuit felicior aut magis hac est

optandus uita dicere quis poterit?

CVIII. ad Cominium

SI, Comini, populi arbitrio tua cana senectus

spurcata impuris moribus intereat,

non equidem dubito quin primum inimica bonorum

lingua exsecta auido sit data uulturio,

effossos oculos uoret atro gutture coruus,

intestina canes, cetera membra lupi.

CIX. ad Lesbiam

IVCVNDVM, mea uita, mihi proponis amorem

hunc nostrum inter nos perpetuumque fore.

di magni, facite ut uere promittere possit,

atque id sincere dicat et ex animo,

ut liceat nobis tota perducere uita

aeternum hoc sanctae foedus amicitiae.

CX. ad Aufilenam

AVFILENA, bonae semper laudantur amicae:

accipiunt pretium, quae facere instituunt.

tu, quod promisti, mihi quod mentita inimica es,

quod nec das et fers saepe, facis facinus.

aut facere ingenuae est, aut non promisse pudicae,

Aufillena, fuit: sed data corripere

fraudando officiis, plus quam meretricis auarae

quae sese toto corpore prostituit.

CXI. ad Aufilenam

AVFILENA, uiro contentam uiuere solo,

nuptarum laus ex laudibus eximiis:

sed cuiuis quamuis potius succumbere par est,

quam matrem fratres efficere ex patruo...

CXII. ad Nasonem

MVLTVS homo es, Naso, neque tecum multus homo

te scindat: Naso, multus es et pathicus.

CXIII. ad Gaium Heluium Cinnam

CONSVLE Pompeio primum duo, Cinna, solebant

Maeciliam: facto consule nunc iterum

manserunt duo, sed creuerunt milia in unum

singula. fecundum semen adulterio.

CXIV. ad Mentulam

FIRMANVS saltu non falso Mentula diues

fertur, qui tot res in se habet egregias,

aucupium omne genus, piscis, prata, arua ferasque.

nequiquam: fructus sumptibus exsuperat.

quare concedo sit diues, dum omnia desint.

saltum laudemus, dum modo ipse egeat.

CXV. ad Mentulam

MENTVLA habet instar triginta iugera prati,

quadraginta arui: cetera sunt maria.

cur non diuitiis Croesum superare potis sit,

uno qui in saltu tot bona possideat,

prata arua ingentes siluas saltusque paludesque

usque ad Hyperboreos et mare ad Oceanum?

omnia magna haec sunt, tamen ipsest maximus ultro,

non homo, sed uero mentula magna minax.

CXVI. ad Gellium

SAEPE tibi studioso animo uenante requirens

carmina uti possem mittere Battiadae,

qui te lenirem nobis, neu conarere

tela infesta mittere in usque caput,

hunc uideo mihi nunc frustra sumptum esse laborem,

Gelli, nec nostras hic ualuisse preces.

contra nos tela ista tua euitabimus amitha

at fixus nostris tu dabis supplicium.

_________________________________ Traduzione Italiana

1

A chi donerò questo prezioso novissimo

libretto ancora lucido di pomice?

A te, Cornelio, a te che alle mie cose

attribuivi un senso fin dagli anni

in cui, unico fra noi, tu affrontavi

la storia universale in tre libri

cosí colti e tormentati, mio dio.

Valga quel che valga, il libretto

è tuo:

musa, vergine mia,

fa' che mi possa sopravvivere.

2

Passero, passero dell'amor mio:

ti tiene in seno, gioca con te,

porge le dita al tuo assalto,

provoca le tue beccate rabbiose.

Come si diverta l'anima mia

in questo gioco, trovando conforto

al suo dolore, non so; ma come lei,

quando si placa l'affanno d'amore,

anch'io vorrei giocare con te

e strapparmi dal cuore la malinconia.

2b

E come dicono piacesse a una fanciulla

svelta il pomo dorato che le tolse

l'impaccio della sua ritrosia, mi piace.

3

Pianga Venere, piangano Amore

e tutti gli uomini gentili:

è morto il passero del mio amore,

morto il passero che il mio amore

amava piú degli occhi suoi.

Dolcissimo, la riconosceva

come una bambina la madre,

non si staccava dal suo grembo,

le saltellava intorno

e soltanto per lei cinguettava.

Ora se ne va per quella strada oscura

da cui, giurano, non torna nessuno.

Siate maledette, maledette tenebre

dell'Orco che ogni cosa bella divorate:

una delizia di passero m'avete strappato.

Maledette, passerotto infelice:

ora per te gli occhi, perle del mio amore,

si arrossano un poco, gonfi di pianto.

4

Questo battello che vedete, amici,

si vanta d'essere stato una nave

cosí veloce che mai nessun legno

poté superarlo in gara, volando

con le ali dei remi o delle vele.

Certo ne possono far fede i porti

dell'Adriatico infido o le Cicladi,

la luminosa Rodi, il mar di Marmara

agitato o l'orribile mar Nero

dove fu, prima d'essere battello,

foresta oscura: sul monte Citoro

la sua voce fischiava tra le foglie.

Questo, Amastri, questo tu lo sapevi,

dice a battello, e i bossi del Citoro

lo sanno ancora, sin dal tempo in cui

si alzava sopra la tua cima o quando

immerse i remi dentro le tue acque

e poi di là per mari tempestosi

condusse il suo padrone sulla rotta

dove spirava il vento col favore

che nelle vele v'imprimeva Giove:

nessun voto agli dei dovette rendere

nei porti, navigando da quel mare

del diavolo a questo limpido lago.

Acqua passata: ora solitario

invecchia in pace e si dedica a voi,

a te Castore e al gemello tuo.

5

Godiamoci la vita, mia Lesbia, l'amore,

e il mormorio dei vecchi inaciditi

consideriamolo un soldo bucato.

I giorni che muoiono possono tornare,

ma se questa nostra breve luce muore

noi dormiremo un'unica notte senza fine.

Dammi mille baci e ancora cento,

dammene altri mille e ancora cento,

sempre, sempre mille e ancora cento.

E quando alla fine saranno migliaia

per scordare tutto ne imbroglieremo il conto,

perché nessuno possa stringere in malie

un numero di baci cosí grande.

6

Flavio, se l'amor tuo non fosse privo

di grazia e di finezza lo vorresti dire

a Catullo, non sapresti tacere.

Ma certo tu ami qualche puttana

malandata: per questo ti vergogni.

Che tu non giaccia in solitudine la notte,

anche se tace, lo rivela la tua camera

fragrante di ghirlande e di profumi assiri,

il cuscino gualcito da ogni parte,

lo scricchiolare agitato del letto

che trema tutto e non trova pace.

Inutile tacere: non ti serve.

Non mostreresti fianchi cosí smunti

se non facessi un monte di sciocchezze.

E allora quello che hai, bello o brutto,

dimmelo. Voglio con un gioco di parole

portare te e il tuo amore alle stelle.

7

Mi chiedi con quanti baci, Lesbia,

tu possa giungere a saziarmi:

quanti sono i granelli di sabbia

che a Cirene assediano i filari di silfio

tra l'oracolo arroventato di Giove

e l'urna sacra dell'antico Batto,

o quante, nel silenzio della notte, le stelle

che vegliano i nostri amori furtivi.

Se tu mi baci con cosí tanti baci

che i curiosi non possano contarli

o le malelingue gettarvi una malia,

allora si placherà il delirio di Catullo.

8

Povero Catullo, basta con le illusioni:

se muore, credimi, ogni cosa è perduta.

Una fiammata di gioia i tuoi giorni

quando correvi dove lei, l'anima tua voleva,

amata come amata non sarà nessuna:

nascevano allora tutti i giochi d'amore

che tu volevi e lei non si negava.

Una fiammata di gioia quei giorni.

Ora non vuole piú: e tu, coraggio, non volere,

non inseguirla, come un miserabile, se fugge,

ma con tutta la tua volontà resisti, non cedere.

Addio, anima mia. Catullo non cede piú,

non verrà a cercarti, non ti vorrà per forza:

ma tu soffrirai di non essere desiderata.

Guardati, dunque: cosa può darti la vita?

Chi ti vorrà? a chi sembrerai bella?

chi amerai? da chi sarai amata?

E chi bacerai? a chi morderai le labbra?

Ma tu, Catullo, resisti, non cedere.

9

Veranio, amico piú di tutti i miei amici

(e fossero migliaia), sei tornato?

alla tua casa, ai tuoi Penati,

ai fratelli riuniti, alla tua vecchia madre?

Sí, tornato. Che parola meravigliosa.

Ti rivedrò incolume, ti udrò narrare

dei luoghi dell'Iberia e delle cose, delle genti,

come tu sai: le braccia intorno al collo,

ti bacerò gli occhi, la bocca ridente.

Fra tutti gli uomini felici,

chi piú allegro, piú felice di me?

10

Dal Foro dove ciondolavo il mio buon Varo

mi porta a casa di una sua ragazza,

una fichina che a prima vista mi parve

non priva di qualche grazia, quasi carina.

Giunti da lei ci si mise a parlare

di tante cose e fra queste della Bitinia,

il suo stato, le sue condizioni politiche,

i guadagni che mi avrebbe fruttato.

Risposi la verità: a nessuno di noi,

pretori o gente del seguito, era toccato

di tornarsene col capo piú profumato,

vedi poi se ti capita in sorte un fottuto

di pretore che del seguito se ne infischia.

'Ma almeno' m'interrompono 'avrai comprato

ciò che dicono la specialità del luogo,

dei portatori di lettiga.' Io per farmi

con la donna un po' piú fortunato degli altri:

'Non mi è andata poi cosí male,' le rispondo

'considerata quella terra maledetta:

ne ho cavato otto uomini robusti.'

In realtà non ne avevo neppure uno,

qui a Roma o laggiù, in grado di reggere

sul collo una vecchia brandina sgangherata.

E quella con la sua facciatosta mi fa:

'Catullo mio, dovresti prestarmeli un attimo,

te ne prego, voglio farmi portare al tempio

di Seràpide.' 'Un momento, dico, ragazza,

ciò che poco fa ho detto di possedere,

m'ero distratto: è un amico mio,

Gaio Cinna, che se l'è procurato.

D'altra parte, suoi o miei, che importa?

Me ne servo come fossero miei.

Ma tu sei proprio sciocca e impertinente

se non ammetti che ci si possa distrarre.'

11

Furio, Aurelio, che miei compagni

sino all'estremo dell'India verreste

alle cui rive lontane batte sonoro

il mare d'Oriente,

tra gli Arabi indolenti, gli Ircani,

gli Sciti, i Parti armati di frecce

o sino alle acque che il Nilo trascolora

con le sue sette foci;

e oltre i monti aspri delle Alpi

per visitare i luoghi dove vinse Cesare,

il Reno di Gallia, i Britanni

orribili e sperduti;

voi che con me, qualunque sia il volere

degli dei, sopportereste ogni mia pena,

ripetete all'amore mio queste poche

parole amare.

Se ne viva felice con i suoi amanti

e in un solo abbraccio, svuotandoli

d'ogni vigore, ne possieda quanti vuole

senza amarne nessuno,

ma non mi chieda l'amore di un tempo:

per colpa sua è caduto come il fiore

al margine di un prato se lo tocca

il vomere passando.

12

Nell'ebbrezza del vino insinui la tua mano,

Asinio, da Marrucino come tu sei:

fai sparire i fazzoletti a chi si distrae

e la credi una trovata. Vattene, sciocco:

è solo un gesto ignobile e volgare.

E se non credi a me, credi almeno a Pollione,

a tuo fratello che darebbe una fortuna

per nascondere i tuoi furti: lui sí un giovane

che sa benissimo come scherzare.

Se non vuoi subire la furia dei miei versi,

restituiscimi quel fazzoletto, dunque.

Non te lo chiedo certo per il suo valore,

ma è il ricordo di un amico mio,

uno di quei fazzoletti di Sétabi

che dalla Spagna Fabullo e Veranio

mi mandarono in dono: per questo li amo

come amo il mio Fabullo, il dolce Veranio.

13

Se dio vorrà, uno di questi giorni,

mio Fabullo, da me cenerai bene:

ma con te porta una cena abbondante

e squisita, una ragazza in fiore,

vino, sale e tutta la tua allegria.

Solo cosí, ripeto, amico mio,

cenerai bene, perché il tuo Catullo

ha la borsa piena di ragnatele.

In cambio avrai un affetto sincero

e tutto ciò che è bello e raffinato:

ti darò un profumo che la mia donna

ha avuto in dono da Venere e Amore.

Quando l'odorerai, prega gli dei,

Fabullo mio, di farti tutto naso.

14

Se non ti amassi piú degli occhi miei,

mio dolcissimo Calvo, per questo tuo dono

ti odierei come ti odia Vatinio:

che ho fatto, cosa ho detto perché tu

mi debba avvelenare con questi poeti?

Sia maledetto dagli dei il cliente

che t'ha mandato un tale branco di canaglie.

Ma se, come sospetto, questo dono insolito

e curioso è di Silla 'il professore',

non me ne dispiace affatto, sono felice

che le tue fatiche non vadano sprecate.

Dio buono, che libercolo di merda!

E tu proprio ai Saturnali, il giorno migliore,

mandi questa diavoleria al tuo Catullo

perché giusto il dí che segue debba morire.

No, non la passerai liscia, buffone:

appena sorge il sole mi precipito

ai chioschi dei librai e compro tutto,

Cesio, Suffeno, Aquino, tutti i piú letali

e ti ripagherò cosí con questa croce.

Ed ora via, flagello delle genti, via,

poeti da quattro soldi, tornate là

da dove maledetti siete usciti.

14b

Se per caso lettori voi sarete

di queste mie sciocchezze e non avrete orrore

d'avvicinarmi con le vostre mani

. . .

15

A te come me stesso affido il mio amore,

Aurelio. Un piccolo favore che ti chiedo:

se mai qualcuno amasti in cuore tuo

che tu desiderassi casto e puro,

conservami pulito questo mio ragazzo.

Non dico dalla gente, ché non ho pensiero

di chi corre su e giú per la via

tutto occupato nelle sue faccende;

ma di te ho timore e del tuo cazzo

nemico d'ogni ragazzo, buono o cattivo

che sia. Quando comanda ficcalo dove

e come vuoi, se è ritto e sguainato.

Ti proibisco lui solo, non credo molto.

Ma se la tua pazzia, una passione insana

ti spingesse, scellerato, tanto nel crimine

da insidiare la stessa mia persona,

povero te, la sorte che ti viene:

divaricate le gambe, per quella porta

radici e pesci ti ficcherò dentro.

16

In bocca e in culo ve lo ficcherò,

Furio ed Aurelio, checché bocchinare

che per due poesiole libertine

quasi un degenerato mi considerate.

Che debba esser pudico il poeta è giusto,

ma perché lo dovrebbero i suoi versi?

Hanno una loro grazia ed eleganza

solo se son lascivi, spudorati

e riescono a svegliare un poco di prurito,

non dico nei fanciulli, ma in qualche caprone

con le reni inchiodate dall'artrite.

E voi, perché leggete nei miei versi baci

su baci, mi ritenete un effeminato?

In bocca e in culo ve lo ficcherò.

17

Tu desideri far festa, Verona,

sul tuo Pontelungo

e già sei pronta a ballare,

ma le gambe fragili di un ponticello

che si regge su tavolette riparate

ti fan temere che crolli

e precipiti in fondo alla palude.

Sia pure esaudita questa voglia

e tu abbia un ponte cosí solido

da sostenere anche i Salii

nelle loro sarabande sacre,

ma in cambio voglio da te, Verona,

un regalo che mi diverta da morire:

buttami giú da quel tuo ponte

un certo mio concittadino

capofitto nel fango dalla testa ai piedi

là dove l'abisso delle acque

è piú profondo, il piú livido

di tutta questa fetida palude.

È un uomo d'una stupidità tale

che non ha piú giudizio del bambino

cullato tra le braccia di suo padre.

Sposata una fanciulla

in tutto il fiore dei suoi anni,

una fanciulla delicata

e tenera piú d'un agnellino

d'averne tanta cura

come dell'uva che è matura,

lascia che lei si diverta

nel modo preferito

e non gliene importa nulla,

non inalbera il suo diritto,

ma come un ontano, abbattuto

dalla scure di un Ligure,

giace in fondo ad un fossato,

questo mio incredibile stupido,

sensibile a tutto come se non esistesse,

non vede, non sente nulla,

non sa nemmeno chi egli sia

o se per caso sia o non sia.

Ora io voglio scaraventarlo

giú da quel tuo ponte,

se mai è possibile che d'un colpo

si riscuota dal suo torpore assurdo

e nelle profondità del fango

smarrisca la sua apatia,

come una mula lo zoccolo di ferro

in un pantano scivoloso.

21

Padre di tutti gli affamati che conosci

e di quelli che furono, sono e saranno

negli anni da venire, tu Aurelio,

desideri inculare l'amor mio

e non ne fai mistero: appiccicato a lui,

giochi, ti strofini, le provi tutte.

Non servirà: mentre mi tendi queste insidie

io prima te lo ficcherò in bocca.

E pace se tu lo facessi a pancia piena,

ma non posso tollerare, accidenti a me,

che il mio ragazzo impari a patir fame e sete.

Piantala dunque, giusto finché sei in tempo,

che tu non debba farlo a cazzo in bocca.

22

Quel Suffeno, Varo, che tu conosci bene,

è un uomo di spirito, garbato e civile,

ma purtroppo sforna versi su versi.

Io credo che n'abbia già scritti diecimila

o forse piú e non su scartafacci

come usa: la carta è la migliore, i libri

nuovi, nuove le bacchette, di cuoio i lacci

e il tutto squadrato e levigato a dovere.

Se poi li leggi, quel Suffeno spiritoso

e civile ti diventa allora un guardiano

di capre, un villano, tanto è diverso e muta.

È incredibile: quell'uomo di mondo

che ti sembrava tanto raffinato,

appena tocca un verso diventa piú rozzo

di un rozzo contadino; eppure non è mai

cosí felice come quando scrive versi,

tanto è soddisfatto di sé e tanto si ammira.

Del resto tutti sbagliamo: non c'è nessuno

in cui, se ci pensi, tu non possa vedere

Suffeno. Ognuno ha un suo difetto, ma la gobba

che ci sta sulla schiena noi non la vediamo.

23

Furio mio, tu non hai schiavi, non hai denari,

non hai cimici o ragni, né di che scaldarti,

ma hai un padre e una matrigna che coi denti

potrebbero macinare anche le pietre,

e con questo tuo genitore e la sua donna,

rinsecchita come un legno, tu vivi bene.

Non fa meraviglia: scoppiate di salute,

digerite d'incanto, non temete nulla,

né gli incendi né il crollo della casa

né la malvagità, l'insidia del veleno

o il pericolo di qualche altro incidente.

E in piú, grazie al sole al freddo e alla fame,

avete il corpo piú secco di un corno

o di quanto piú arido vi sia.

Perché mai non dovresti essere felice?

Non sudi, non hai una goccia in piú di saliva,

né un poco di catarro o di moccolo al naso.

E a questo candore aggiungine un altro:

poiché non cachi dieci volte all'anno

il tuo culo è piú lindo di un cristallo

e ciò che fai è piú duro di fave e ghiaia,

tanto che se lo stropicciassi fra le mani

non ti potresti sporcare nemmeno un dito.

Tutte queste comodità non disprezzarle,

Furio mio, non considerarle una sciocchezza

mendicando di continuo quei centomila

sesterzi: smettila, sei ricco quanto basta.

24

Io avrei voluto che tu, fior fiore

di tutti i Giovenzi che sono, furono

e saranno in tutti gli anni a venire,

avessi donato l'oro di Mida

a costui senza un servo né denari,

piuttosto che piegarti al suo amore.

'Perché? non è affascinante?' Certo,

lo è, ma senza un servo né denari.

Tu puoi minimizzare quanto vuoi,

ma resta senza un servo né denari.

25

Tallo, Tallo, pederasta molle

piú del pelo di coniglio,

del midollo d'oca

o del lobo di un orecchio,

piú del pene flaccido dei vecchi

o d'una ragnatela muffita,

ma anche piú rapace, Tallo,

d'una tempesta rabbiosa

quando la luna ti offre

un donnaiolo che sbadiglia;

avanti, rendimi il mantello

che m'hai rubato,

e il fazzoletto di Sétabi,

i pizzi di Bitinia,

che tu, sciocco, ostenti

come fossero di casa tua.

Strappali dai tuoi artigli

e ridammeli, ora, subito,

se non vuoi

che sulla tua schiena di velluto,

sulle tue mani mollicce

la sferza t'imprima la vergogna

di un marchio di fuoco

e tu debba agitarti

contro natura

come un guscio di nave

sorpreso nel mare in burrasca

dalla furia del vento.

26

La vostra casetta, Furio, non è esposta

al vento di scirocco o di ponente,

né di una tramontana gelida o di euro,

ma a quello di quindicimiladuecento sesterzi

ed è vento tremendo, non perdona.

27

Ragazzo, se versi un vino vecchio

riempine i calici del piú amaro,

come vuole Postumia, la nostra regina

ubriaca piú di un acino ubriaco.

E l'acqua se ne vada dove le pare

a rovinare il vino, lontano,

fra gli astemi: questo è vino puro.

28

Veranio carissimo e tu Fabullo mio,

che al seguito di Pisone, privi di tutto,

vi portate appresso le vostre quattro cose,

come state? Vi ha fatto sopportare tutto,

il freddo, la fame, vero, quella canaglia?

Dite, segnate pure voi i profitti in perdita,

come ho fatto io, seguendo il mio pretore,

che registro a profitto soltanto le spese?

O Memmio, m'hai proprio fottuto a modo tuo,

supino, con in bocca tutta la tua trave.

Ma a voi non è toccata una sorte migliore,

mi pare: quello che vi opprime non è manico

diverso. Cercali i tuoi amici famosi!

E che tutti gli dei li possano sommergere

di guai, questa vergogna di Romolo e Remo.

29

Chi se non un ingordo svergognato e baro

potrebbe mai permettere in coscienza

che abbia Mamurra ciò che fu della Gallia

o della lontanissima Britannia?

Lo vedi, no, romolo fottuto, e sopporti?

Cosí questa colomba bianca, questo Adone

passerà con noncuranza da un letto all'altro

vomitando tutta la sua superbia?

Lo vedi, no, romolo fottuto, e sopporti?

Sei uno svergognato ingordo e baro.

E tu, generalissimo, saresti andato

nella piú lontana isola d'occidente

perché questo vostro coglione rammollito

divorasse milioni su milioni?

Non è questa la generosità dei ladri?

O forse non ha dilapidato abbastanza?

Prima si è fatto fuori i beni di suo padre,

poi il bottino dell'Asia e quello di Spagna,

testimone il bacino aurifero del Tago.

Ora terrorizza Gallia e Britannia.

E voi proteggete un ribaldo simile?

un tale distruttore di ricchezze?

voi, genero-suocero, padroni di Roma,

in nome suo avete saccheggiato il mondo?

30

Dimenticàti con fredda falsità i compagni fedeli,

non hai pietà, Alfeno, nemmeno dell'amico piú caro?

Col tuo cinismo non esiti a tradirmi, a ingannarmi.

Eppure agli dei ripugna la viltà di chi tradisce:

ma a te che importa se mi lasci con la mia tristezza?

Che fare, che fare, ditemi, a chi si può credere?

Certo tu, tu traditore volevi che mi affidassi a te,

spingendomi ad amarti come se non avessi nulla da temere.

Ora mi eviti e lasci che il vento e le nebbie disperdano

nell'aria, come fossero niente, le parole, ciò che facevi.

Ma se tu dimentichi, ricordano gli dei, ricorda la Fede,

che ti farà pentire di quello che mi hai fatto.

31

Che allegria piena, distesa, Sirmione,

rivederti piú bella di tutte le isole e penisole

che Nettuno solleva sulle acque diverse

dei laghi trasparenti o del mare immenso.

Quasi non credo d'essere lontano dalla Tinia,

dalle terre bitinie e guardarti sereno.

Vi è felicità piú grande che scordare gli affanni,

quando, stremati da viaggi in terra straniera,

la mente si libera del proprio peso e a casa

si torna per riposare nel letto sospirato?

Di tutte le fatiche questo è l'unico premio.

Sirmione, bellissima mia, rallegrati

e rallegratevi anche voi onde lidie del lago:

risuonino nella casa solo grida di gioia.

32

Ti prego, mia dolce Ipsililla,

amore mio, cocchina mia,

invitami da te nel pomeriggio.

Ma se decidi cosí, per favore,

non farmi trovare la porta già sprangata

e cerca di non uscire, se puoi,

restatene in casa e preparami

nove scopate senza mai fermarci.

Se ne hai voglia, però, fallo subito:

sto qui disteso sazio dopo pranzo

e pancia all'aria sfondo tunica e mantello.

33

Di tutti i ladri d'albergo Vibennio è il re,

come lo è di tutti i pederasti il figlio:

piú son luride le mani del padre

e piú famelico è il culo del figlio.

Perché mai non ve ne andate in esilio,

in terre maledette? Ormai i suoi furti

sono arcinoti e le tue natiche pelose

non valgono un soldo, figliolo mio.

34

Affidàti al nome di Diana

fanciulle e giovani innocenti,

il nome di Diana cantiamo,

fanciulle e giovani innocenti.

O figlia di Latona, sangue

grande del grandissimo Giove,

sotto quell'ulivo di Delo

certo ti partorí tua madre

perché signora di montagne,

di boschi verdi diventassi

e delle macchie misteriose,

dei fiumi percorsi di suoni.

Ti chiamano Giuno Lucina

le donne nel loro travaglio,

ti chiamano Luna di luce

riflessa, Trivia onnipotente.

Tu che l'anno in cicli mensili

dividi lungo il suo cammino,

col buon raccolto della terra

riempi le case ai contadini.

Qualunque nome tu assuma,

noi t'invocheremo, ma tu

col tuo aiuto, come un tempo,

proteggi il popolo di Roma.

35

Al poeta d'amore Cecilio, mio compagno,

papiro, questo devi dire:

venga a Verona

e lasci le mura nuove di Como, le rive del Lario:

voglio che ascolti certe fantasie

di un amico suo e mio.

Se ragiona, divorerà la strada

anche se mille volte, quando parte,

la sua dolce innamorata lo richiama

e con le braccia intorno al collo lo scongiura di restare,

vero, come dicono,

che muore per lui d'amore disperato.

Da quando poi ha letto i primi versi

per la signora di Díndimo,

un fuoco consuma quella poveretta in fondo al cuore.

Capisco: tu conosci troppo bene, ragazza,

la poesia di Saffo e questa di Cecilio a Cibele

ha un inizio splendido.

36

Annali di Volusio, cartacce di merda,

sciogliete la promessa della donna mia,

che a Venere e a Cupido ha fatto voto,

se da lei fossi tornato accettando

una tregua al mio violento sarcasmo,

di sacrificare alle fiamme di Vulcano

i versi migliori di un pessimo poeta

perché bruciassero su maledetta legna.

Quella dolce canaglia sapeva benissimo

di fare voti come fossero uno scherzo.

E allora tu, figlia del mare azzurro,

tu che abiti sui monti sacri di Cipro,

nelle baie del Gargano, in Ancona,

nei canneti di Cnido, ad Amatunta e Golgi,

a Durazzo, emporio di tutto l'Adriatico,

se questo voto ha una sua grazia spiritosa,

accettalo e ritienilo pagato.

Ma ora tocca a voi: andatevene al rogo,

con tutta la vostra rozza stupidità,

Annali di Volusio, cartacce di merda.

37

Puttanieri di quell'ignobile taverna

nove colonne oltre il tempio dei Dioscuri,

credete d'avere l'uccello solo voi,

di poter fottere le donne solo voi,

considerandoci tutti cornuti?

O forse perché sedete cento o duecento

in fila come tanti idioti, non credete

che potrei incularvi tutti e duecento?

Credetelo, credetelo: su ogni muro

qui fuori scriverò che avete il culo rotto.

Fuggitami dalle braccia, la donna mia,

amata come amata non sarà nessuna,

anche lei, che mi costrinse a tante battaglie,

siede tra voi. E come se ne foste degni

la chiavate tutti e non siete, maledetti,

che mezze canaglie, puttanieri da strada:

tu piú di tutti, tu Egnazio, capellone

modello, nato fra i conigli della Spagna,

che ti fai bello di una barba incolta

e di denti sciacquati con la tua urina.

38

Sta male, Cornificio, il tuo Catullo,

sta male, mio dio, e soffre

ogni giorno, ogni ora di piú.

E tu nemmeno una parola,

quella che costa meno, la piú facile.

Ti odio. Questo il tuo amore?

Una parola, una parola qualunque

piú triste del pianto di Simonide.

39

Per mostrare il candore dei suoi denti,

Egnazio ride, ride d'ogni cosa.

Ride mentre l'avvocato strappa le lacrime

davanti alla sbarra degli imputati;

ride quando fra un coro di lamenti

disperatamente una madre piange

di fronte al rogo del suo unico figliolo.

In ogni circostanza, in ogni luogo,

qualsiasi cosa faccia, ride, ride.

Ha questa malattia, che certo non è,

io ritengo, civile o di buon gusto.

Dovrò proprio ammonirti, Egnazio mio.

Se tu fossi romano, sabino o di Tivoli,

un umbro grasso o un etrusco obeso,

un lanuvino bruno e tutto denti,

uno dell'oltrepò, per metterci anche i miei,

cioè uno dei tanti che con acqua pura

si lava i denti, anche allora vorrei che tu

non ridessi continuamente d'ogni cosa:

niente è piú sciocco di un modo sciocco di ridere.

Ma tu sei spagnolo e in terra di Spagna

la mattina tutti si strofinano a sangue

gengive e denti con la propria urina.

Cosí piú bianchi sono questi vostri denti

e piú rivelano il piscio che hai bevuto.

40

Quale strana pazzia ti getta, Ràvido,

come uno sciocco in bocca alla mia collera?

Quale dio invocato malamente

ti spinge a questa stupida contesa?

per correre sulle labbra di tutti?

Che vuoi? esser famoso ad ogni costo?

Lo sarai, ma per la follia d'amare

chi amo, tu lo sarai con infamia.

41

Diecimila sesterzi tondi m'ha chiesto

Ameana, quella puttanella fottuta,

quella puttanella dal naso deforme

mammola del gran fallito di Formia.

Parenti che l'avete in tutela,

convocate i medici e gli amici:

quella è matta. Non si guarda mai

in uno specchio? Farnetica.

42

Avanti, endecasillabi, accorrete,

tutti, tutti quanti, dovunque siete, tutti.

Beffandosi di me questa puttana infame

non vuole piú restituirmi i taccuini

che mi appartengono: non permettetelo.

Non diamole respiro, li rivoglio.

Se vi preme saperlo, è questa che dimena

il culo e ride sguaiata mostrando i denti

come una baldracca, un cane randagio.

Circondatela e gridatele addosso:

'Lurida puttana, restituiscili,

restituiscili, puttana lurida'.

Te ne freghi? Sei una fogna, una troia,

la carogna piú infame che ci sia.

Ma questo evidentemente non basta.

Se non altro, che bruci di vergogna,

femmina di bronzo, muso di cagna.

Gridatele addosso ancora piú forte:

'Lurida puttana, restituiscili,

restituiscili, puttana lurida'.

Non si ottiene niente, niente la scuote.

Bisognerà proprio cambiare tono,

se vogliamo ottenere qualcosa: 'Di grazia,

fiore d'ogni virtú, rendimi i taccuini'.

43

Buon dio, ragazza, con quel nasone,

quei piedacci, con gli occhi spenti,

quelle dita tozze e la bocca molle,

con quel tuo linguaggio volgare,

proprio te, puttanella di quel fallito

di Formia, dicono bella i provinciali?

e ti paragonano alla mia Lesbia?

O società imbecille e senza gusto.

44

Campagna mia, sabina o tiburtina

(ma chi non ha cuore di ferirmi sostiene

che tu sei tiburtina, anche se gli altri

per dirti sabina darebbero ogni cosa),

sabina dunque o tiburtina come è vero,

con gioia sono stato lí nella tua villa

fuori Roma a liberarmi di quella tosse

maledetta che certo ho ben meritato

per l'ingordigia di gustare un pranzo splendido.

Volevo godermi la tavola di Sestio:

mi son dovuto leggere un discorso livido

e velenoso contro Anzio, suo rivale.

Di colpo mi scoppia un raffreddore, una tosse

secca, finché non son fuggito qui da te

per curarmi con riposo e decotti.

Ora sto bene e posso quindi ringraziarti

di non aver punito la mia colpa.

Se dovessi subire ancora i suoi libelli,

voglio che il loro lievore procuri a lui,

non a me, brividi e tosse: quello m'invita

solo per leggere i suoi maledetti scritti.

45

Stringendosi fra le braccia Acme, Settimio

sussurra al suo amore: 'Acme, Acme mia,

se da morirne non ti amo o t'amerò

per tutti, tutti gli anni da venire

come chi amando d'amore può morire,

gettatemi in Libia, nei deserti dell'India,

solo davanti agli occhi verdi di un leone'.

Quando tacque, come prima a sinistra,

a destra starnutí Amore il suo consenso.

Acme allora, piegando leggermente il capo,

con le sue labbra di rosa bacia sugli occhi

inebriati d'amore il suo dolce amante:

'Sempre,' gli dice 'Settimillo anima mia,

dovremo servire quest'unico signore,

come sempre piú forte e violento mi brucia

in corpo un desiderio senza freni'.

Quando tacque, a sinistra, come prima

a destra, starnutí Amore il suo consenso.

Ora spinti da cosí buoni auspici,

un'anima sola, amano, sono amati.

Piú di tutte le Sirie e le Britannie

il povero Settimio vuole solo Acme;

la fedele Acme solo in Settimio

trova piacere e la voglia d'amare.

Chi ha mai visto coppia piú felice,

un amore sotto migliori auspici?

46

È primavera, tornano i giorni miti

e la brezza leggera dello zefiro

spegne nel cielo la furia dell'inverno.

Lasciamo i campi della Frigia, Catullo,

le pianure fertili e afose di Nicea;

via in volo per le città luminose dell'Asia.

Irrequieto ti brucia una febbre di andare

e nel desiderio ritrovi la tua forza.

Addio, dolce compagnia di amici:

partiti insieme dalla patria lontana,

ognuno per strade diverse ritorneremo.

47

Voi mani ladre di Pisone, Porcio,

Socrazio, rogna e flagello del mondo,

quel lurido Priapo ha preferito

al mio dolce Veranio, al mio Fabullo?

Voi, quando ancora è giorno, imbandite

banchetti prelibati; i miei amici

mendicano un invito per le strade.

48

Se i tuoi occhi di miele, Giovenzio,

mi fosse lecito baciare,

migliaia di volte io li bacerei

e non potrei esserne mai sazio,

anche se piú fitta di spighe mature

fosse la messe dei miei baci.

49

Verbosissimo fra tutti i romani

che a Roma sono, furono e saranno,

Marco Tullio, in tutti gli anni a venire,

a te porge il suo grazie piú sentito

Catullo, il peggior poeta del mondo,

il peggior poeta del mondo come

tu del mondo sei il migliore avvocato.

50

Ieri, Licinio, per passare il tempo

ci siamo divertiti a improvvisare

sui miei quaderni in delizioso accordo.

Scrivendo versi abbiamo perso l'anima

a misurarci su questo o quel metro,

uno dopo l'altro, nell'allegria del vino.

E me ne sono andato di là incantato,

Licinio, dalla grazia del tuo spirito,

cosí stranito da scordarmi di cenare,

da non riuscire nemmeno a chiudere occhio:

vinto dall'emozione mi son rivoltato

dentro il letto smaniando che facesse giorno

per poterti parlare, per stare con te.

Ma ora che, morto di stanchezza, il mio corpo

senza piú forze sul letto ha trovato pace,

ho scritto per te, amico mio, questi versi,

perché tu potessi capire la mia pena.

Non essere sprezzante, non respingere

di grazia, occhi miei, le mie preghiere:

provocheresti il castigo di Nemesi.

È una dea terribile, non offenderla.

51

Simile a un dio mi sembra che sia

e forse piú di un dio, vorrei dire,

chi, sedendoti accanto, gli occhi fissi

ti ascolta ridere

dolcemente; ed io mi sento morire

d'invidia: quando ti guardo io, Lesbia,

a me non rimane in cuore nemmeno

un po' di voce,

la lingua si secca e un fuoco sottile

mi scorre nelle ossa, le orecchie

mi ronzano dentro e su questi occhi

scende la notte.

51b

L'ozio, Catullo, questo è il tuo pericolo,

nell'ozio ti esalti sino a goderne;

l'ozio che anche re e città potenti

portò a rovina.

52

Che vuoi, Catullo? meglio morire.

Scrofola Nonio è magistrato,

Vatinio giura il falso per un consolato.

Che vuoi, Catullo? meglio morire.

53

Vuoi ridere? poco fa, accusandolo

in tribunale, il mio Calvo inchioda

Vatinio ai suoi delitti: entusiasta

uno del pubblico si sbraccia e grida:

'Gran dio, che oratore quel cazzetto!'

54

Il miserabile cazzo di Ottone,

le gambe sporche e rozze d'Erio, il peto

sinistramente lieve di Libone,

a te e a Sufficio, quel vecchio rifatto,

almeno questo dovrebbe spiacere.

E torna pure ad incazzarti Cesare

generalissimo, contro i miei versi

innocenti.

55

Se non ti dispiace troppo, ti prego,

dimmi in quali tenebre ti nascondi.

Ti ho cercato al piccolo Campo Marzio,

al Circo, in tutti i buchi dei librai,

nel tempio consacrato a Giove Massimo.

E poi sotto i portici di Pompeo

ho fermato, amico, tutte le femmine

che vedevo col volto soddisfatto.

Urlavo cosí, chiedendo di te:

'Ridatemi Camerio, malefemmine'.

'Scoprimi il petto,' mi risponde una

'l'ho qui fra le rose dei miei capezzoli.'

Certo trovarti è una fatica d'Ercole.

Perché ti nascondi con tanto sdegno?

Avanti, amico, dove sei finito?

Coraggio, rischia, esci allo scoperto.

Ti attira il latte di bambina, ora?

Ma se tieni la bocca suggellata

perdi tutti i piaceri dell'amore.

Venere ama chi non sa tacere.

Se vuoi però, serra pure la bocca,

purché anch'io divida il vostro amore.

56

Scherzo cosí divertente, Catone,

è giusto che tu lo sappia e ne rida.

Ridine per l'amore che mi porti:

credi, è uno scherzo troppo divertente.

Sorpreso un ragazzino che si fotte

una fanciulla, io, Venere mia,

col cazzo ritto, un fulmine, l'inculo.

57

Una bella coppia di canaglie fottute

quel finocchio di Mamurra e tu, Cesare.

Non è strano: macchiati delle stesse infamie,

a Formia o qui a Roma, se le portano

impresse e niente potrà cancellarle:

due gemelli infarciti di letteratura

sui vizi comuni allo stesso letto,

l'uno piú avido dell'altro nel corrompere,

rivali e soci delle ragazzine.

Una bella coppia di canaglie fottute.

58

Celio, la mia Lesbia, quella Lesbia,

quella sola Lesbia che amavo

piú di ogni cosa e di me stesso,

ora all'angolo dei vicoli spreme

questa gioventú dorata di Remo.

58b

Nemmeno se diventassi il custode

di Creta, l'alato Perseo o Ladas,

nemmeno se fossi portato in volo

da Pegaso o dai candidi cavalli

di Reso e tu, Camerio, mi offrissi

in aiuto chiunque abbia ali,

gli uccelli o l'impeto stesso dei venti,

riuscirei a non essere distrutto

di stanchezza, sfinito di fatica

a furia di cercarti, amico mio.

59

Si succhia il cazzo di un tribuno

la rossa bolognese moglie di Menenio,

quella che nei cimiteri vedi ogni giorno

rubare il cibo ai roghi

e mentre si getta sul pane

che rotola dal fuoco,

frustata da un crematore rasato

per punizione.

60

Una leonessa sui monti di Libia o Scilla

che dentro ringhia sordamente, chi,

chi t'ha generato con l'animo cosí inumano

e duro da disprezzare il grido che t'implora

nella sventura estrema, cuore, cuore selvaggio?

61

Tu che vivi, figlio d'Urania,

sol colle d'Elicona e affidi

all'uomo la tenera vergine

rapita, o Imeneo Imen,

o Imen Imeneo,

cingi le tempie con i fiori

di maggiorana profumata,

prendi il velo di fiamma e qui

lieto, qui vieni col tuo piede

bianco fasciato d'oro:

eccitato dall'allegria

del giorno, con voce squillante

canta gli inni nuziali, batti

coi piedi la terra e impugna

la fiaccola di pino.

Oggi Vinia a Manlio va sposa,

bella come la dea di Cipro

quando andò al giudizio di Paride,

vergine che si sposa

con gli auspici migliori,

splendente come nella Misia

ramoscello di mirto in fiore,

che le dee degli alberi nutrono

con gocce di rugiada

per poterne godere.

Vieni dunque e senza fermarti

lascia le grotte delle Muse

sulla montagna di Tespie,

bagnate dalle fresche acque

della fonte Aganippe,

e chiama a casa la padrona,

stringendo in un nodo d'amore

il desiderio dello sposo,

come intorno al tronco si avvinghia

con la sua forza l'edera.

E anche voi, candide vergini,

che avrete un giorno come questo,

seguendo il ritmo cantate

in coro 'o Imeneo Imen,

o Imen Imeneo',

perché piú volentieri,

sentendosi chiamare al rito,

lui che ispira onesti piaceri,

che ogni amore onesto annoda,

accorra qui fra noi.

Nessun dio è piú implorato

da un amante riamato,

nessuno è piú onorato in cielo

da noi, o Imeneo Imen,

o Imen Imeneo.

Per i figli t'invoca il padre

tremando, in tuo onore sciolgono

le vergini la loro veste,

col timore del desiderio

ti ascoltano i mariti.

E tu, strappandola dal grembo

della madre, abbandoni a un giovane

brutale una fanciulla appena

in fiore, o Imeneo Imen,

o Imen Imeneo.

Nessun piacere che sia lecito

può prendere senza di te

l'amore: solo se tu vuoi

è possibile. Non è facile

essere come te.

Senza di te nessuna casa

può dare figli che sostengano

il padre: solo se tu vuoi

è possibile. Non è facile

essere come te.

Una terra senza i tuoi riti

non avrà difensori ai suoi

confini: solo se tu vuoi

potrà averli. Non è facile

essere come te.

Spalancate le porte: vieni,

fanciulla, e guarda come splende

la fiamma delle torce al vento.

. . .

. . .

. . .

. . .

Il suo pudore la trattiene e,

sentendone il richiamo, piange

ora che deve andare.

Non piangere, non c'è pericolo

che una donna piú bella

di te, Aurunculeia,

veda sorgere dall'Oceano

i bagliori del giorno.

Bella come un giacinto

fra i mille colori dei fiori

in uno splendido giardino,

dove sei? il giorno se ne va:

esci, sposa bambina.

Esci, esci bambina. Ascoltami,

se credi che sia giunto il tempo.

Guarda come s'è fatta d'oro

la fiamma delle torce al vento:

esci, esci bambina.

Non hai un marito irrequieto

che per cercare in qualche avventura

il piacere del tradimento,

voglia riposare lontano

dal tuo giovane seno.

E come la vite flessuosa

si avvince agli alberi vicini,

lui dal tuo abbraccio sarà

vinto. Ma il giorno se ne va:

esci, esci bambina.

O letto, letto dell'amore

. . .

. . .

. . .

letto bianco d'avorio,

quanta gioia procurerai

al tuo padrone e quanta lui

ne godrà nel volo di notti e

giorni. Ma il giorno se ne va:

esci, esci bambina.

Alzate le torce, fanciulli,

ecco, viene il velo di fiamma.

Cantate, cantate con noi

'Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo'.

Scoppieranno tutti gli scherzi

pungenti del canto di nozze

e tu, ragazzo, lascia, lascia

le noci ai bambini: l'amore

del padrone è finito.

Su, dà queste noci ai bambini,

languido amico: hai giocato

fin troppo con le noci: ora

dovrai adattarti a Talasio.

Dai le noci, ragazzo.

Sino ad oggi, ragazzo mio,

disprezzavi le contadine:

ora chi ti faceva i riccioli

te li taglia. Povero, povero

ragazzo, dà le noci.

Si dice, sposo profumato,

che tu non sappia rinunciare

ai ragazzi; ma devi farlo.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

Certo, solo piaceri leciti

erano i tuoi, ma ad un marito

nemmeno questi sono leciti.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

E tu, sposa, non rifiutare

a tuo marito ciò che chiede,

mai o andrà a cercarselo altrove.

lo Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

Ecco la casa del tuo uomo,

cosí potente e fortunata:

lascia che sia come desideri,

lo Imeneo Imen lo,

Io Imen Imeneo,

finché la candida vecchiaia

con il tremito delle tempie

dica di sí a tutti, a tutto.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

Varcando questa porta liscia,

per augurio, oltre la soglia

posa il tuo piedino dorato.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

Vedi, in casa c'è tuo marito

sdraiato sul letto di porpora

e ti tende le braccia.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

Anche dentro il suo petto brucia

la stessa fiamma che ti brucia,

ma piú profondamente.

O Imeneo Imen Io,

o Imen Imeneo.

Lascia libero il braccio morbido

di questa bambina, ragazzo:

il letto nuziale l'attende.

Io Imeneo Imen Io,

Io Imen Imeneo.

E voi che siete state amate

solo dai vostri vecchi sposi,

coricatela nel suo letto.

Io Imeneo Imen lo,

Io Imen Imeneo.

Ora può venire lo sposo:

tua moglie è nel letto nuziale

e il suo viso in fiore risplende

bianco come una margherita,

rosso come il papavero.

E tu (mi assistano gli dei)

sei ugualmente bello: Venere

non si è certo dimenticata

di te. Ma il giorno se ne va:

avanti, non tardare.

No, tu non hai tardato molto:

sei qui. Venere sarà dolce

con te, perché ciò che tu vuoi

lo vuoi al sole e il tuo amore

non nascondi a nessuno.

Si provi a sommare i granelli

di sabbia nei deserti d'Africa,

le stelle che brillano in cielo,

chi vuol contare i vostri mille e

mille giochi d'amore.

Godetevi il piacere e presto

fate figlioli. Una famiglia

cosí antica non può vivere

senza figli, ma dal suo sangue

sempre deve rinascere.

Voglio che un piccolo Torquato,

tendendogli le mani

dal grembo della madre,

dolcemente, le labbra schiuse,

al padre suo sorrida.

E somigli tanto a suo padre,

a Manlio, che senza fatica

tutti lo riconoscano,

e rispecchi nel volto

l'onestà della madre.

E per virtú di madre

abbia sempre lode il suo sangue,

come eternamente a Telemaco

per la purezza di sua madre

rimane onore raro.

Sprangate le porte, fanciulle:

lo scherzo è finito. Ma voi,

dolci sposi, siate felici:

godetevi la giovinezza

nei piaceri d'amore.

62

Viene la sera e Vespero nel cielo

dopo estenuante attesa accende la sua luce.

In piedi, in piedi, ragazzi; via dalle mense:

qui verrà la vergine, si canterà l'imeneo.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Guardateli, ragazze, alzatevi con loro;

sull'Eta brilla di luce la stella della sera.

Sí, è cosí, sono balzati in piedi;

in piedi canteranno e dovremo ascoltarli.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Non avremo vittoria facile, compagni.

Osservate come ripetono e ripetono

il loro canto: sarà memorabile,

v'impegnano tutte le loro forze.

E noi abbiamo la mente rivolta altrove:

vinceranno, meritano questa vittoria.

Ma almeno ora prestate un po' d'attenzione:

cominciano a cantare, dovremo rispondere.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Non vola in cielo stella piú crudele, Espero,

se puoi strappare una figlia all'abbraccio di sua madre,

strapparla a quell'abbraccio che non vuol lasciare,

per abbandonarla innocente all'ardore di un giovane.

Un nemico non è piú crudele coi vinti.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Non splende in cielo stella piú gentile, Espero,

se con la tua luce suggelli quelle nozze

che sposo e genitori avevano deciso,

ma non strinsero prima che si alzasse la tua fiamma.

Puoi chiedere al cielo un'ora piú felice di questa?

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Espero ha rapito una di noi, compagne.

Al tuo apparire vegliano i custodi.

La notte cela i ladri, ma tu, Espero,

rispuntando al mattino, li sorprendi.

E le ragazze in pianto fingono di maledirti,

anche se maledicono chi invocano in segreto.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Come in un giardino germoglia solitario un fiore

sfuggito al gregge e mai sfiorato dall'aratro,

e il vento lo accarezza, lo nutrono sole e pioggia,

tutti i giovani vorrebbero coglierlo;

ma se sfiorisce divelto da un'unghia aguzza,

di tutti loro non lo desidera piú nessuno:

cosí una vergine è cara finché rimane pura,

ma quando violata perde il suo primo fiore,

non è piú gradita e cara a nessuno.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Come la vite che nasce isolata in terra spoglia

non riesce ad alzarsi né a maturare l'uva,

ma piegandosi sotto il peso del tenero fusto

quasi sfiora con le sue radici il tralcio piú alto

e da nessuno, contadini o buoi, è presa a cuore,

se per caso si lega in matrimonio all'olmo

tutti, contadini o buoi, l'hanno a cuore;

cosí invecchia trascurata una fanciulla vergine,

ma se a tempo debito stringe giuste nozze,

eluso l'odio del padre, avrà l'amore di un uomo.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

Dunque non opporti, vergine, a questo sposo

che ti ha dato tuo padre, non opporti:

a padre e madre si deve obbedire.

La verginità non è solo e tutta tua:

un terzo è del padre, un terzo della madre,

solo un terzo è tuo: non puoi opporti a loro

che con la dote al genero ti hanno data.

Imen o Imeneo, Imen vieni o Imeneo.

63

Solcato in fuga a vele spiegate il mare profondo,

Attis correndo raggiunse d'impeto il bosco frigio

e in mezzo alla foresta i luoghi oscuri della dea;

fuori di sé, in preda a una furia rabbiosa,

si recise il sesso con una pietra aguzza.

Sentì cosí ogni forza d'uomo sfuggirgli dal corpo

(goccia a goccia il suo sangue bagnava la terra);

strinse nelle mani candide il piccolo tamburo

di Cibele (il tuo tamburo, dei tuoi misteri, madre)

e battendo con dita delicate la sua pelle

in un tremito si rivolse alle compagne:

'Venite, Galle, venite tra i boschi di Cibele,

venite tutte, gregge errante della dea di Dindimo:

cercando esuli terre lontane, al mio comando

per seguirmi vi siete affidate, voi mie compagne,

che avete sfidato la furia rabbiosa del mare

e per orrore di Venere vi siete evirate,

rallegrate di corse pazze il cuore della dea.

No, no, nessun indugio, venite tutte, seguitemi

alla casa frigia di Cibele, alle sue foreste,

dove rombano i tamburi, dove squillano i cembali,

dove risuonano cupe le melodie del flauto,

dove, cinte d'edera, si dimenano le Mènadi,

dove con acute grida si celebrano i riti,

dove svolazza l'orda vagabonda della dea:

là con le nostre danze impetuose dobbiamo andare'.

Il canto di Attis ermafrodito alle compagne

provoca nella schiera un urlo scomposto di voci,

brontolano i tamburi, strepitano i cembali,

e corrono tutte al verde Ida come impazzite.

Perduta in un delirio se ne va Attis affannata,

guidandole tra boschi oscuri al suono del tamburo,

come una giovenca selvaggia che rifiuti il giogo:

dietro la sua furia si precipitano le Galle.

Raggiunto il tempio di Cibele cadono sfinite

e morte di fatica si addormentano digiune.

Languidamente un torpore suggella i loro occhi

e spegne nel sonno la furia rabbiosa del cuore.

Ma quando i raggi dorati del sole si diffusero

nell'alba livida sulla terra e il mare in tempesta,

diradando in un baleno le ombre della notte,

Attis si scuote e il sonno veloce s'allontana

fuggendo tra le braccia impazienti di Pasitea.

Svanito nelle nebbie del riposo il suo furore,

Attis rimugina in cuore ciò che aveva fatto

e a mente fredda comprende come s'era ridotto:

con l'animo in tumulto allora ritorna alla spiaggia.

E guardando il mare immenso, gli occhi pieni di lacrime,

con voce affranta si rivolge in pianto alla sua terra:

'Patria che m'hai creato, patria che m'hai generato,

come uno schiavo dannato che fugge dal padrone

t'ho abbandonato fuggendo ai boschi dell'Ida

per vivere tra la neve, in tane di belve

cacciandomi furiosa in ogni loro covo:

dove, dove potrò cercarti, patria mia?

Verso di te corrono gli occhi a volgere lo sguardo

se per un attimo questa rabbia mi dà respiro.

E dovrò dunque vivere in questi luoghi sperduti,

senza piú casa patria beni amici genitori,

senza piú fori palestre stadi e ginnasi?

Maledetta, lamentati piangi, anima mia.

Non c'è un aspetto che io, io non abbia assunto: donna,

uomo, giovinetto, ragazzo, tutto sono stato,

il fiore dei ginnasi, la gloria delle palestre.

Il calore della gente riempiva la mia casa

e quando al sorgere del sole lasciavo il mio letto

tutte le stanze erano ornate di fiori. Ora,

ordinata schiava di Cibele, questo sarò,

una Mènade, un rottame d'uomo, un eunuco

che vive tra le nevi gelide del verde Ida.

E trascinerò la vita sui monti della Frigia

tra cerve di foresta e cinghiali selvatici.

E piango, piango, mi dispero: non l'avessi fatto'.

Quando il grido sfuggitogli dalle labbra di rosa

giunse alle orecchie degli dei come una folgore,

subito sciolse Cibele i suoi leoni, aizzando

quello alla sua sinistra, quel predatore d'agnelli:

'Via, gettati contro di lui, che senta il tuo furore,

che costretto dalla tua furia ritorni nei boschi,

quello sciocco che sogna di sfuggire al mio potere.

Via, sfèrzati il dorso con la coda, battiti, battiti,

che tutta la terra sia assordata dal tuo ruggito,

atterrita dal fiammeggiare della tua criniera'.

Dopo le minacce Cibele libera la belva

e quella fulminea, scatenando la sua ferocia,

si getta alla caccia, ruggisce, fa strage di piante.

Giunta sulla riva umida e bianca della spiaggia

scorge il tenero Attis nel riverbero del mare

e scatta: quello impazzito fugge nella foresta.

Lí schiava rimase per tutto il resto della vita.

O dea, dea grande, dea Cibele, dea di Díndimo,

signora, allontana dalla mia casa il tuo furore:

scatena altri ai tuoi deliri, altri alla tua rabbia.

64

Un tempo i pini cresciuti in vetta al Pelio solcarono,

si dice, le onde limpide di Nettuno

sino alla foce del Fasi, alle terre di Eète,

quando un pugno di giovani, i piú forti degli Argivi,

decisi a sottrarre il vello d'oro ai Colchi,

affrontarono a forza il mare con la loro nave

battendo l'azzurra distesa coi remi d'abete.

La dea che abita sulle acropoli costruí

per loro una macchina che volava al primo vento,

fissò ai fianchi dello scafo il fasciame di pino

e battezzò la prora affidandola ad Anfitrite.

Cosí il giorno che il suo rostro solcò nel vento il mare

e sui remi le onde scintillarono di spuma,

dai gorghi abbaglianti sollevarono il volto fiero

le Nereidi marine stupite per il prodigio.

Quel giorno e mai piú dopo le Ninfe del mare

apparvero agli occhi dei mortali

nude sino al petto fuori dai gorghi spumeggianti.

Fu allora che Peleo s'innamorò di Teti

e Teti accettò di sposare un uomo:

allora Giove permise a Peleo di unirsi a Teti.

O eroi nati in secoli avvolti di nostalgia,

salute a voi, stirpe di dei, frutto divino

del grembo materno, salute:

io nel mio canto voi invocherò,

e piú di tutti te, Peleo, nobilitato

dalle nozze, te, colonna di Tessaglia, a cui Giove,

il padre degli dei, donò la sua amata.

E tua fu Teti, la piú bella figlia di Nereo:

Oceano, che cinge di mare la terra, e sua moglie

acconsentirono che tu sposassi la nipote.

Giunto infine il giorno tanto desiderato,

tutta la Tessaglia si riversa nella tua casa,

la reggia si riempie di una folla festosa,

tutti portano doni e in volto mostrano la gioia.

Lasciata Sciro, abbandonate Tempe in Tessaglia,

le case e le mura di Crannone e Larissa,

tutti corrono a Fàrsalo, una folla in ogni luogo.

Nessuno va piú nei campi: gli animali impigriscono,

i denti dei rastrelli non rimondano le viti,

il toro non dissoda piú col vomere la terra,

la falce non sfronda gli alberi attenuandone l'ombra:

in squallido abbandono arrugginiscono gli aratri.

Ma in ogni angolo la reggia dove lui viveva

risplende in uno sfolgorio di ori e argenti.

L'avorio bianco dei seggi, lo scintillio dei calici,

tutto il palazzo si accende del tesoro reale.

E nel cuore della casa è pronto il letto nuziale

della dea: inciso in avorio indiano, lo ricopre

una coltre tinta con la porpora rosa

delle conchiglie: le sue figure mostrano gesta

di eroi antichi con arte stupenda.

Ed ecco sulla riva di Dia fra scrosci di onde

Arianna vede fuggire Teseo all'orizzonte

sulla nave che veloce s'allontana e in cuore

presa dal delirio non vuol credere ai propri occhi,

ora che strappata alle illusioni del sonno

si ritrova abbandonata sulla spiaggia deserta.

Batte coi remi il mare, l'ha dimenticata, fugge,

lasciando che i venti disperdano le sue promesse.

E con sguardo disperato la figlia di Minosse

lo segue da lontano, tra le alghe, una baccante

di marmo, travolta da un'ondata d'angoscia;

lo segue, i biondi capelli scomposti, senza nastri,

il petto scoperto, senza che lo veli una veste,

senza un laccio che leghi il suo seno di latte:

scivolate dal corpo quelle vesti giacciono

sparse ai suoi piedi: un gioco per le onde del mare.

Ma lei non si cura di nastri o di veli che cadono:

a te con tutto il cuore, Teseo, con tutta l'anima,

a te con tutta la sua mente si avvinghia perduta.

Sventurata: con le sue continue torture,

seminandole il cuore di spine, Ericina

l'ha fatta impazzire il giorno che Teseo, lasciato

il golfo del Pireo, giunse arditamente

a Gortina nel palazzo di un re iniquo.

Costretta, sembra, da una spaventosa epidemia,

per espiare l'uccisione di Androgeo

la città di Cècrope immolava al Minotauro

i giovani migliori, il fiore delle vergini.

Di fronte al dolore che tormentava quelle mura

Teseo decise di sacrificare se stesso,

perché cessassero dalla sua cara Atene a Creta

quei lugubri convogli di morti viventi:

sulle ali del vento con una nave da corsa

approdò alla reggia dell'implacabile Minosse.

Qui tra i profumi soavi del suo letto di vergine,

con un desiderio improvviso negli occhi lo guarda

la figlia del re, sbocciata in braccio a sua madre

come i mirti nutriti dalle acque dell'Eurota

o i colori vivaci che inventa la primavera;

e da lui non riesce a distogliere lo sguardo

in fiamme, tutto il suo corpo è un inferno

che arde fin dentro le ossa, in tutte le viscere.

Tu, cuore crudele, che procuri questi tormenti,

che mescoli gioie a dolori, divino fanciullo,

e tu, regina di Golgi, dei boschi sull'Idalio,

in che tempeste l'avete gettata: tutta un fuoco,

per il biondo straniero lei ora si strugge

e che vuoti di paura si porta in cuore.

Come impallidí con i riflessi dell'oro in viso,

quando Teseo, rischiando la gloria o la morte,

si accinse a combattere contro quel mostro spietato.

Ma i suoi piccoli, inutili doni agli dei, i voti

sussurrati a fior di labbra non furono respinti.

Come tempesta selvaggia sulla cima del Tauro

piega una quercia che agita le braccia o un abete

che suda resina carico di pigne e ne scalza

di furia il tronco, che divelto dalle sue radici

cade riverso distruggendo tutto quanto incontra,

Teseo spezzandogli la schiena vinse quel mostro

che al vuoto scagliava cornate senza senso.

E di là avvolto di gloria ritorna incolume

seguendo con un filo sottile i passi perduti,

perché il groviglio inestricabile del labirinto

non gli impedisca d'uscire dal fondo del palazzo.

Ma basta divagare: devo dire altro:

fuggendo lo sguardo di suo padre, l'abbraccio

della sorella e della madre che l'amava

perdutamente, quella figliuola impazzita

a tutti preferisce il dolce amore di Teseo

e va per mare alla riva spumeggiante di Dia;

qui vinta dal sonno chiude gli occhi; l'amante,

che l'ha dimenticata, fugge, l'abbandona.

E lei sconvolta dal fuoco che ha in cuore

con tutta la voce grida la sua disperazione,

cupa si arrampica sulle scogliere a picco

per spingere lo sguardo oltre la distesa infinita

del mare o corre incontro alle sue onde inquiete

alzando la veste leggera sulle gambe ignude

e nello sgomento del suo dolore si lamenta,

singhiozza, un gelo dentro, il viso bagnato di lacrime.

'Tu, tu perfido, tu Teseo, dal mio focolare

m'hai strappato per lasciarmi su una spiaggia deserta'

Fuggi; non pensi, hai dimenticato i giuramenti,

le leggi divine, la maledizione che porti?

Niente dunque ha potuto distoglierti da un proposito

cosí crudele? Nessuna dolcezza che insinuasse

nella ferocia del tuo cuore un poco di pietà?

Un tempo la tua voce suadente mi accarezzava

di speranze, non mi prometteva l'inferno,

ma la gioia delle nozze, l'amore che sognavo:

ora tutto è svanito, lo disperde il vento.

No, nessuna donna creda ai giuramenti di un uomo,

nessuna s'illuda che sia sincero quando parla:

se in cuore li rode il desiderio di possedere,

non temono giuramenti, promettono, promettono,

e sfogata la furia della loro voglia,

impassibili scordano promesse e giuramenti.

Ma io ti salvai mentre ti dibattevi nel vortice

della morte, lasciando che morisse mio fratello

piuttosto che abbandonarti a te stesso, traditore.

In cambio sarò gettata da sbranare a rapaci

e belve, e non avrò un pugno di terra sulla tomba.

Chi, forse una leonessa su una rupe deserta,

chi t'ha generato? il rigurgito bianco del mare?

le Sirti, la furia di Scilla, il gorgo di Cariddi?

È questo il premio per la vita che t'ho regalato?

Se in cuor tuo non pensavi di farmi tua sposa

perché temevi il severo giudizio di tuo padre,

avresti potuto almeno condurmi a casa tua

come schiava: ti avrei servito con gioia, in ginocchio,

accarezzando con acqua fresca i tuoi piedi candidi

o stendendo sul tuo letto una coperta di porpora.

Ma perché, perché pazza di dolore, mi lamento

col vento che non sa nulla? non ha sensi, non può

udire le parole che grido, non può rispondermi.

Ormai lui ha quasi raggiunto il mare aperto

e qui fra queste alghe non vedo nessuno.

Con scherno feroce la sorte mi nega in quest'ora

disperata anche chi possa ascoltare i miei lamenti.

Non fosse mai venuto il giorno, Giove onnipotente,

in cui le navi di Atene approdarono a Cnosso:

quel marinaio infido non sarebbe sceso a Creta

portando al Minotauro il suo maledetto tributo,

e non l'avremmo ospitato se in un viso gentile

non avesse nascosto l'infamia dei suoi propositi.

Che fare? non ho speranza, nulla, sono perduta.

Tornare ai monti di Creta dai quali mi divide

coi suoi gorghi la distesa minacciosa del mare?

E sperare in mio padre? l'ho lasciato per seguire

un giovane coperto del sangue di mio fratello.

Consolarmi nell'amore fedele dello sposo?

è in fuga: i remi si curvano docili nell'acqua.

E questa è un'isola deserta, senza un rifugio,

circondata dal mare, non ha vie d'uscita:

nessuna speranza di fuggire: tutto è silenzio,

solitudine, tutto mi parla di morte.

Ma prima che nella morte si spengano i miei occhi

e la vita abbandoni il mio corpo stremato,

io chiedo agli dei vendetta per questo tradimento

e imploro nell'ora estrema la loro protezione.

Voi, voi che colpite di vendetta i crimini umani,

voi, Eumènidi, che avete serpenti per capelli

a mostrare l'ira che prorompe dal petto,

venite, venite qui, ascoltate i lamenti

che l'infelicità mi strappa dalle viscere:

impotente, il cuore in fiamme, cieca di rabbia.

È un grido che mi nasce dentro, vero, giusto:

non lasciate che il mio dolore resti invendicato:

col cuore che gli consentí d'abbandonarmi, o dee,

Teseo precipiti se stesso e i suoi nel lutto.'

Quando il grido della sua disperazione si spense

con la supplica di punire quel crimine odioso,

il re dei celesti annuí con gesto irrevocabile

e a questo tremò la terra, tremarono le onde

increspate del mare e in cielo le stelle lucenti.

La mente di Teseo fu annebbiata dalle tenebre

e tutti gli ordini che egli custodiva con cura

dentro di sé, gli caddero dal cuore smemorato:

cosí dimentica di segnalare al padre in ansia

che tornava incolume al porto di Eretteo.

A suo tempo Egeo, affidando ai venti il figlio

che lasciava con le sue navi le mura di Atene,

gli aveva dato abbracciandolo questi ordini:

'Figliolo, unica gioia di tutta la mia vita,

ora che alla fine dei miei giorni io t'ho riavuto,

figlio mio, ti devo abbandonare a questo rischio:

la mia sventura e il tuo coraggio ti strappano a me

senza rimedio e i miei occhi indeboliti

non potranno saziarsi del tuo volto amato;

no, non ti lascerò partire con animo lieto,

non permetterò che tu innalzi insegne di gioia;

devo prima sfogare il cuore di tutto il suo pianto,

sporcare di terra e polvere i miei capelli bianchi;

poi alzerò sul tuo albero vele nere al vento,

perché il loro colore lugubre come la ruggine

ricordi il mio dolore, il fuoco che mi brucia.

Ma se la dea, che abita la sacra Itono e giura

di difendere il popolo e la città di Eretteo,

ti lascerà affondare il polso nel sangue del toro,

cerca che questi ordini, nascosti in fondo al cuore,

rimangano vivi e che mai il tempo li cancelli:

appena scorgerai lontano i nostri colli

ammaina dagli alberi le insegne di lutto

e con solide funi alza vele candide,

perché vedendole a festa io riconosca subito

i segnali che annunciano il tuo felice ritorno'.

Ma questi ordini che custodiva a forza in cuore

fuggirono da Teseo come nubi disperse

dal vento sulla cima di un monte bianco di neve.

E il padre che scrutava l'orizzonte dall'acropoli

struggendo gli occhi angosciati in continuo pianto,

all'apparire delle vele gonfiate dal vento,

certo che il destino gli avesse tolto il figlio,

si gettò impazzito dall'alto della rupe.

Cosí dentro la sua casa in lutto per questa morte

il crudele Teseo provò su di sé il dolore

che aveva inflitto ad Arianna dimenticandola.

E lei guarda tristemente la nave allontanarsi

trafitta in cuore dai mille affanni che la tormentano.

Ma dall'altro lato scende a volo il giovane Iacco

con il suo seguito di Satiri e Sileni,

cercando te, acceso d'amore per te, Arianna.

E con lui, in preda a pazzia, eccitate si agitano,

dimenando la testa al grido evoè, le Baccanti.

Alcune scuotono i pampini in cima ai tirsi,

altre spargono le membra di un vitello squartato,

si cingono la fronte di serpenti attorcigliati

o celebrano con riti oscuri quel culto

misterioso che i profani vorrebbero conoscere.

Battono a mani aperte i loro timpani,

traggono squilli acuti dal bronzo dei cembali

o soffiano dai corni boati profondi,

mentre il flauto barbaro stride rumori terribili.

Con queste splendide immagini era decorata

la coltre che copriva a drappeggio il letto nuziale.

Quando la gioventú di Tessaglia si fu stancata

di ammirarla, cedette il posto agli ospiti divini.

Come zefiro, mentre alle porte del sole a volo

sorge l'aurora, increspa con la brezza del mattino

il mare tranquillo e alza una ad una le onde,

che prima sospinte da un soffio leggero si muovono

pigre e risuonano appena con sussurri di risa,

poi col crescere del vento via via s'infittiscono

e lontano si accendono di riflessi vermigli,

cosí lasciando il palazzo reale, in fretta

ciascuno per vie diverse ritorna a casa.

Dopo la loro partenza, dalla cima del Pelio

prima arriva Chirone coi doni della foresta:

sono fiori di campo, tutti quelli che in Tessaglia

nascono sui monti, i fiori che il tepore fecondo

del favonio fa sbocciare sulla riva dei fiumi:

li porta intrecciati in ghirlande alla rinfusa

e alla carezza di quei profumi ride la casa.

Poi dalla verde valle di Tempe, da quella valle

tutta circondata a monte di foreste e lasciata

alle danze sacre delle ninfe, viene Peneo

a mani colme: porta strappati dalle radici

faggi altissimi e lauri dal tronco dritto e slanciato,

un platano che vibra, l'agile pianta sorella

di Fetonte arso vivo, e un alto cipresso.

Tutto intorno alla reggia intreccia i loro rami

perché il verde delle foghe veli l'atrio di fresco.

Lo segue Prometeo, quell'ingegno sottile,

con ancora qualche segno del castigo subíto

quando un tempo lontano fu stretto in catene

ad una roccia sospesa sull'orlo di un abisso.

Poi il padre degli dei con la sua sposa divina

e tutti i figli: lascia nel cielo te solo, Febo,

e tua sorella che abita sui monti dell'Idro:

lei, che come te disprezza Peleo,

non può onorare le fiaccole nuziali di Teti.

Assisi gli dei in seggi bianchi come la neve

e imbandite le mense con ogni sorta di cibi,

le Parche, scosse in corpo da un brivido incerto,

intonarono il canto delle loro profezie.

Una veste candida orlata di porpora ai piedi

avvolgeva come un manto il loro corpo tremante,

bende rosa incoronavano le tempie di neve,

le mani ripetevano il loro eterno lavoro.

La sinistra stringeva la rocca avvolta di lana,

la destra, tirando piano i fili, li lavorava

fra le dita torcendoli col pollice abbassato

e girava il fuso equilibrato dalla sua ruota;

coi denti toglievano ogni imperfezione al lavoro

e i bioccoli strappati alla superficie dei fili

pendevano dalle sottili labbra rinsecchite;

ai loro piedi cesti di vimini raccoglievano

in matasse morbide il candido filato.

E filando le loro matasse, con voce chiara

rivelavano in un canto profetico destini

che nessun futuro potrà accusare di menzogna.

'O tu che esalti di virtú la nobiltà del nome,

baluardo di Tessaglia, tu carissimo a Giove,

ascolta le profezie che in questa festa ti svelano

le tre sorelle. E voi, che ordite di trame il destino,

girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Ora Espero verrà a portarti ciò che desiderano

i mariti e con la dolce stella verrà la sposa

a colmare d'amore il tuo cuore indifeso,

a confondere il tuo sonno col suo languore

stringendoti intorno al collo le sue braccia sottili.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Nessuna casa mai vide un amore come questo,

nessun amore uní due amanti con la passione

di questo che lega l'uno all'altra Peleo e Teti.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Da voi nascerà Achille, incapace di paura,

di lui il nemico vedrà solo il petto, mai la schiena;

cosí veloce nella corsa da vincere sempre

e precedere il lampo di una cerva in fuga.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Nessun guerriero si potrà misurare con lui

quando la Frigia sarà un lago di sangue troiano

e il terzo erede di Pèlope lo spergiuro

devasterà, dopo l'assedio, le mura di Troia.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Quante madri dovranno sulla tomba dei figlioli

riconoscergli gesta e valore incredibili,

strappandosi dal capo i grigi capelli scomposti,

graffiandosi il petto avvizzito con mani tremanti.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Come un mietitore falciando la messe di spighe

spoglia i campi ingialliti sotto la sferza del sole

lui abbatterà i Troiani col suo ferro implacabile.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Testimone delle sue gesta sarà lo Scamandro

che da piú bocche si getta nei flutti d'Ellesponto:

Achille coprirà il suo letto di cadaveri

riscaldando col sangue le acque profonde.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

E lo attesterà la vittima offerta alla sua morte,

quando in cima al suo tumulo, una montagna di terra,

cadrà il pallido corpo della vergine immolata.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Appena il destino avrà concesso agli stanchi Achei

di abbattere le mura di Nettuno intorno a Troia,

il grande tumulo berrà il sangue di Polissena,

che vittima stroncata da un colpo di scure

s'affloscerà sulle ginocchia, un tronco senza vita.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Ma ora stringete il vostro desiderio d'amore:

accolga lo sposo con patto fecondo la dea,

si dia la sposa al marito impaziente.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.

Rivedendola il mattino dopo la sua nutrice

non potrà piú cingerle il collo col filo di ieri

(girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate),

e la madre, preoccupata che la sua figliola

dormisse sola, potrà sperare in cari nipoti.

Girate avvolgendo i vostri fili, fusi girate.'

Questo l'augurio di felicità che rivelarono,

cantando con voce divina, le Parche a Peleo.

Un tempo, quando non si spregiava la fede,

i celesti visitavano le case onorate

degli eroi, si mostravano ai convegni degli uomini.

E nei giorni sacri delle feste annuali

piú volte il padre degli dei, tornando nel suo tempio

splendente di luce, vide un'ecatombe di tori.

Cosí Libero, errando sulla cima del Parnaso,

guidò le Tíadi che urlano a capelli sciolti

e la gente di Delfi accorrendo dalla città

l'accolse felice tra il fumo degli altari.

Un tempo nei rischi mortali della guerra Marte,

la signora del violento Tritone e Nemesi

incitarono con la loro presenza gli eserciti.

Ma poi la terra si macchiò di crimini incredibili,

le passioni bandirono dal cuore la giustizia

e di sangue fraterno si bagnarono i fratelli,

i figli non piansero piú i loro genitori.

il padre si augurò la morte del suo primogenito

per cogliere in pace il fiore di una matrigna vergine,

la madre piegandosi alle voglie inconsce del figlio

non si curò di profanare il ricordo dei morti:

e mescolare il bene al male con furore infame

ci alienò la misericordia degli dei.

Cosí piú non si avventurano in mezzo a noi,

non sopportano che la luce del giorno li sfiori.

65

L'angoscia sfibrante di un dolore senza tregua

mi distoglie, Òrtalo, da ogni volontà di vivere

e nell'incertezza di questa sofferenza non penso piú

di trovare nelle parole il conforto della poesia:

l'onda che nasce dal gorgo di Lete ora, ora

bagna il piede pallido ora di mio fratello:

strappato ai miei occhi, la terra di Troia

ora lo dissolve sotto il peso della sua collina.

Ti parlerò e non ti sentirò parlare,

mai, mai piú ti rivedrò, fratello mio:

amato piú della mia vita, sempre ti amerò,

sempre mi terrò in cuore il pianto per la tua morte,

come l'usignolo tra le ombre piú folte dei rami

piange nel suo canto la sorte straziante di Iti.

Ma anche in cosí grande tristezza, Òrtalo,

eccoti questi versi tradotti da Callimaco,

perché tu non creda che, disperse nel vento,

le tue parole mi siano sfuggite dalla mente,

come scivola dal grembo di una ragazzina

il pomo che in segreto le donò l'innamorato,

quando, scordatasi d'averlo fra le pieghe della veste,

sussulta trasognata all'arrivo della madre

e le sguscia via: cade in terra il pomo rotolando

e il suo viso afflitto avvampa di vergogna.

66

Chi dell'universo distinse tutte le luci

e scoprí il sorgere e il tramontare delle stelle,

come si oscura in un lampo la fiamma del sole

e in che giorni dell'anno si nascondono gli astri,

come per tenero amore la luna dall'orbita

tra le rupi di Latmo furtiva s'allontana;

proprio quello, grazie agli dei, Conone mi vide,

staccata dal capo di Berenice, brillare

di luce, la chioma che lei, tendendo le braccia

morbide, promise in voto ad ogni dea del cielo,

quando il suo re, reso piú grande da queste nozze,

partí per devastare le terre degli Assiri,

col ricordo in cuore della lotta sostenuta

per vincere la sua verginità quella notte.

Ma detestano l'amore queste spose o frustrano

la gioia dei genitori con tutte le lacrime

false che spargono davanti al letto nuziale?

Testimonino gli dei, se quel pianto è vero.

Me lo rivelò coi suoi lamenti la regina,

quando il marito si accinse ad una guerra atroce.

Certo non piangevi solo per un letto vuoto,

ma per l'angoscia che ti lasciasse il tuo amore.

Un'ansia senza fine ti divorava dentro

e ti tremava il cuore, ti sentivi svenire,

impazzivi. Ma fin da quando eri bambina

io ti ritenevo coraggiosa: non ricordi

dunque l'impresa che nessun uomo avrebbe osato,

quella che ti permise di essere regina?

Come ti lamentavi salutando il marito

mio dio, quante lacrime asciugò la tua mano.

Ma chi degli dei ti ha cosí mutata? O forse

gli amanti non sanno proprio vivere lontani?

Sacrificando un toro mi promettesti allora

a tutti quanti gli dei, se fosse ritornato

il tuo amato sposo. E lui poco tempo dopo,

conquistata l'Asia, l'uní al regno egiziano.

Ora per questa impresa accolta in mezzo ai celesti,

sciolgo con un dono insolito il voto promesso.

Non volevo, regina, lasciare la tua fronte,

non volevo: lo giuro su di te, sul tuo capo

e chi giura il falso abbia la pena che si merita:

ma chi può pretendere d'essere uguale al ferro?

Anche quel monte, il piú alto su cui batte il figlio

luminoso di Thia, fu spezzato dal ferro,

quando i Medi crearono un nuovo mare e i barbari

passarono con le loro navi in mezzo all'Athos.

Come resistere, se anche i monti si arrendono

al ferro? Stermina, Giove, il popolo dei Càlibi,

che per primi cercarono il ferro sottoterra

tentando ostinati di piegarne la durezza.

I capelli da cui ero recisa piangevano

la mia sorte, quando il cavallo alato di Arsínoe,

nato con l'etiope Mèmnone da stessa madre,

battendo le ali a fendere l'aria, mi prese

e sollevandomi in volo attraverso le tenebre

celesti, mi pose nel grembo casto di Venere.

La greca abitatrice dei lidi di Canòpo,

Venere Zefirítide stessa l'ha mandato,

perché fra tutte le stelle del cielo divino

non fosse posta soltanto la corona d'oro

tolta alle tempie di Arianna, ma anch'io risplendessi,

chioma recisa per voto da una testa bionda.

E ancora umida di pianto la dea mi pose

nel firmamento, nuova stella fra quelle antiche.

Io, sfiorando le costellazioni della Vergine

e dell'ardente Leone, insieme con Callisto

volgo ad occidente guidando il lento Boòte,

che solo all'alba s'immerge nel profondo Oceano.

Ma benché di notte senta il passo degli dei

e l'alba mi restituisca alla bianca Teti,

questo non mi rallegra: sapermi ormai lontana

(lasciami parlare, ti prego, vergine Nemesi:

non so tacere la mia verità per paura,

gli astri possono coprirmi di maledizioni,

ripeterò la verità che nascondo in cuore),

sapermi lontana dal capo di Berenice,

questo mi angoscia: quand'era fanciulla i profumi

non servivano, anche se poi ne provai migliaia.

E voi, giunte alle nozze com'era il desiderio,

non offrite allo sposo adorato il vostro corpo

lasciando cadere la veste a scoprire il seno,

prima di donare a me la gioia di un profumo,

il vostro profumo, voi che onorate l'amore.

Ma i doni nefasti di chi commette adulterio

li beva senza frutto la polvere leggera:

io certo non chiedo nulla a chi non ne sia degno.

Voglio piuttosto che la concordia dell'amore

in eterno sempre, sempre abiti con voi.

E se guardando le stelle placherai, regina,

nelle notti di festa la tua divina Venere,

non lasciarla senza sacrifici, perché tua

per le tue offerte io possa essere ancora.

Tornino com'erano le stelle ed io regina

con Berenice, o splenda Orione dentro l'Aquario.

67

Salute a te, porta,

cosí cara a un buon marito,

a un padre:

ti benedica Giove.

Si dice che un tempo

tu abbia servito onestamente

il vecchio Balbo

finché visse in questa casa,

ma anche che tu abbia poi

disonorato questa fede,

quando, stecchito il vecchio,

hai stretto un altro vincolo.

Avanti, dimmi tutto.

Tu sei cambiata:

dov'è finita

la tua proverbiale fedeltà

al padrone?

La colpa non è mia,

anche se dicono cosí

(mi perdoni Cecilio

a cui ora appartengo).

Nessuno può dire

che io abbia sulla coscienza

qualche peccato.

Ma per certa gente

è sempre la porta

la causa di tutto

e qualunque malefatta si scopra

tutti mi gridano:

'porta, la colpa è tua'.

Non basta dirlo:

è una parola.

Dovresti fare in modo

che ognuno se ne rendesse conto.

E come?

Non gliene frega a nessuno

di saperlo.

Ma a me sí:

avanti, dimmi come stanno le cose.

Primo: se dicono che quella

mi è stata affidata vergine,

è falso.

Non può certo averla toccata

per primo il marito

con quel cosino pendente,

piú moscio di una bietola lessa,

che non ha mai sollevato

di tanto la sua tunica.

Sembra piuttosto

che sia stato il padre

a violare il letto del figlio,

disonorando

quella gente disgraziata.

Forse una passione insana

ardeva nel suo cuore sciagurato

o forse l'impotenza,

che rendeva sterile il figlio,

l'indusse a credere

che fosse necessario un piolo

capace di sciogliere

il nodo della vergine.

Un padre straordinario,

mi dici,

di una bontà cosí incredibile

da bagnare lui stesso

l'orto del figliolo.

Non è tutto.

Sembra che sotto il castello chineo,

a Brescia,

attraversata pigramente

dalle acque gialle del Mella,

a Brescia,

l'amata madre della mia Verona,

si sappia ben altro;

di Postumio,

della passione di Cornelio,

coi quali, si mormora,

lei avrebbe consumato

infami adulteri.

'E tu come lo sai?'

si dirà.

'Una porta non può staccarsi

dalla soglia del padrone,

né origliare ciò che dice la gente;

infissa nell'architrave

non fa altro

che aprire o chiudere la casa.'

Lo so, perché l'ho sentita parlare

a bassa voce, in un canto

con le sue servette

di queste vergogne,

e faceva i nomi

di quelli che ho detto,

convinta che non avessi

né orecchie né lingua.

Ed anche di un altro,

del quale non faccio il nome,

perché non aggrotti

le sue rosse sopracciglia.

È un tipo alto,

che un tempo ha subíto

un processo famoso

per il figlio inventato

da una falsa gestante.

68

Che tu sconvolto dal dolore della tua sventura

mi scriva questa lettera impregnata di lacrime,

perché come un naufrago travolto dalla violenza

del mare io ti soccorra e ti salvi in punto di morte,

ora che nella solitudine del letto Venere

non ti concede di trovare la pace del sonno

e le Muse piú non ti rallegrano nell'angoscia

della veglia con la dolcezza dei poeti antichi,

mi è caro, caro che a me, come amico sincero,

tu chieda il conforto affettuoso della poesia.

Ma perché anche tu, Allio, conosca le mie amarezze

e non creda che io rinneghi i doveri dell'ospite,

ascolta in che traversie io stesso sono immerso

e non chiedere a un infelice di donarti gioia.

Al tempo della mia prima toga candida, quando

l'età fiorita si godeva la sua primavera,

mi abbandonai a vivere e certo lo sa la dea

che dolce e amaro mescola in ogni affanno d'amore,

ma tutto, tutto nel pianto la morte del fratello

ha cancellato. Ahimè fratello, fratello mio,

tu con la tua morte tu ogni gioia m'hai spezzato,

con te tutta la nostra casa con te hai sepolto,

con te ogni mia felicità, che nella tua vita

tu di dolce amore ti nutrivi, con te è finita.

E con la sua morte io ho bandito dalla mente

le mie fantasie, ogni piacere dello spirito.

Ora tu mi scrivi 'è indegno restare a Verona,

Catullo, mentre qui uno dei tuoi piú vecchi amici

cerca calore nella solitudine di un letto';

no, Allio, non è indegno, ma triste, questo sí.

Mi perdonerai dunque se non ti offro quei doni

che il lutto anche a me ha tolto, ma non mi è possibile.

E poi non ho con me i miei libri, le mie poesie,

perché io vivo a Roma, lo sai, e lí è la casa

dove abito, dove si consuma la mia vita:

qui di tanti libri non ne ho che una dozzina.

Stando cosí le cose, non vorrei che tu pensassi

ad una forma di grettezza o di falsa amicizia,

se non ti mando nessuno dei doni che mi chiedi:

ti donerei anche di piú, se mi fosse possibile.

Ma non posso certo tacere, o dee, quanto, come

e con quale tenerezza Allio m'abbia aiutato,

e perché il tempo fuggendo verso l'oblio dei secoli

non ricopra di nera notte questo suo affetto,

io lo dirò a voi e voi dovrete dirlo a tutti:

fate che queste carte continuino a parlarne

. . .

e sempre, sempre piú in morte diventi famoso,

non lasciate che tessendo la sua trama sottile

il ragno avvolga di indifferenza il nome di Albo.

E voi sapete che tormenti m'abbia dato Venere

con la sua ambiguità, a che punto m'abbia ridotto,

quando io bruciavo come la rupe di Sicilia

o la sorgente Màlia alle Termopili dell'Eta,

o gli occhi dolenti si consumavano nel pianto

bagnando le guance di una amara pioggia di lacrime,

come dalla cima di un monte che si perde in cielo

sgorga limpido un ruscello tra i muschi delle rocce

che, precipitando a valle lungo tutto il pendio,

penetra attraverso le strade affollate di gente,

alleviando la stanchezza e il sudore dei viandanti

quando il caldo opprimente screpola i campi riarsi.

E come nel buio della tempesta i marinai

sentono arrivare in un soffio il vento favorevole

invocato nelle preghiere a Castore e Polluce,

cosí fu per me l'aiuto che mi venne da Allio.

Egli mi aprì davanti un campo che m'era vietato:

a me, alla mia donna egli diede la sua casa,

perché lí vivessimo il nostro reciproco amore.

E lí entrando con passo leggero la mia dea

si fermò bianca di luce sulla soglia consunta,

puntando il suo piede nel sandalo con un fruscio;

cosí un tempo bruciando per lui d'amore entrò

Laodamía nella casa di Protesilào,

una casa costruita invano perché col sangue

mai vittima aveva conciliato gli dei del cielo.

Nessun desiderio, vergine Nemesi, mi spinga

a rischiare tanto contro il volere degli dei.

Che sete abbia di sangue un altare senza vittime

l'apprese Laodamía perdendo suo marito,

quando dovette staccarsi dal collo dello sposo

prima che inverno dopo inverno potesse saziarne

nelle sue notti interminabili l'ansia d'amore,

perché riuscisse a vivere separata da lui

(ma le Parche sapevano che fine avrebbe fatto,

se fosse andato in armi sotto le mura di Troia).

Allora, per il ratto di Elena, proprio allora

Troia chiamava a sé i migliori uomini di Grecia,

Troia, infame, fossa comune d'Asia e d'Europa,

Troia, cenere amara d'eroi e d'ogni eroismo,

quella, quella che anche mio fratello ha spinto a morte

senza perdono. Ahimè fratello, fratello mio,

persa anche la gioia della luce, fratello mio,

con te tutta la nostra casa con te hai sepolto,

con te ogni mia felicità, che nella tua vita

tu di dolce amore ti nutrivi, con te è finita.

Ed ora lui fra sepolcri sconosciuti lontano,

composto lontano dalle ceneri dei parenti,

in questa Troia oscena, in questa Troia maledetta,

terra straniera lo incatena ai confini del mondo.

Là da ogni parte accorse tutta la gioventú greca

abbandonando il proprio focolare, perché Paride

non trascorresse indisturbato in un letto tranquillo

i suoi ozi, godendosi la femmina rapita.

E per questa sventura, Laodamía bellissima,

ti fu strappato uno sposo piú dolce della vita,

del tuo stesso respiro: inghiottendoti nel suo vortice

la passione ti gettò in un baratro senza fondo,

come quello che a Fèneo sotto il Cillène prosciuga,

secondo i Greci, il terreno assorbendone gli umori,

quello che si dice abbia scavato il falso figlio

di Anfitrione attraverso le viscere del monte,

nei giorni in cui abbatté con le sue frecce infallibili

i mostri di Stínfalo per ordine di un tiranno,

perché alle porte del cielo salissero altri dei

ed Ebe non rimanesse vergine eternamente.

Ma piú profondo d'ogni baratro fu il tuo amore,

che t'insegnò a sopportare mansueta quel giogo:

niente è cosí caro a un padre incalzato dagli anni

come il nipote inatteso nato alla sua figliola,

che riconosciuto erede di tutte le ricchezze

e incluso col suo nome nel testamento del nonno,

troncando la turpe gioia del parente deriso,

dal capo bianco fa volar via quell'avvoltoio;

né mai del suo candido compagno prende piacere

cosí grande la colomba, che a furia di beccate

strappa un bacio dopo l'altro con un'avidità

che non possiede la piú insaziabile delle donne;

ma tu, tu da sola hai superato l'intensità

del loro amore, quando abbracciasti il tuo biondo eroe.

E affascinante o quasi come te in quegli istanti,

la luce mia in un abbraccio si strinse al mio grembo,

e volandole tutto intorno candido di luce

risplendeva Amore nella sua tunica di croco.

Anche se non le basta Catullo, sopporterò,

purché sia donna discreta, qualche amore furtivo

per non rendermi noioso come fanno gli sciocchi.

Giunone stessa, regina dei cieli, seppe vincere,

abituata com'era all'infedeltà di Giove,

l'ira per le colpe del suo capriccioso marito.

Ma non si può paragonare gli uomini agli dei:

smettila con queste pose da vecchio rimbambito,

non fu certo la mano del padre che la condusse,

avvolta di profumi orientali, nella mia casa,

ma lei stessa, fuggendo dalle braccia del marito,

a me si donò furtiva in una notte di sogno.

E questo mi basta, se lei ricorderà felici

quegli istanti che solo a me, a me solo ha donato.

Per tutto quello che m'hai dato dunque, accetta in dono

questi versi, Allio, scritti come meglio ho potuto,

perché in tutto il tempo a venire nessun giorno mai

possa corrodere di ruggine nera il tuo nome.

Ed infiniti vi aggiungeranno gli dei quei doni,

che Temi dava un tempo in premio agli uomini giusti.

Siate felici, tu e l'anima della tua vita,

e la casa in cui ci amammo io e la donna mia,

e chi da allora mi concede e mi nega rifugio

perché da lui viene la ragione d'ogni mio bene,

ma innanzi a tutti lei, piú cara di me stesso, lei,

la luce mia, che con la sua mi fa dolce la vita.

69

Non ti stupire se nessuna donna, Rufo,

vuol concederti il suo tenero corpo,

nemmeno se la tenti col dono prezioso

di una veste o la malia di un gioiello.

Hai una triste fama: sotto le tue ascelle

pare che viva un orrido caprone.

Questo il timore. Certo: è una mala bestia

e le belle donne con lei non dormono.

Allontana l'incubo di questo fetore

o non stupirti se quelle ti fuggono.

70

Solo con te farei l'amore, dice la donna mia,

solo con te, anche se mi volesse Giove.

Dice: ma ciò che dice una donna a un amante impazzito

devi scriverlo sul vento, sull'acqua che scorre.

71

Se è giusto che un fetore animale l'affligga nelle ascelle

o che il torpore della gotta a ragione lo tormenti,

questo tuo rivale, che si fotte la tua amante,

per un prodigio ha contratto da te tutti e due i malanni.

Cosí tutte le volte che chiava, ti vendica d'entrambi:

col fetore appesta lei e lui di gotta se ne muore.

72

Dicevi di far l'amore solo con me, una volta,

e di non aver voglia, Lesbia, neppure di Giove.

E io ti ho amato non come tutti un'amante,

ma come un padre ama ognuno dei suoi figli.

Ora so chi sei: e anche se piú intenso è il desiderio

ti sei ridotta per me sempre piú insignificante e vile.

Come mai, mi chiedi? Queste offese costringono,

vedi, ad amare di piú, ma con minore amore.

73

Non credere piú che l'affetto meriti qualcosa

o che qualcuno possa mai esserti grato.

L'ingratitudine è di tutti; e il bene fatto nulla

anzi fonte di amarezze e di mali peggiori.

Nessuno ora mi odia con piú crudele accanimento

di chi ieri mi considerava l'unico vero amico.

74

Gellio udiva sempre lo zio riprendere

chi parlasse o godesse d'amore.

Per evitarlo gli chiavò la moglie

rendendolo immagine stessa del silenzio.

Era il suo scopo: ora potrebbe anche

ficcarglielo in bocca, lo zio non fiaterebbe.

75

Cosí per colpa tua, mia Lesbia,

mi è caduto il cuore

e cosí si è logorato nella sua fedeltà,

che ormai non potrebbe piú volerti bene

anche se fossi migliore

o cessare d'amarti

per quanto tu faccia.

76

Se per l'uomo che ritiene di essere devoto,

di non aver tradito la parola data, né giurato

in nome degli dei per ingannare la fiducia

nei rapporti umani, è fonte di gioia il ricordo

del bene compiuto; gli anni futuri ti riservano

molte gioie, Catullo, per questo amore ingrato.

Tutto il bene che a un essere umano è possibile

fare o dire, tu l'hai detto e fatto: e tutto

si è perduto nell'ingratitudine di un cuore.

Perché dunque continui a tormentarti?

e non cerchi con tutta la volontà di liberarti

di una infelicità che gli dei non vogliono?

Difficile troncare a un tratto un lungo amore,

difficile certo, ma in qualche modo devi riuscire.

È l'unica salvezza, quindi devi ottenerla:

che sia possibile o no, lo devi fare.

Se vi è pietà in voi, dei, se in punto di morte,

nell'ora estrema, recaste mai aiuto a qualcuno,

guardate la mia infelicità e se ho vissuto onestamente

strappatemi da questo male che mi consuma,

che insinuatosi dentro di me nel piú profondo

come un torpore ha cancellato ogni gioia dal mio cuore.

Non chiedo piú che lei ricambi il mio amore,

né l'impossibile, che mi rimanga fedele:

voglio solo guarire e scordarmi di questo male oscuro.

O dei, per la mia devozione, accordatemi questo.

77

Per un trascurabile errore ti ho creduto amico.

Trascurabile, Rufo? e il prezzo del dolore?

Sei scivolato in me bruciandomi le viscere,

strappandomi ogni miserabile bene che avevo.

Ogni bene, tu che spietato mi avveleni la vita,

male incurabile della nostra amicizia.

78

Gallo ha due fratelli:

con una moglie adorabile il primo,

l'altro con un amore di figliolo.

Gallo è un uomo tenero:

intreccia il loro dolce amore

e quel ragazzo tenero

la donna tenera si gode.

Gallo è un uomo sciocco:

non ricorda piú d'aver moglie

e a suo nipote insegna

come cornificar lo zio.

78b

Ma questo ora m'addolora, che le labbra pure

di una bambina il tuo sudicio sperma abbia macchiato.

Avrai il tuo castigo: ti ricorderanno nei secoli

e anche decrepita la fama griderà chi sei.

79

Lesbio deve esser proprio bello.

Certo: Lesbia lo preferisce

a Catullo e a tutti i suoi amici.

Ma questo bello

venda schiavi Catullo e i suoi amici,

se rimedia anche solo un bacio

fra tre che lo conoscono.

80

Come mai, Gellio queste tue labbrucce di rosa

si fan piú bianche della neve d'inverno,

quando il mattino esci di casa o quando verso sera

nei giorni d'estate ti scuoti dal tuo dolce riposo?

Non capisco. O forse è vero, come si mormora,

che sei ginocchioni un divoratore di cazzi?

Certo è cosí: lo gridano le reni rotte di Vittorio,

poveretto, e le tue labbra macchiate dello sperma succhiato.

81

Possibile che fra tanti non vi fosse, Giovenzio,

un uomo garbato che tu desiderassi amare,

se non questo tuo ospite giunto da quel sepolcro

di Pesaro, piú pallido di una statua dorata?

Ora lo tieni in cuore e ormai piú di me stesso tu,

tu lo desideri: non sai che delitto commetti.

82

Se vuoi, Quinzio, che Catullo ti debba gli occhi

o cosa vi sia piú caro degli occhi,

non togliergli ciò che piú, piú degli occhi

o di cosa vi sia piú caro degli occhi, gli è caro.

83

Col marito Lesbia mi travolge d'ingiurie

e quello sciocco ne trae una gioia profonda.

Stronzo, non capisci? tacesse, m'avrebbe dimenticato,

sarebbe guarita, invece sbraita e m'insulta:

non solo ricorda, ma cosa ben piú grave

è furente. Brucia d'amore, per questo parla.

84

Volendo dire comodi Arrio diceva

homodi e in luogo d'insidie hinsidie,

convinto di parlare a perfezione

quando con tutto il fiato urlava hinsidie.

Credo proprio che sua madre, lo zio materno

ed anche i suoi nonni parlassero cosí.

Mandato in Siria, riposavano le orecchie

e riudivan le parole col giusto suono

senza piú temere d'ascoltarle storpiate.

D'un tratto ecco la notizia orribile:

Arrio ha solcato i flutti dello Ionio

e Ionio questo piú non è, ma Hionio.

85

Odio e amo. Me ne chiedi la ragione?

Non so, cosí accade e mi tormento.

86

Per molti Quinzia è bella, per me bianca, dritta,

slanciata. Questi pregi li riconosco,

ma non dirò certo che è bella: non ha grazia,

né un pizzico di sale in quel corpo superbo.

Bella è Lesbia, bellissima tutta fra tutte

a ognuna ha rapito ogni possibile grazia.

87

Nessuna donna potrà dire 'sono stata amata'

piú di quanto io ti ho amato, Lesbia mia.

Nessun legame avrà mai quella fedeltà

che nel mio amore io ti ho portato.

88

Come chiamare, Gellio, chi passa le sue notti

a chiavarsi, tutto nudo, madre e sorella?

Come chiamare chi vieta allo zio d'essere marito?

Senti l'enormità dell'infamia che commette?

Un'infamia che nemmeno Teti ai confini del mondo

o il padre delle ninfe Oceano potrebbe lavare.

Non vi è infamia che vada oltre questa,

nemmeno se piegato il capo divorassi te stesso.

89

Gellio è ridotto uno scheletro. Certo, con una madre

cosí attraente e sfrenata, quell'incantevole sorella,

con uno zio tanto accomodante e tutta quella schiera

di ragazze sue parenti, che sia stremato è naturale.

Anche se non toccasse niente oltre ciò che è proibito,

vi son fin troppe ragioni perché sia cosí stremato.

90

Un mago nasca dall'unione nefanda di Gellio

con la madre e apprenda l'arte persiana dei presagi.

Se l'infame religione dei Persiani è vera,

solo da madre e figlio potrà nascere un mago

che con i suoi scongiuri ottenga il favore degli dei

sciogliendo tra le fiamme il grasso delle viscere.

91

Nel mio infelice, nel disperato amore mio

certo non speravo, Gellio, che tu mi fossi amico

perché ti leggessi nel cuore o ti ritenessi fedele

e incapace di tramare le infamie piú turpi,

ma perché, pensavo, non ti è né madre né sorella

questa donna che d'amore forsennato mi divora.

E malgrado lunga consuetudine mi legasse a te,

non credevo che ciò fosse per te sufficiente.

Ma lo è stato: tanto è il piacere che tu provi

in ogni colpa dove vi sia un margine d'orrore.

92

Lesbia sparla sempre di me, senza respiro

di me: morissi se Lesbia non mi ama.

Lo so, son come lei: la copro ogni giorno

d'insulti, ma morissi se io non l'amo.

93

Non me ne importa niente di piacerti, Cesare,

né di sapere se sei bianco o nero.

94

Cazzo chiava, chiava cazzo; cosí

dev'essere: ad ogni erba la sua pentola.

95

Dopo nove inverni e nove estati di lavoro

finalmente la Zmyrna del mio Cinna è pubblicata,

mentre Ortensio mezzo milione di versi scrive

all'anno...

La Zmyrna arriverà sino alle acque profonde

del Sàtraco e ancora in secoli lontani sarà letta.

Gli Annali di Volusio invece moriranno a Padova

o forniranno cartaccia per avvolgere gli sgombri.

95b

Mi rimanga dunque in cuore il suo piccolo gioiello

e i profani si godano pure l'enfasi di Antímaco.

96

Se mai la tenerezza di un conforto può giungere

alle tombe silenziose, Calvo, dal nostro dolore,

dal rimpianto che rivive l'amore passato

e lamenta l'affetto perdutosi nel tempo,

certo Quintilia tanto s'incanta al tuo amore,

che piú non si dispera della sua vita breve.

97

Non è, buon dio, che credessi differente

l'odore della bocca e del culo di Emilio.

L'una non è piú pulita o sporca dell'altro,

ma forse è meglio e piú pulito il culo:

se non altro è senza denti: la bocca ha zanne

enormi e le gengive come un carro vecchio,

spalancata poi sembra la fica slabbrata

di una mula in calore quando piscia.

E lui ne fotte molte, si crede stupendo:

ma mandatelo a far l'asino nei mulini.

Quella che va con lui si leccherebbe

anche il culo di un boia appestato.

98

A nessuno peggiore di te, Vezio schifoso, si può dire

quel che si dice a ciarlatani e sciocchi:

se mai ne avessi bisogno, potresti leccar culi

e scarponi con questa tua linguaccia.

E se in un colpo, Vezio, vorrai ammazzarci tutti,

apri la bocca: otterrai in un colpo ciò che tu vuoi.

99

Mentre tu giocavi, dolcissimo Giovenzio,

io t'ho rubato un bacio piú dolce del miele.

Ma l'ho pagato caro: crocifisso

per piú di un'ora sono rimasto, ricordo,

a scusarmi con te senza che le mie lacrime

potessero spegnere la tua collera.

Subito ti sei asciugato le labbra umide

d'ogni goccia con tutte e due le mani,

perché non restasse traccia della mia bocca

quasi fosse la sborrata d'una puttana.

E m'hai fatto subire tutte le torture

d'amore, ogni supplizio possibile:

cosí quel bacio che m'era sembrato tanto

dolce, si è rivelato piú amaro del fiele.

Se questa è la pena a cui condanni un amore

infelice, mai piú ti ruberò un bacio.

100

Per Aufileno e Aufilena, fratello e sorella,

muoion d'amore i piú bei giovani di Verona,

per lui Celio, per lei Quinzio: puoi dirlo,

certo, un sodalizio dolcemente fraterno.

Chi preferire? te, Celio, che senza riserve

m'hai offerto la tua straordinaria amicizia

quando una fiamma feroce mi bruciava il cuore:

sii felice, Celio, e possa arriderti l'amore.

101

Di mare in mare, da un popolo all'altro

vengo a queste tue misere esequie, fratello,

per donarti l'ultima offerta che si deve ai morti

e invano parlare alle tue ceneri mute:

ora che la sorte a me ti ha strappato,

cosí crudelmente strappato, fratello infelice.

Pure, amaro dono per un rito estremo,

nell'uso antico dei padri accogli l'offerta

che ora ti affido: cosí intrisa del mio pianto.

E in eterno riposa, fratello mio, addio.

102

Se fiducioso un amico poté affidare all'altro

un segreto, sicuro della sua discreta fedeltà,

me stesso vedrai consacrato a questo giuramento

e credimi, Cornelio, muto come una statua.

103

Se vuoi, rendimi quei diecimila sesterzi, Silone,

e poi inalbera pure tutta la tua arroganza;

ma se a te piace il denaro, non fare il ruffiano

e smettila con tutta quella tua arroganza.

104

Come avrei potuto maledire la mia vita

se degli stessi occhi mi è piú cara?

Fosse cosí non ti amerei con questa rabbia:

ma tu d'ogni sciocchezza fai un dramma.

105

Fa di tutto quello stronzo per montare sul Pimpleo,

ma a colpi di forca giú lo precipitano le Muse.

106

Quando col banditore vedi un bel ragazzo,

cosa credi, che rifiuti di vendersi?

107

Se contro ogni speranza ottieni

ciò che desideravi in cuore,

una gioia insolita ti prende.

E questa è la mia gioia,

piú preziosa dell'oro:

a me tu ritorni, a me, Lesbia,

a un desiderio ormai senza speranza,

al mio desiderio ritorni,

a me, a me tu ti ridai.

O giorno luminoso!

Chi vivrà piú felice?

chi potrà mai pensare vita

piú, piú desiderabile di questa?

108

Se la tua bianca vecchiaia,

sporcata da vizi immondi,

dovesse, Cominio, essere troncata

per giudizio di popolo,

ti mozzerebbero questa tua lingua disonesta

per gettarla a un avvoltoio ingordo,

ti caverebbero gli occhi

perché li divorasse un corvo

nella sua gola nera,

ai cani lascerebbero i visceri,

ai lupi il resto.

109

Eterno, anima mia, senza ombre

mi prometti questo nostro amore.

Mio dio, fa' che prometta il vero

e lo dica sinceramente, col cuore.

Potesse durare tutta la vita

questo eterno giuramento d'amore.

110

Le buone femmine, Aufilena, son sempre da lodare:

accettano denaro per ciò che decidono di fare.

Ma tu prometti sapendo di mentire: non sei un'amica,

prendi solo e non la dai: sei una vergogna.

Concedersi è leale, non promettere sarebbe stato

da virtuosa; ma impadronirsi del denaro

con la frode, è peggio di quanto farebbe una puttana

che con tutto il suo corpo si prostituisce.

111

Accontentarsi di un uomo solo, Aufilena,

è fra le lodi la lode d'ogni donna;

ma meglio è concedersi come e a chi tu vuoi

che partorire cugini al proprio zio.

112

Grand'uomo, Nasone; ma un grand'uomo non è

chi ti fotte: che gran finocchio sei, Nasone.

113

Nel primo consolato di Pompeo due, Cinna,

scopavano Mecilia: ora console di nuovo

due sono rimasti, ma cresciuti ognuno

sino a mille: buon seme l'adulterio.

114

La tenuta di Fermo

non è considerata ricca a torto,

Cazzomamurra,

piena com'è di cose singolari:

cacciagione, pesci d'ogni specie,

prati, campi e selvaggina.

Non conta nulla:

con le spese si mangia il reddito.

Ammetto anche che sia ricca,

ma vi manca tutto.

Una bella tenuta,

ma col padrone in miseria.

115

Cazzomamurra ha circa trenta iugeri di prato

e quaranta di campi: il resto è mare.

E perché non potrebbe superare Creso in ricchezza

chi in un fondo solo possiede tutte queste meraviglie,

prati, campi, boschi immensi, pascoli e acquitrini

dai popoli del Nord sino al mare Oceano?

Tutte cose grandi, ma lui è piú grande ancora,

non è un uomo, è un grande cazzo minaccioso.

116

Con tutta la mia attenzione ho sperimentato

la forma in cui offrirti i canti di Callimaco

per renderti piú dolce e toglierti il desiderio

di colpirmi con le tue frecce rabbiose.

Ma vedo l'inutilità di questa fatica,

Gellio, e di averti pregato invano.

Con un mantello dunque eviterò i tuoi colpi,

ma i miei ti inchioderanno alla morte.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Blogger ha detto...

Trying to find the Best Dating Website? Create an account to find your perfect date.

Blogger ha detto...

FreedomPop is Britian's only 100% FREE mobile communications provider.

Voice, SMS & data plans are priced at £0.00/month.

Blogger ha detto...

New Diet Taps into Innovative Idea to Help Dieters Lose 15 Pounds in Just 21 Days!

Blogger ha detto...

eToro is the best forex trading platform for newbie and full-time traders.

 
eXTReMe Tracker